Crea sito

CAMPIONATO ITALIANO 82/83 – ( Scudetto Roma )

Roma Scudettocartolina_scudetto_83

 

I goals e la festa dello scudetto – Clicca Sopra 

VIDEO 2  – Il “ringraziamento” di Venditti – Clicca  

———————————————————————————————————-

Il Campionato di Serie A 1982-83 fu l’ottantunesimo campionato di calcio italiano, il cinquantunesimo giocato a girone unico.

Roma Campione

roma_scudetto_1982_festeggiamenti
Festeggiamenti

Quarantuno anni dal primo titolo, la Roma ritornò protagonista vincendo lo scudetto successivo al trionfo azzurro di Spagna ’82: protagonisti del successo furono il presidente Dino Viola, che aveva preso le redini della società dopo la fallimentare stagione 1978-79, l’allenatore Nils Liedholm e un gruppo di giocatori fondamentali come il campione del Mondo Conti, il goleador Pruzzo e, soprattutto, il brasiliano Paulo Roberto Falcão, tanto amato dai tifosi da meritarsi l’appellattivo di “ottavo Re di Roma”. All’inizio del campionato, il numero massimo dei calciatori stranieri in ogni formazione fu alzato a due: la Juventus acquistò Michel Platini, che sarà capocannoniere con 16 reti.

roma scuedetto agostino di bartolomei

Il campionato iniziò il 12 settembre 1982. Le favorite Fiorentina, Juventus e Inter non esaltarono e dei rispettivi passi falsi approfittano, oltre alla Roma, le tre vivaci neopromosse, la Sampdoria, prima dopo tre partite, il Pisa e soprattutto il Verona, che il 7 novembre agganciò i giallorossi al primo posto. La settimana dopo, il pareggio interno con il Cagliari bloccò i veneti, che riuscirono comunque a tampinare una Roma in velleità di fuga per tutto il mese di dicembre, per poi concludere al secondo posto il girone d’andata: il 9 gennaio un solo punto divideva la capolista dai sorprendenti gialloblù.

roma scudetto paulo roberto falcai
Paulo Roberto Falcão (Roma)

Con l’inizio del girone di ritorno, però, gli scaligeri incapparono in 4 pareggi consecutivi che lanciarono la Roma (da segnalare la diciannovesima giornata, quando tutte le partite, eccetto Sampdoria-Pisa, terminarono in parità): il crollo del 20 febbraio ad Avellino pose fine ai sogni del Verona, che riuscì comunque a terminare quarto. Il ruolo di inseguitrici passò a Juventus e Inter, ormai però in grave ritardo rispetto ai lanciatissimi giallorossi, che non si fermarono neanche dopo il ko inflitto loro dai bianconeri all’Olimpico, il 6 marzo.

roma-1983_campione_scudetto

Dal 27 marzo il campionato fu squassato da un nuovo sospetto di Totonero: il Caso Genoa-Inter. Inoltre, il 3-3 di Juventus-Inter del 1º maggio 1983 venne tramutato in 0-2 dal Giudice Sportivo, a causa di una pietra che aveva colpito il giocatore nerazzurro Marini mentre si trovava nel pullman della squadra nei pressi del Comunale. La Roma poté così vincere matematicamente il suo secondo scudetto una settimana dopo, l’8 maggio grazie al pareggio per 1-1 a Genova contro i rossublu.

Precipitò in Serie B il Catanzaro, accompagnato dal Cesena (che nel girone di ritorno collezionò solamente 7 punti) e dal Cagliari, che perse lo scontro diretto all’ultima giornata contro l’Ascoli e non riuscì a salvarsi nonostante i suoi 26 punti (unica squadra nella storia del campionato a 16 squadre). Ottennero una storica prima qualificazione in zona Uefa i veronesi dell’Hellas, prologo di una delle più belle favole nella storia del calcio italiano.

