Crea sito

La strana morte di MARILYN MONROE – (05/08/1962)

Marilyn Monroe

Marilyn Monroe

Marilyn Monroe, nome d’arte di Norma Jeane Baker (Los Angeles, 1º giugno 1926 – Los Angeles, 5 agosto 1962), è stata un’attrice, cantante, modella e produttrice cinematografica statunitense.

È conosciuta principalmente per le sue interpretazioni di A qualcuno piace caldo (Golden Globe come Migliore attrice in un film commedia o musicale), Gli uomini preferiscono le biondeFermata d’autobusGli spostati e Quando la moglie è in vacanza. In quest’ultimo film c’è la scena del sollevamento della gonna su una griglia di aerazione, che ha contribuito alla creazione del mito di Marilyn

I Wanna be loved by you – Bella interpretazione di Marylin – Clicca Sopra

VIDEO 2 – VIDEO 3 La scena che “ha creato” il mito “Marilyn” – Clicca  

VIDEO 4 – VIDEO 5 – VIDEO 6 – La sua vita in Album – Clicca  

VIDEO 7 – Happy Birthday to you di Marilyn Monroe al Presidente Kennedy – Clicca 

VIDEO 8 – VIDEO 9 – La sua morte tratta da “Enigma”  – Clicca

VIDEO 10  – Il suo funerale – Clicca 

Marilyn Monroe nella famosa scena della gonna

Il suo mito è dovuto, oltre che al suo indiscutibile fascino, anche al suo talento artistico: Marilyn non era solo il “sogno proibito d’America”, ma era anche una bravissima attrice. Il fascino che emanava dal grande schermo e dalle copertine in carta patinata ha contribuito a farne un sex symbol fuori da ogni tempo; la fragilità che ha contraddistinto la sua esistenza (per molti versi tumultuosa e culminata in una morte tanto prematura quanto misteriosa) l’ha resa una vera e propria icona della cultura pop.

marilyn_monroe_giovane_

È stata anche una cantante, dalle doti non particolarmente eccelse ma con un timbro vocale in grado di affascinare l’ascoltatore. Fra i suoi successi, quasi tutti inseriti nel contesto dei film da lei interpretati, vi è anche la celeberrima My Heart Belongs To Daddy di Cole Porter. Altri grandi successi canori di Marilyn sono stati Bye Bye Baby, cantata nel film Gli uomini preferiscono le bionde, e I Wanna Be Loved By You, cantata nel film A qualcuno piace caldo. La Marilyn cantante è tuttavia ricordata più che altro per l’intervento canoro – immortalato in un enigmatico quanto affascinante filmato video in bianco e nero con l’artista illuminata da un semplice occhio di bue – al party di compleanno del presidente Kennedy, quando intonò – con fare malizioso ed ammiccante – Happy Birthday, Mr. President.

La Morte di Marilyn 

La morte di Marilyn Monroe

La morte dell’attrice statunitense Marilyn Monroe, avvenuta il 5 agosto 1962, ha suscitato clamore ed interesse nell’opinione pubblica.

Il giorno prima del decesso, l’attrice, che venne trovata morta nel letto della sua abitazione, si trovava nella sua casa a 12305 di Fifth Helena Drive, dove viveva da sola con la sua governante, Eunice Murray. Era controllata dai suoi vari medici; alcuni giorni prima della morte era stata visitata dall’internista Hyman Engelberg, il 1 agosto e il 3 agosto, che le fece delle iniezioni ricostituenti.

La Monroe, il giorno prima aveva più volte tentato di chiamare senza successo il suo ultimo amante Robert Kennedy, (tale affermazione trovò successivamente conferma grazie ad un operatore telefonico che riferì di diverse chiamate effettuate dall’attrice all’hotel dove Kennedy risiedeva e lasciò numerosi messaggi). L’attrice chiamò dunque per consolarsi il critico letterario ed amico Robert Slatzer, a cui confidò la tristezza di non riuscire a mettersi in contatto con il suo amato.

monroe_morta_scena

Il 4 agosto le aveva telefonato il suo ex marito Arthur Miller, poi verso le 18.30 l’amico massaggiatore Ralph Roberts, al quale aveva risposto lo psichiatra Ralph Greenson dicendo che Marilyn non si trovava in casa ed incuriosendo l’amico di ciò. L’ultima persona che le fece visita fu Patricia Newcomb che la vide molto nervosa.

Altra telefonata, questa volta ricevuta, quella di Joe di Maggio junior, il figlio di un altro dei suoi mariti, Joe di Maggio; Isadore Miller, padre di Arthur, non riuscì invece a parlare con lei. Più tardi, verso le 19.30 aveva chiamato anche Peter Lawford cognato del presidente degli Stati Uniti d’America, John Fitzgerald Kennedy. Tale telefonata fu confermata dallo stesso Lawford al giornalista Earl Wilson del New York Post solo anni dopo: le aveva telefonato per invitarla a cena, ma lei rifiutò, e nel salutarlo gli disse «goodbye»; tale saluto insospettì Lawford che chiamò l’agente di Marilyn Milton Rudinche poi cercò di chiamare l’attrice.

