Crea sito

PRIGIONIERI DI SADDAM – Guerra del Golfo (18/01/1991)

Prigionieri di Saddam                   Cocciolone_Bellini_guerra _del_golfo_interrogatorio

Prigionieri di Saddam

Alla vigilia della Prima Guerra del Golfo il governo italiano inviò nel Golfo Persico alcuni velivoli multiruolo Tornado.

Il 17 gennaio 1991 le forze della coalizione iniziarono una campagna di bombardamenti sulle posizioni delle forze armate irachene, sia sul territorio dell’Iraq che su quello del Kuwait.

VIDEO L’inizio della guerra – Clicca

L’incredibile video dell’abbattimento – Clicca Sopra

 

 VIDEO 2 – Il drammatico interrogatorio a Cocciolone –  Clicca 

guerra_del_golfo_caccia_Italiani_abbattuti_cocciolone_interrogatorio

Il 18 gennaio il maggiore Gianmarco Bellini  (pilota) ed il capitano Maurizio Cocciolone (navigatore), a bordo del loro Tornado decollarono con una squadriglia multinazionale di 10 velivoli per quella che era la prima missione che vedeva impiegati velivoli italiani nello spazio aereo controllato dagli iracheni. Bellini e Cocciolone furono gli unici che riuscirono a portare a termine il rifornimento in volo malgrado forti turbolenze. Gli altri 9 aerei della squadriglia fallirono e dovettero rientrare alla base. Il profilo di missione prevedeva che questa venisse compiuta anche con un solo velivolo, pertanto Bellini e Cocciolone proseguirono da soli, effettuando la missione di sgancio a bassa quota centrando l’obiettivo assegnatogli.

L’aereo fu colpito dalla contraerea irachena, e dovettero lanciarsi con il seggiolino eiettabile. Vennero catturati dalle truppe irachene e per alcune ore non vi furono notizie circa la loro sorte.

Il 20 gennaio la televisione irachena mostrò un gruppo di prigionieri di guerra della coalizione, fra cui Cocciolone. Il suo volto tumefatto suggeriva un trattamento brutale e le parole da lui pronunciate sembravano dettate dai suoi carcerieri. Nessuna notizia di Bellini venne data in questa occasione, facendo temere il peggio. I due aviatori vennero tenuti separati per tutto il tempo della prigionia.

La televisione italiana amplificò la sua vicenda con numerose interviste alla sua famiglia nella loro casa di Pettino (L’Aquila) durante il periodo della sua prigionia.

Il 3 marzo, a guerra terminata, entrambi gli ufficiali furono rilasciati. a0746

Bellini e Cocciolone furono gli unici prigionieri di guerra italiani di tutto il conflitto.

prigionieri di saddam durante la guerra del golfo Testo tratto e modificato:  http://it.wikipedia.org/wiki/Maurizio_Cocciolone

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.