roma scuedetto medaglia

Classifica finale

    Classifica finale 1982-1983 Pt G V N P GF GS
Scudetto.svg 1.          600px Giallo e Rosso2.png Roma 43 30 16 11 3 47 24
Coccarda Coppa Italia.svg 2.                600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus 39 30 15 9 6 49 26
UEFA - UEFA Cup.svg 3.      600px Nero e Azzurro (Strisce)2.png Inter 38 30 12 14 4 40 23
UEFA - UEFA Cup.svg 4.          600px Giallo e Blu (Strisce).png Verona 35 30 11 13 6 37 31
  5.                600px Viola con giglio Rosso su sfondo Bianco.png Fiorentina 34 30 12 10 8 36 25
  6.         600px Colori di Udine.png Udinese 32 30 6 20 4 25 29
  7.              600px Blu Bianco Rosso e Nero (Strisce Orizzontali) con croce di San Giorgio Bianca e Rossa.png Sampdoria 31 30 8 15 7 31 30
  8.      600px Granata con toro Bianco.png Torino 30 30 9 12 9 30 28
  9.        600px Verde e Bianco con lupo.png Avellino 28 30 8 12 10 29 34
  10.    600px Azzurro con N cerchiata.png Napoli 28 30 7 14 9 22 29
  11.    600px Rosso e Blu con striscia Bianco e croce Rossa su sfondo Bianco.png Genoa 27 30 6 15 9 34 38
  12. 600px Nero e Blu (Strisce).png Pisa 27 30 8 11 11 27 27
  13.    600px Bianconero ascolano.png Ascoli 27 30 9 9 12 32 37
1downarrow red.png 14.         600px Rosso Blu coi 4 mori.png Cagliari 26 30 6 14 10 23 33
1downarrow red.png 15.      600px Bianco e Nero.svg Cesena 22 30 4 14 12 22 35
1downarrow red.png 16.            600px Giallo e Rosso (Strisce).png Catanzaro 13 30 2 9 19 21 56

Verdetti

  • Scudetto2.png Roma Campione d’Italia 1982-1983 e qualificata in Coppa dei Campioni 1983-1984.
  • Coccarda Coppa Italia.svg Juventus vincente della Coppa Italia 1982-1983 e qualificata in Coppa delle Coppe 1983-1984.
  • UEFA - UEFA Cup.svg Inter e Hellas Verona qualificate in Coppa UEFA 1983-1984.
  • Cagliari, Cesena e Catanzaro retrocessi in Serie B 1983-1984.
  • La classifica dei cannonieri è vinta da Platini (Juventus) con 16 reti.

Classifica marcatori

Nel corso del campionato furono segnate complessivamente 505 reti (di cui 40 su autorete, 49 su calcio di rigore e 2 assegnate per giudizio sportivo) da 142 diversi giocatori, per una media di 2,1 gol a partita. L’unica partita il cui risultato fu deciso a tavolino fu Juventus-Inter, terminata 3-3 sul campo. Di seguito, la classifica dei marcatori. A0268

capocannoniere campionato calcio juventus platini 1982 1983

Reti Rig. Calciatore Squadra
16 1 Bandiera della Francia Michel Platini Juventus
15 3 Bandiera dell'Italia Alessandro Altobelli Inter
15 3 Bandiera dell'Italia Domenico Penzo Verona
12 3 Bandiera dell'Italia Roberto Pruzzo Roma
9 2 Bandiera dell'Italia Luigi Piras Cagliari
9 6 Bandiera dell'Italia Giancarlo Antognoni Fiorentina
       
Reti Rig. Calciatore Squadra
9 Bandiera dell'Italia Massimo Briaschi (I) Genoa
8 Bandiera dell'Austria Walter Schachner Cesena
8 Bandiera della Danimarca Klaus Berggreen Pisa
8 Bandiera dell'Italia Alessandro Scanziani Sampdoria
8 Bandiera dell'Italia Franco Selvaggi Torino
7   11 giocatori  
     

La serie B è vinta dal Milan seguto in A da Lazio e Catania.

In serie C vincono i rispettivi gironi Triestina/Padova e Empoli/Pescara.

Testo tratto e modificatohttp://it.wikipedia.org/wiki/Serie_A_1982-1983

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.