Versione ufficiale 

Marilyn Monroe morta

La versione ufficiale riporta che la governante camminando nel corso della notte per il corridoio vide la luce della stanza da letto della Monroe accesa, bussò alla porta ma non ebbe alcuna risposta. Erano le 3:30 circa. Poco dopo, preoccupata, chiamò lo psichiatra che aveva in cura Marilyn, Ralph Greenson. Quest’ultimo entrato nella camera da letto dell’attrice quando nell’appartamento era intanto giunto anche il medico Hyman Engelberg, ne uscì poco dopo, alle 4.25, annunciando la morte della Monroe. I presenti chiamarono quindi il dipartimento di polizia di West Los Angeles.

Le indagini furono affidate al tenente Robert E. Byron. L’attrice si era suicidata ingerendo una dose letale di Nembutal, 47 pasticche prese insieme a una dose sconosciuta di idrato di cloralio.

Altre versioni

Jack Clemmons 

A rispondere alla chiamata quella notte fu il sergente Jack Clemmons. Aveva telefonato Engelberg asserendo subito che si trattava di suicidio. Il poliziotto corse, preoccupato che fosse uno scherzo, all’abitazione della diva e nel frattempo chiamò un’altra pattuglia. Le fonti concordano nel dire che sia lui il primo ufficiale di polizia a giungere a casa della Monroe.

Eunice Murray gli disse che intorno alle 22.00 si era accorta della luce accesa nella camera della donna, ma non fece nulla trovando il fatto normale, ma dopo verso le 24.00 nuovamente si alzò si avvicinò alla porta, bussò ma nessuno le rispose. Non riuscendo a mettersi in contatto con la donna, preoccupata chiamò Greenson, vi era un buco di ore che venne giustificato affermando che stavano aspettando l’autorizzazione della Fox per avvertire le autorità della morte dell’attrice.

La scena che si presentava al sergente era totalmente confusa, descrisse nel suo rapporto la posizione in cui trovò il cadavere: stesa con la pancia in giù in diagonale, coperta dal lenzuolo, Greenson aggiunse che stava stringendo il telefono quando l’aveva trovata. Raccontò a Robert Slatzer che si trattava di un evidente omicidio, Venne informato dei fatti il capo della polizia William Parker. Tempo dopo in vista dell’imminente intervista che Clemmons voleva rilasciare al giornalistaWalter Winchell sull’accaduto venne allontanato per sempre.

Thomas Noguchi 

Thomas Noguchi era noto in tutto il mondo perché eseguiva le autopsie soltanto su personaggi celebri. Iniziò l’autopsia sull’attrice alle 10.30 del 5 agosto 1962, l’operazione durò 5 ore rivelò circa 8 mg di idrato di cloralio e circa la metà di nembutal nel suo sangue. Terminò dicendo che si trattava di un «avvelenamento acuto di barbiturici» ma lasciando scritto nel rapporto anche «in sospeso». Venne intervistato molte volte sull’accaduto ma non trovando pace chiamò per un consulto il tossicologo R.J. Abernethy  e spedì le carte che non gli arrivarono mai, che invece furono fotocopiate e archiviate.

marilyn_monroe_uccisa

Nel 1983 pubblicò un libro, coroner che descriveva in dettaglio le varie autopsie che aveva eseguito sulle celebrità. Nel mese di ottobre del 1985 dirà all’ABC Eyewitness News che durante l’autopsia non riuscì a spiegare le contusioni della donna ritrovate vicino all’anca e sulla schiena inoltre affermò che lo stomaco era quasi vuoto mentre non aveva trovato tracce di pillole ingerite.

James Hall 

Fra le varie testimonianze oculari vi era quella di James Hall, autista di ambulanze. La sua dichiarazione si colloca in linea temporale prima dell’arrivo della polizia, intorno alle 3.00. Come raccontò a Anthony Summers, accorrendo ad una chiamata lui e un medico trovarono Marilyn in semicoma, prima di trasportarla come richiesto,  le fornirono di ossigeno con cui la diva si riprese. La volevano portare in un ospedale per semplici controlli ma un medico non meglio identificato prese il corpo della donna e le fece un’iniezione intercardiaca che le spezzò una costola. L’attrice quindi morì, davanti ai suoi occhi, e non trovando altre parole definì l’accaduto omicidio. L’iniezione viene riferita anche da un’altra testimonianza, quella di Norman Jeffries, parente di Eunice, tuttofare, avvertito dalla parente.

