ARCO Lampada di Flos – Castiglioni – (1962)

Arco

LAPADA ARCO CASTIGLIONI FLOS

Simpaticissimo A.Castiglioni presenta la sua lampada ARCO ad una conferenza nel 1989

—————————————————————————————————————————-

FLOS S.p.A. (dal latino fiore) è un’azienda italiana fondata a Merano nel 1962.

Gli inizi

FLOS
A. e P. G. Castiglioni con Marcel Breuer – Lampada VISCONTEA e TARAXACUM S progettate per FLOS nel 1960 e realizzate in COCOON, materiale sperimentale ad alta potenzialità plastica utilizzato come materiale di imballaggio dall’esercito americano.

L’azienda nasce come un piccolo laboratorio a Merano, dove si sperimentavano nuovi materiali, e nuove ricerche stilistiche e funzionali, quando Dino Gavina e Cesare Cassina collaborano con un importante importatore di un innovativo rivestimento polimerico prodotto negli Stati Uniti: Arturo Eisenkeil. Già in questi primissimi anni l’azienda si fa conoscere in Italia e successivamente nel resto del mondo in gran parte grazie a grandi designer che l’hanno accompagnata sin dagli esordi fino ai musei internazionali di tutto il mondo, in particolare al Mo.Ma. di New York: i fratelli Pier Giacomo e Achille Castiglioni e Tobia Scarpa.

Flos
Negozio a Milano in Corso Monforte anno 1969

La Flos spicca nel settore dell’illuminazione d’arredo di qualità non solo per le novità stilistiche che in quei anni scatenano molto successo ma anche per l’introduzione di materiali che prima non erano nemmeno presi in considerazione nelle attività produttive, come il cocoon che prima d’ora era utilizzato solamente come materiale per l’imballaggio. Sergio Gandini, entra a far parte della Flos quando la sede viene trasferita a Bovezzo, in provincia di Brescia nel 1964, Gandini entra prima come consigliere e poi come amministratore delegato, fino a diventarne presidente.

Flou

Gli anni Settanta

Gli anni settanta per Flos furono anni di grande fermento creativo e imprenditoriale; l’azienda è in grande crescita e apre la sua prima consociata in Germania e nel 1974 acquisisce Arteluce (una storica azienda di apparecchi illuminanti italiana) di conseguenza, diversi modelli disegnati da Gino Sarfatti (fondatore di Arteluce nel 1936) sono stati incorporati nella gamma di prodotti Flos. Nel 1979 con la lampada da sospensione “Parentesi” di Achille CastiglioniPio Manzù la Flos riceve il suo primo Premio Compasso d’oro, un premio rilasciato dall’ADI.

Flos
Stabilimento Flos anno 1976

CASTIGLIOI MANZU FLOS 1970

Gli anni Ottanta

Gli anni ottanta (che proseguirà per tutti gli anni a venire) vedono Flos impegnata in una grande sperimentazione e ricerca di forme, concezioni e soluzioni innovative per i propri prodotti e l’illuminazione in generale attraverso una ricerca ed utilizzo di materiali innovativi, e ad una grande cura e qualità della sua produzione. Inizia una lunga collaborazione in esclusiva con Philippe Starck, che da luce ad una serie di successi internazionali definiti anche oggetti di culto (come per esempio: “Ara’”“Miss Sissi”). Numerose collaborazioni avvengono anche con altri progettisti di fama mondiale che creeranno nel tempo un lungo e solido rapporto, fra i tanti si possono ricordareAntonio Citterio, Jasper Morrison, Marc Newson e Konstantin Grcic.

Flos
Achille Castiglioni con la lampada TARAXACUM 88S in catalogo Flos dal 1988

 

Gli anni Novanta

La Flos negli anni novanta decide di creare una propria spin-off denominata Light Contract, cioè una divisione specializzata nella produzione di prodotti professionali e impianti di illuminotecnica per ampi spazi commerciali. Nel 1994 arriva il secondo compasso d’oro per l’azienda grazie a “Drop2” di Marc Sadler, seguito da un terzo premio nel 1995 e nel 2001 l’ennesimo premio ADI grazie al prodotto “May Day” di Konstantin Grcic.

Nomi che hanno contribuito alla crescita dell’azienda

Flos
Lampada sospensione Frisbi

Tra i designer che hanno lavorato e lavorano per Flos: Achille e Pier Giacomo Castiglioni, Antonio Citterio, Tim Derhaag, Rodolfo Dordoni, Joris Laarman, Laurene Leon Boym, Konstantin Grcic, Knud Holscher, Piero Lissoni, Jasper Morrison, Marc Newson, Tobia Scarpa, Philippe Starck, Patricia Urquiola, Marcello Ziliani, Marcel Wanders, Sebastian Wrong. Fra i prodotti che hanno reso Flos famose in tutto il mondo (il MO.MA di New York ha dedicato un’intera area del museo unicamente all’azienda italiana) ricordiamo:

  • “Arco”, “Toio”, “Taccia” “Taraxacum S” e “Taraxacum 88 S” dei Fratelli Castiglioni
  • “Chiara” di Mario Bellini (1967)
  • Biagio” e “Fantasma” di Tobia Scarpa (1968)
  • Romeo Moon” di Philippe Starck (1998)

Lampada ARCO

LAMPADA ARCO CASTIGLIONI 1962

Flos la produce con successo dal 1962. Disegnata da Achille e Pier Giacomo Castiglioni, è uno dei pezzi più noti e rappresentativi del design italiano. Punti di forza: rigore delle linee e uso attento dei materiali. Posizionabile ovunque. Il concetto è semplice: un diffusore orientabile in metallo cromato, un arco in acciaio di lunghezza regolabile ed una base in marmo di Carrara. Un ultimo pregio: anche se pesa 65 kg, la lampada Arco può essere facilmente spostata grazie all’ingegnosa trovata dei fratelli Castiglioni: un foro sulla base in marmo per l’inserimento di un bastone che diventa una coppia di maniglie per due persone.

ARCO PROGETTI

Ispirata ai lampioni di strada proietta la sua luce a due metri dalla base. Questa intuizione permette ad esempio, di posizionare il basamento di marmo a terra in un angolo di un comune soggiorno e di far arrivare la luce direttamente sopra un tavolo da pranzo.  Lo stelo telescopico permette di regolare l’altezza dell’arco, così da avere differenti effetti di luce. Tutta questa miscela di forme e di materiali rende la lampada Flos non un semplice pezzo d’arredamento, ma un’opera d’arte da mettere in salotto e da apprezzare ogni giorno nelle sue sempre nuove sfumature.

ARCO SALA RIUNIONI

Venduta in migliaia di esemplari, equamente ripartiti tra Italia ed estero, ha subito pesantemente il fenomeno del plagio, su cui l’azienda è potuta intervenire per vie legali solo nei casi di copia servile e di uso improprio della denominazione.

Nel 2007 il Tribunale ha riconosciuto la tutela del diritto d’autore, come accade per le opere d’arte, anche ad un oggetto di design. ( 3set16 )

Spunti : http://www.achillecastiglioni.it/

Testo tratto e modificato: http://it.wikipedia.org/wiki/FLOS

<

web



free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Precedente  
PERDE LA VITA PATRICK DE GAYARDON ... il sogno di Icaro - (13/04/1998) Successivo  
POLTERGEIST Demoniache Presenze - Tobe Hooper - (1982)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.