Crea sito

 
CLASSE 500 – (1949/2001) – Parte 1 Anni 70

 giacomo agostini mv agusta 500 1973

Grande Giacomo Agostini – Clicca Sopra

VIDEO 2 – In memoria di un grande “Barry Sheene” – Clicca 

VIDEO 3 – Un suo terribile incidente del 1975 a Daytona – Clicca

VIDEO 4 – Rassegna di grandissimi che hanno fatto grande il motociclismo

———————————————————————————————————————————-

Phil Read MV agusta
                     Phil Read su MV Agusta

La Classe 500, riservata a motocicli con cilindrata fino a 500 cc, è stata una categoria del Campionato del mondo di velocità dal 1949 al 2001.

La “Classe 500” si è disputata ininterrottamente per 53 anni, dalla nascita del Motomondiale alla stagione 2001. In questo mezzo secolo è stata la classe di maggior cilindrata, ad esclusione delle stagioni 1977, 1978 e 1979, durante le quali venne sperimentata la Formula 750.

La lunga storia della “Classe 500” si divide in due parti: la prima dominata da moto con propulsori a 4T di costruzione europea e la seconda egemonizzata da moto con propulsori 2T di costruzione giapponese.

Le motorizzazioni 4T avevano dominato tutte le edizioni del campionato “500” fino al 1974, quando l’avvento delle Case giapponesi aveva mutato la tipologia dei propulsori, orientandosi stabilmente sulla tecnica duetempistica. Negli anni settanta, infatti, l’evoluzione dei materiali costruttivi ed i nuovi sistemi di raffreddamento a liquido, avevano risolto i problemi delle frequenti rotture nei motori, dovute a carenza qualitativa della componentistica e soprattutto, agli eccessivi riscaldamento o raffreddamento del gruppo termico. In occasione del GP di Germania del 1976, svoltosi il 29 agosto sul circuito del Nürburgring, si registrò l’ultima vittoria di una moto 4T in questa classe, congiuntamente all’ultima vittoria nella lunga carriera di Giacomo Agostini.

Giacomo_Agostini_yamaha

Nell’ultimo quarto di secolo della “Classe 500”, è stato riscontrato il progressivo e continuo aumento della diversità tecnologica tra i veicoli di normale produzione, normalmente a 4T, e quelli costruiti per le competizioni, tutti a 2T, evidenziando l’impossibilità di trasferire, nella corrispondente produzione di maximoto della grande serie, le migliorie tecnologiche sperimentate nelle gare, con immenso spreco di risorse tecnologiche ed economiche. A partire dalla stagione agonistica del 2002 la “Classe 500” è stata abolita e sostituita con la “Moto GP” il cui regolamento prevede una diversificazione dei limiti di peso e cilindrata per motori a 2T rispetto ai 4T, all’evidente scopo di favorire l’utilizzo di questi ultimi. ( 1feb16 )

barry sheen anni 70 500
                       Barry Sheene                                                   

 ALBO D’ORO CLASSE 500 ANNI 70    

1970 Giacomo Agostini bandiera Italia MV Agusta MV Agusta bandiera Italia
1971 Giacomo Agostini bandiera Italia MV Agusta MV Agusta bandiera Italia
1972 Giacomo Agostini bandiera Italia MV Agusta MV Agusta bandiera Italia
1973 Phil Read bandiera Regno Unito MV Agusta MV Agusta bandiera Italia
1974 Phil Read bandiera Regno Unito MV Agusta Yamaha bandiera Giappone
1975 Giacomo Agostini bandiera Italia Yamaha YZR 500 OW 23 Yamaha bandiera Giappone
1976 Barry Sheene bandiera Regno Unito Suzuki RG 500 Suzuki bandiera Giappone
1977 Barry Sheene bandiera Regno Unito Suzuki RG 500 Suzuki bandiera Giappone
1978 Kenny Roberts bandiera Stati Uniti d’America Yamaha YZR 500 OW 35 K Suzuki bandiera Giappone
1979 Kenny Roberts bandiera Stati Uniti d’America Yamaha YZR 500 OW 45 Suzuki bandiera Giappone

Kenny Roberts Yamaha                  Kenny Roberts




free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.