Crea sito

COCCOINA – (Colla dal 1927)

Coccoina
Coccoina in barattolo…..e non avvicinate il naso!

AIUTO GRATIS AL SITO CURIOSANDO

Finalmente puoi contribuire in modo TOTALMENTE GRATUITO al sostentamento del SITO e delle PAGINE FACEBOOK acquistando su AMAZON entrando sul vostro profilo CLICCANDO sul banner sotto. Un GRAZIE di CUORE !

Coccoina

La Coccoina è una colla bianca in pasta a base di destrina per ufficio e utilizzo fotografico, inventata nel 1927 dall’azienda Balma, Capoduri & C. di Voghera, a cui si deve anche l’invenzione e diffusione delle graffettatrici Zenith.

Un packaging seducente che evocava, più che un prodotto da ufficio, un vero e proprio prodotto di bellezza, promosso come tale anche dai manifesti pubblicitari dell’epoca. Molto più di una colla, la coccoina trasmetteva stile e modernità, con un packaging-design bello e di grande semplicità. Più di settanta anni di storia veicolati da un prodotto semplice, sostenibile e atossico: la coccoina è infatti prodotta a base di amido di patate sciolto in acqua; un’aggiunta di olio di mandorla le regala il classico profumo delicato che immagino in molti ricordate .

Simbolo dell’Italia dei primi anni ’20, essa fu prodotta da Balma, Capoduri & Co. diventando da subito la colla per antonomasia.

Coccoina

Coccoina significa anche funzionalità. Immagino che a tutti sia capitato almeno una volta di utilizzarla. Una volta svitato il coperchio è possibile individuare il piccolo vano circolare, nel quale è presente il pennellino per stendere il prodotto, attorno al quale si sviluppava tutto il vano che conteneva la colla.

Caratteristiche della Coccoina sono il profumo che ricorda quello della mandorla dolce e la confezione in un barattolino di alluminio nel cui centro si trova l’alloggiamento per il pennello con cui stendere la colla.

Fino alla diffusione delle colle in tubetto come la Pritt (anni ottanta) la Coccoina era la colla più utilizzata nelle scuole, insieme alle più diffuse colle viniliche, come il Vinavil.

La colla è tuttora commercializzata sia nella versione storica sia in nuove formulazioni, come la Coccoina 84 (dall’anno di introduzione), liquida, e dal 2006 la versione stick. Entrambe le nuove versioni mantengono il caratteristico profumo.

COMPOSIZIONE

Colla a base di destrina in acqua (senza solventi).

CONSERVAZIONE

Per la migliore conservazione del prodotto si raccomanda di richiudere bene il barattolo dopo ogni utilizzo. Affinché il prodotto mantenga inalterate tutte le sue caratteristiche si consiglia un periodo massimo di stoccaggio non superiore ai 12 mesi.

NOTE

Prima fra tutte le paste adesive italiane anche in ordine cronologico di produzione, unica ad essere ancora oggi facilmente riconoscibile grazie all’inconfondibile profumazione, la colla Coccoina in pasta incolla carte, stoffe, fotografie, etichette ecc. A0377
Varie sono le confezioni disponibili, tra le quali spicca l’intramontabile e sempre apprezzato barattolo in alluminio, affiancato oggi dagli altri formati con contenitori in plastica, dotati di pennellino. Di facile uso,Coccoina in pasta è ideale per la creatività dei più piccoli, essendo assolutamente non nociva. 

Coccoina
E dopo il barattolo in metallo … ecco la plastica

Testo tratto e modificato:   http://it.wikipedia.org/wiki/Coccoina

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.