Crea sito

CAMPIONATO ITALIANO 81/82 – (Juventus)

Campionato Serie A 1981/1982 – Juventus

Il Campionato di Serie A 1981-82 fu l’ottantesimo campionato di calcio italiano, il cinquantesimo giocato a girone unico.

Juventusiasmante 1981/1982 – Clicca sopra 

Il campionato precedente ai trionfali Mondiali di Spagna fu vinto sul filo di lana dai campioni uscenti della Juventus, giunti al secondo titolo consecutivo e, soprattutto, al traguardo del ventesimo scudetto: la Vecchia Signora diventò così la prima società italiana a poter cucire sulle maglie la seconda stella dorata. Il campionato ebbe però molte pretendenti, anche perché gli sponsor fecero la loro comparsa sulle maglie, e gli introiti vivacizzarono il calciomercato: in primis, sognava la Roma, uscita sconfitta e dalla corsa-scudetto dell’anno prima, ma anche l’ambizioso Napoli, il neopromosso Milan, con l’obiettivo di un’impresa storica (che riuscì, ma nella direzione opposta a quella voluta) e la Fiorentina, che vantava all’interno della rosa grandi nomi come Graziani e Cuccureddu, oltre al difensore emergente Pietro Vierchowod.

Il campionato partì il 13 settembre 1981 e la Juventus fece subito la voce grossa, battendo 6-1 il neopromosso Cesena e infilando sei vittorie di fila. Poi, l’imprevisto infortunio di Bettega rallentò la corsa dei piemontesi, che si lasciarono sorpassare dalla Roma e avvicinare dall’Inter: fu in questo frangente che la Fiorentina, nonostante il grave infortunio alla testa che aveva colpito Giancarlo Antognoni, approfittò della lotta serrata tra le tre rivali, scattò e vinse il platonico titolo di campione d’inverno il 17 gennaio 1982.

Alla diciottesima giornata, il 7 febbraio, la Fiorentina non andò oltre il pareggio ad Ascoli Piceno e si lasciò così agganciare dalla Juventus. Le squadre coabitarono per un mese, poi i bianconeri stroncarono a domicilio le ambizioni della Roma mentre la Fiorentina subì in extremis il pareggio dal Torino; anche dopo lo scontro diretto di Firenze, un solo punto divideva i torinesi dai viola. Toccò dunque alla Fiorentina saper approfittare del pareggio in Juventus-Ascoli per raggiungere i bianconeri in testa. La marcia delle due squadre fu uniforme ed entrambe arrivarono all’ultima giornata, il 16 maggio, a 44 punti: entrambe erano impegnate in trasferta, la Juventus a Catanzaro, la Fiorentina a Cagliari. Logico che prenda forma lo spettro dello spareggio-scudetto (indesiderato dai più per l’approssimarsi del mondiale) anche perché le partite sembravano ferme sullo 0-0. A Cagliari la Fiorentina si vide annullata una rete per un fallo sul portiere, intorno al quindicesimo del secondo tempo. Fu invece un rigore di Brady, alla sua ultima partita con la Juventus, a premiare i bianconeri a un quarto d’ora dalla fine.

Il capocannoniere, per il secondo anno consecutivo, fu Roberto Pruzzo della Roma, che venne però clamorosamente escluso dalla lista dei convocati ai Mondiali di Bearzot, in favore di un Paolo Rossi che, causa squalifica, nel corso del campionato aveva giocato solamente tre partite con la maglia della Juventus: anche se le proteste furono vibranti, i fatti daranno ragione al ct della Nazionale. Nomi importanti tra le retrocesse: oltre al Como, crollarono in Serie B dopo un’ultima giornata al cardiopalma il Milan, partito con grandi ambizioni ma incappato nella deludente stagione dell’attaccante scozzese Joe Jordan che segnò solo due reti in 22 partite (fu acquistato dopo non essere riusciti a prendere Zico), divenendo il principale protagonista in negativo dell’unica retrocessione sul campo della storia milanista, oltre alla lunga malattia di Franco Baresi, costretto a saltare 12 partite di campionato (dal 4 ottobre 1981 contro la Juventus fino al 31 gennaio 1982, quando rientrò contro la Fiorentina) e, per la prima volta nella sua storia, il Bologna, nonostante l’ottimo esordio in serie A di Roberto Mancini

Classifica finale

    Classifica finale 1981-1982 Pt G V N P GF GS
Scudetto.svg Star*.svg Star*.svg 1.            600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus 46 30 19 8 3 48 14
UEFA - UEFA Cup.svg 2.            600px Viola con giglio Rosso su sfondo Bianco.png Fiorentina 45 30 17 11 2 36 17
UEFA - UEFA Cup.svg 3.  600px Giallo e Rosso2.png Roma 38 30 15 8 7 40 29
UEFA - UEFA Cup.svg 4.    600px Azzurro con N cerchiata.png Napoli 35 30 10 15 5 31 21
Coccarda Coppa Italia.svg 5.  600px Nero e Azzurro (Strisce)2.png Inter 35 30 11 13 6 39 34
  6.   600px Bianconero ascolano.png Ascoli 32 30 9 14 7 26 21
  7.           600px Giallo e Rosso (Strisce).png Catanzaro 28 30 9 10 11 25 29
  8.      600px Verde e Bianco con lupo.png Avellino 27 30 9 9 12 22 26
  9.  600px Bianco e Nero.svg Cesena 27 30 8 11 11 34 41
  10.  600px Granata con toro Bianco.png Torino 27 30 8 11 11 25 30
  11.    600px Colori di Udine.png Udinese 26 30 9 8 13 27 37
  12.    600px Rosso Blu coi 4 mori.png Cagliari 25 30 7 11 12 33 36
  13. 600px Rosso e Blu con striscia Bianco e croce Rossa su sfondo Bianco.png Genoa 25 30 6 13 11 24 29
1downarrow red.png 14.  600px Bianco e Rosso (Croce) e Rosso e Nero (Strisce).png Milan 24 30 7 10 13 21 31
1downarrow red.png 15.      600px Rosso e Blu (Strisce) con croce Rosso e Giallo.png Bologna 23 30 6 11 13 25 37
1downarrow red.png 16. 600px Azzurro con croce Bianca e scudo rosso crociato.png Como 17 30 3 11 16 18 42

Verdetti

  • ScudettoDoppiaStella.png Juventus Campione d’Italia 1981-1982 e qualificata in Coppa dei Campioni 1982-1983.
  • Coccarda Coppa Italia.svg Inter vincente della Coppa Italia 1981-1982 e qualificata in Coppa delle Coppe 1982-1983.
  • UEFA - UEFA Cup.svg Fiorentina, Roma e Napoli qualificate in Coppa UEFA 1982-1983.
  • [B]Milan, Bologna e Como retrocessi in Serie B 1982-1983
  • La classifica dei cannonieri è vinta da Pruzzo (Roma) con 15 reti.

La serie B è vinta dal Verona seguita in A da Pisa e Sampdoria.

In serie C vincono i rispettivi gironi Atalanta / Monza e Arezzo / Campobasso.

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.