Lionel Grandison  

Lionel Grandison era il vice coroner, il funzionario che firmò il certificato di morte con l’indicazione di suicidio. Affermò in seguito che aveva protestato vivacemente al momento, egli era convinto che non si trattasse di suicidio ma di omicidio e che venne costretto a firmare quel certificato, così come gli era stato posto. Era convinto che quei segni sul corpo dell’attrice che non trovarono spiegazione potessero essere provocati da un’iniezione e che i report dell’autopsia fossero stati alterati. Attaccò quindi pesantemente il suo capo, il coroner Theodore Curfey accusandolo di aver orchestrato il tutto.

John Miner  

John Miner era un procuratore che aveva assistito Noguchi durante l’autopsia, fu il primo a dissentire al riguardo dell’ipotesi del suicidio, notava la violenza con il quale quel corpo sembrava essere stato trattato, giungendo a scrivere nel suo rapporto «i can say definitely that it was not suicide» in seguito corresse le sue affermazioni, volendo dire che non si trattava di un suicidio intenzionale.

In seguito nel programma televisivo Hard Copy dichiarò che durante le indagini vennero trascurati alcuni elementi che non coincidevano con la tesi del suicidio.

marilyn_monroe_morte_dead_agosto_1962

Eunice R. Murray  

Eunice R. Murray (1902 – 1994) era l’amica, governante e arredatrice d’interni di Marilyn Monroe. Fu secondo la versione ufficiale la prima persona che si allarmò per il destino dell’attrice. Conosceva Ralph Greenson da molto tempo in quanto anni prima fu una sua paziente, e fu lui a chiederle di stare accanto all’attrice in quel periodo.

Durante le varie testimonianze rese cambiò più volte versione fino a quella raccontata nel libro da lei scritto, The last months redatto insieme a Rose Shade, nome da sposata di Rose Murray imparentata con Eunice, pubblicato nel 1975, anche se in realtà si trattava in buona parte di un’intervista rilasciata dalla testimone nell’estate del 1973. Qui raccontò di aver spostato il cadavere, pulito la camera da letto  e di aver lavato le lenzuola e i vestiti che indossava la donna. Aveva chiamato, prima della polizia, l’autista della limousine Rudy Kautzsky, che come testimoniò non vide mai il corpo dell’attrice quella sera, e il suo genero Norman Jeffries. Cambiò versione anche per quanto riguarda la posizione in cui trovò il corpo: inizialmente disse di aver trovato il corpo a terra, e poi sul letto nell’intento di effettuare una telefonata e ancora dopo nudo sempre sul letto.

Si trattavano degli ultimi giorni di lavoro della donna in quanto era stata licenziata

La tomba di Marilyn Monroe

Ralph Greenson  

Romeo Samuel Greenschpoon (1911 – 1979), è stato un celebre psichiatra che ebbe fra i suoi pazienti oltre Marilyn anche Tony Curtis, Frank Sinatra, Vivien Leigh e altri. Lui fu il primo a trovare il cadavere, durante le indagini emersero, per le sue dichiarazioni, alcuni lati oscuri della vicenda:

  • Testimoniò che la donna ingerì un flacone intero di barbiturici: inizialmente non fu trovata traccia di alcun contenitore di acqua o altro liquido vicino al corpo. In seguito venne ritrovato un bicchiere mezzo vuoto vicino al letto dell’attrice, anche se si registrò un guasto nell’impianto idraulico segnalato poco prima dalla governante.
  • Testimoniò che infranse il vetro della finestra della camera da letto per entrare nella stanza della donna, chiusa a chiave, ma le tracce, i residui dei frammenti di vetro infranto vennero trovate all’esterno della villa e non nella camera come avrebbe dovuto essere, suggerendo che la finestra fosse stata invece rotta dall’interno.

Intorno alla mezzanotte del 5 agosto, il sergente Lynn Franklin fermò una mercedes nera vicino a Roxbury Drive, viaggiava a 120 km all’ora superando di molto il limite massimo di velocità. Alla guida dell’auto vi era Peter Lawford, dietro, riconosciuto dal poliziotto, Bob Kennedy. Vi era una terza persona e quando vide delle foto la riconobbe in Greenson. In seguito rilasciò un’intervista per un documentario francese dove non fece menzione del nome dello psichiatra.

Bernie Spindel  

Bernard Spindel (chiamato Bernie) era un esperto di intercettazioni telefoniche, che aveva collaborato più volte con l’FBI. All’epoca disse di lavorare per Jimmy Hoffa e che da lui ebbe l’incarico di sorvegliare le telefonate che provenivano dalla casa dell’attrice. A suo dire aveva registrato conversazioni di entrambi i fratelli Kennedy ma tali conversazioni vennero sequestrate.

