Crea sito

SETTIMANA ENIGMISTICA – (Dal 1932)

SETTIMANA ENIGMISTICA

settimana enigmistica numero 1 1932

———————————————————————————————————————–

Settimana Enigmistica

La Settimana Enigmistica è un periodico enigmistico italiano molto diffuso. Può essere acquistata anche all’estero. La pubblicazione è a cadenza settimanale: ufficialmente “esce il sabato” come scritto in copertina, in realtà essa è distribuita alcuni giorni prima. La dicitura è dovuta al fatto che il sabato è il giorno in cui tutto il territorio nazionale è coperto. Direzione e redazione hanno sede a Milano presso il Palazzo Vittoria in Piazza Cinque Giornate 10.

Storia

La Settimana Enigmistica fu inventata da un nobile di origine sarda: il Cavaliere del Lavoro, Grande Ufficiale, Dottor Ingegner Giorgio Sisini di Sorso, già Conte di Sant’Andrea, e figlio del fondatore del Rotary Club di Sassari (il fondatore del periodico è deceduto il 21 giugno del 1972 e la direzione è stata assunta da Raoul de Giustie successivamente da Francesco Baggi Sisini). Il primo numero fu pubblicato in 16 pagine il 23 gennaio 1932 al costo di 50 centesimi di lire; sulla copertina era disegnata l’immagine dell’attrice messicana Lupe Vélez ottenuta sagomando le caselle nere del cruciverba.

Ha avuto una sola interruzione alla sua uscita a cadenza settimanale: il numero 694 del 14 luglio 1945 uscì dopo due mesi e mezzo a causa degli eventi bellici. Da allora la rivista ha vantato fra i suoi collaboratori i più famosi enigmisti, come ad esempio lo stesso fondatore, che creò enigmi per i lettori sino agli ultimi giorni di vita, Piero Bartezzaghi e Giancarlo Brighenti. È dunque storicamente, in un certo senso, il capostipite dei giornali di enigmistica italiana, almeno per quanto riguarda la diffusione di quest’arte presso il grande pubblico. Tant’è vero che una delle didascalie in cima alla prima pagina di copertina, sopra il titolo, recita che la Settimana Enigmistica “è la rivista che vanta innumerevoli tentativi di imitazione” (in passato invece che la parola innumerevoli si era arrivati a numerare la cifra delle imitazioni fino a quota 205, poi evidentemente sorpassata).

La pagina preferita da noi ragazzi dell’epoca

Per certi versi questo periodico rappresenta una vera e propria “icona” storica dell’enigmistica italiana. Numerosi altri periodici sono infatti sorti sulla scia della sua popolarità. Una caratteristica che tuttavia rende unica la Settimana Enigmistica è quella di non accettare pubblicità al suo interno e di usarla solo in alcuni periodi per la propria diffusione. Il 22 novembre 2008 ha toccato il traguardo dei 4000 numeri pubblicati e, per festeggiarlo, i cinque numeri precedenti hanno ospitato un concorso dedicato all’Italia.

settimana enigmistica 1932

Una caratteristica che rende la rivista degna di attenzione per i collezionisti e per i solutori è la catalogazione rigorosa (con numeri progressivi) di tutti i quesiti e di tutte le voci incluse nelle raccolte di quiz e di curiosità. Il numero che compare sulle parole crociate della prima pagina indica il numero complessivo dei giochi pubblicati, numerazione che fino al 1995 proseguiva anche nelle pagine interne, mentre a partire dal 1995 i giochi interni sono contrassegnati da un numero composto così: le prime due cifre corrispondono alle ultime due del numero della rivista, le altre dal numero d’ordine che quel gioco ha nella rivista, con uno zero riempitivo per i primi 9. Per esempio: il gioco Parole intrecciate 2956 del 13 giugno 2009 è il 56º gioco della rivista numero 4029.

Quest’uso ragguardevole della numerazione da un lato agevola la ricerca delle soluzioni, normalmente inserite nella rivista della settimana successiva (le soluzioni dei quesiti a concorso invece sono pubblicate sul terzo numero successivo al corrente), dall’altro consente di verificare la persistenza (e di conseguenza anche l’indice di gradimento) di una determinata rubrica.
Una particolarità: quando il numero della rivista termina con due zeri, non appare “0002”, “0003” … “00100”, “00101” …; ma (esempio fatto per il numero 4200 del 22 settembre 2012): “20002”, “20003” … “200100”, “200101”

settimana enigmistica rubrica strano ma vero

Veste tipografica  

La veste tipografica della rivista è ormai consolidata da parecchi anni: molti giochi e rubriche mantengono la medesima pagina di collocazione da decenni, la testata può assumere uno fra i seguenti tre colori: blu, verde e rosso (rosso nei numeri multipli di tre); i colori si alternano nell’ordine indicato. In copertina compare sempre uno schema di parole crociate con la foto di un personaggio del mondo dello spettacolo, dello sport, della musica, del teatro o del cinema. Sui numeri pari della rivista il personaggio è di sesso maschile, sui numeri dispari invece è di sesso femminile. La stessa foto è collocata in un angolo del cruciverba e col progredire delle uscite settimanali ruota in senso orario (alto a sinistra, alto a destra, basso a destra, basso a sinistra) ritornando nella stessa posizione dopo 4 numeri.

Un numero del 1943 in copertina
Un numero del 1943 pagina interna

Influenze culturali 

  • La Settimana Enigmistica è stata per decenni il prodotto tipo per le famiglie italiane di cultura media e medio-alta, che andava ad accompagnarsi all’acquisto di quotidiani e riviste d’attualità.
  • La reputazione delle citate rubriche ha generato un personaggio televisivo interpretato dal comico Maurizio Ferrini nel programma anni ottanta Quelli della notte; trattasi di un opinionista formatosi guarda caso con il settimanale, dal quale cita notizie con tanto di numero di pubblicazione, ovviamente non verificabili giacché risalgono agli albori della rivista.
  • Il settimanale ha collaborato alla produzione del quiz tv di Iris Parole crociate. A1066

Testo tratto e modificato:  http://it.wikipedia.org/wiki/Settimana_enigmistica

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.