L’esistenza di tali nastri fu confermata da Bill Holt, esperto di esplosivi e dall’avvocato Micheal Morrissey. Secondo la testimonianza di Spindel, si registrò una telefonata nelle prime ore del 5 agosto dove si sentiva chiaramente una voce che chiedeva se una persona fosse morta, come da dichiarazione resa lui stesso davanti a Frank Hogan.

William Graf poi smentì quanto dichiarato da Spindel. Anni dopo, nel 1983, quando la villa fu comprata dall’attrice Veronica Hamel, durante i piccoli restauri e le nuove installazioni furono trovati dei cavi telefonici aggiuntivi a quelli normalmente usati.

I Funerali

Funerale di Marilyn Monroe

Tempo prima aveva confidato a Truman Capote durante un funerale all’universal funeral home dell’attrice Constance Collier che avrebbe voluto che le sue ceneri fossero sparse lungo le onde del mare.

Di Maggio si occupò dei funerali, che si tennero al Westwood Memorial Park l’8 agosto 1962. Secondo quanto riferì la sorellastra di Marilyn, Berniece Baker Miracle, che dalla Florida prese un aereo per la West Coast non appena ricevette la notizia, Di Maggio volle prendersi cura di tutte le pratiche e lei acconsentì.

Marilyn è sepolta in un loculo al Westwood Village Memorial Park Cemetery. Aveva fatto seppellire lì anche Grace Goddard perché vi era sepolta anche la zia di Grace – che si prese cura di Norma Jeane per un breve periodo.

Quando il medico legale diede il nulla osta per il funerale dell’attrice, dopo l’autopsia, i suoi più stretti collaboratori prepararono la salma per la camera ardente. AllanWhitey Snyder, fedele truccatore di Marilyn da alcuni anni, si occupò, con l’aiuto della costumista Marjorie Plecher (10 giugno 1925 – 4 ottobre 2009), della parrucchiera della Fox Agnes Flanagan e di Pearl Porterfield di rendere per l’ultima volta il suo volto sfavillante di luce e di colori. Le fu poi fissata sulla testa la parrucca bionda e liscia con frangetta che aveva portato nel film Gli spostati. Una sua collaboratrice ottenne che Marilyn indossasse per l’estremo viaggio un abito verde dello stilista fiorentino Emilio Pucci che l’attrice aveva acquistato recentemente. Poiché, dopo l’intervento del patologo, non c’era più traccia dei seni, il reggiseno fu riempito con della stoffa. Hugh Hefner ha acquistato una tomba accanto a quella di Marilyn per 85.000 dollari; l’altra tomba adiacente è stata venduta per 125.000 dollari. Non vi sono altre tombe disponibili accanto alla sua.

L’ex marito, Joe Di Maggio, nei primi tempi dopo la morte di Marilyn, portò personalmente una volta a settimana un mazzo di rose rosse sulla tomba dell’attrice, in seguito, per quasi un ventennio, sino al 1982 li fece recapitare da un fioraio, ma solo in ricorrenza del compleanno. Diversamente farà Slatzer che deporrà per tutta la vita delle rose bianche sulla tomba.

Marylin Monroe giovane

Il Testamento di Marilyn Monroe

Nel testamento si leggono i beneficiari:

  • Bernice Miracle: 10.000 dollari
  • Norman e Hedda Rosten: 5.000 dollari (devoluti in favore della figlia, Patricia)
  • Xénia Karlovna Ziller (vedova di Michael Chekhov) : 2.500 dollari ogni anno
  • Gladys Baker: 5.000 dollari ogni anno
  • May Reis: (la segretaria) 10.000 dollari a cui si aggiunse un 25% del bilancio
  • Marianne Kris: 25% del bilancio, che avrebbe dovuto donare ad un ente di sua scelta
  • Lee Strasberg: 50% del bilancio a cui si aggiungevano beni personali

Marilyn_Monroe_1949_Beach_

La seconda moglie di Lee Strasberg, Anna, ricavò moltissimo dai beni dell’attrice e curò il Marilyn Monroe Theater e il Marilyn Monroe Museum

Anna Freud, creò la Hampstead Child-Therapy Clinic con sede a Londra, fu questo l’ente beneficiario scelta da Marianne Kris, tale società venne anche riconosciuta come «legataria principale» dei diritti dovuti all’immagine dell’attrice, ricavando circa un milione e mezzo di dollari all’anno per diversi anni.

Inez Melson, l’amministratrice dei beni di Monroe e la tutrice della madre dell’attrice, con il suo legale Allen Stein impugnò il testamento, volendo dimostrare che lo scritto era stato redatto sotto l’influenza di Marianne Kris: era l’ottobre del 1962. Il procuratore di New York considerò valido il testamento. ( 3ago18 )

Per sempre nella storia 

Testo tratto e modificato:   http://it.wikipedia.org/wiki/Marylin_Monroe

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.