APE Piaggio – (dal 1948)

Ape Piaggio

60-anni-di-ape-piaggio_1

Ape Piaggio nella storia – Clicca Sopra

——————————————————————————————————————————–

Il Piaggio Ape è un veicolo a tre ruote prodotto dalla Piaggio fin dal 1948. È un vero e proprio simbolo italiano unico al mondo

Ape Piaggio – Storia

Nacque nel 1948, in un’Italia ancora stremata dalla guerra. La carenza di mezzi di trasporto era evidente, ma molti non potevano permettersi l’acquisto di un mezzo a quattro ruote.
Alla Piaggio venne l’idea di costruire un veicolo commerciale su tre ruote: un motofurgone derivato da uno scooter. Il primo modello fu costruito a partire dalla Vespa.

Ape A 125 cc bacchetta blu
Ape A 125 cc bacchetta blu

Le prime due serie erano quasi una Vespa a due ruote attaccata ad un rimorchio. In alcuni prospetti di vendita e in taluni mercati venne infatti pubblicizzato come VespaCar o TriVespa. Costava 170.000 lire.

Oggi l’Ape è costruito anche in India su licenza.

Uno dei suoi utilizzi più caratteristici, nella versione “Ape Calessino”, è quello di risciò motorizzato o di Tuk-tuk, mezzi di trasporto pubblico ormai desueti in Italia, ma ancora molto diffusi nel sud est asiatico.

Con due Ape TM a miscela, nel 1998, gli “Apenauti” (www.apenauti.com), l’architetto Giorgio Martino (esploratore) e il geografo Paolo Brovelli, due esploratori italiani, progettarono e portarono a termine la traversata di tutto il continente euroasiatico, da Lisbona a Pechino: 25.001 km attraverso 19 stati in 212 giorni di viaggio.

Serie Europee

ape b
Ape B
  • 1948-1952 Ape A: simile a una Vespa con cassone, motore di 125 cm³, cassone in legno, mozzo della ruota anteriore a sinistra del parafango e cambio a bacchetta.
  • 1952-1956 – Ape B: molto simile all’ape A, da cui differisce per il motore di 150 cm³, per il cassone in lamiera stampata, per il mozzo ruota anteriore a destra e per il cambio a fili.
  • 1956-1967 – Ape C: motore sempre di 150 cm³ ma profondamente rinnovata per tutto il resto. È la prima Ape a esser dotata di cabina chiusa e portiere (inizialmente previste come optional, ma divenute standard in pochi anni). Il motore funziona con miscela al 5% di olio e trova posto in cabina, sotto il sedile del guidatore. L’avviamento è manuale, ma può essere richiesto come optional il motorino di avviamento elettrico.
Ape C 1963
Ape C 1963
  • 1969 – Ape 50: motore di 50 cm³, fanale anteriore rettangolare, 33 chilometri con un litro di carburante. primo ciclomotore di questa categoria.
  • 1967-1974 – Ape D: motore di 175 cm³, fanale anteriore rettangolare posto sullo scudo anziché sul parafango. Introduzione del sistema di aspirazione a valvola rotante, che consente di utilizzare miscela al solo 2% di olio. Viene introdotto anche un sistema di riscaldamento per l’abitacolo.
  • 1965-1973 – Ape E: con motore di 150 cm³ e caratteristiche simili alla D.
  • 1968-1978 – Ape MP: la sigla MP sta per “motore posteriore”, infatti per la prima volta il motore viene spostato dalla cabina e portato posteriormente sotto il cassone, per ridurre le vibrazioni in cabina e migliorare il comfort del guidatore.
  • 1970-1978 – Ape E/400R: con motore di 175 cm³ e nuovi particolari (scritta “Piaggio Ape 400R”).
  • 1979-1981 – Ape P: con motore di 175 cm³ e particolari vari.
  • 1981-1993 – Ape 500: con motore di 175 cm³ e nuovo frontale con doppi fari sui lati.
  • 1994- 1999 – Ape Web e Ape Cross: prendono le loro caratteristiche dall’Ape Pianale (corto e lungo) con motore di 49,8 cm³ e gruppi ottici ridisegnati e roll-bar e gruppi ottici posteriori.
  • 1983-in produzione – Ape TM: con motori benzina di 218 cm³ e Diesel di 422 cm³ con ruote visibili.
  • 1996-in produzione – Ape 50: con motore di 49,8 cm³ e frontale completamente ridisegnato con fari incorporati nei fanalini.
  • 1996-in produzione – Ape Furgone 50: è un Ape 50 con cassone chiuso.
  • 2000-in produzione – Ape Cross Country 50: restyling con look sportivo e aggressivo del precedente Ape 50.

ape 50 1969
Ape 50 cc 1969

Ape D
Ape D/E

piaggio-ape-600-mp-01
Ape 600 MP

Ape P
Ape P

piaggio-ape-tm-05
Ape TM

Ape CROSS
Ape CROSS

Versioni

  • Dal 1956 al 1981 motocarro con pianale fisso o ribaltabile, pianale senza cabina, furgone e calessino.
  • Dal 1981 al 1993 motocarro con pianale e furgone.
  • Dal 1993 (solo su Ape 50 e TM) pianale e furgone.
  • Dal 1993 al 2005 venne prodotta l’Ape Poker, la versione quattro ruote dell’Ape TM con i suoi stessi motori.

Una versione speciale chiamata Pentarò venne prodotta dal 1960 al 1968 ed era una versione cabinata a nudo in funzione di trattore stradale (mototrattore secondo il Codice della strada italiano) e cui era agganciato un piccolo semirimorchio trasformandola di fatto in un motoarticolato a 5 ruote.

Dal 1948 alla fine degli anni settanta, e nel 2007 con una serie limitata, è stato commercializzato l’Ape Calepino. A1516

Ape Pentarò
Ape Pentarò

Ape Calessino
Ape Calessino

img_0187
Ape Piaggio – ecco a cosa serve !!!

 
web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Precedente I grandi dello sport : Edson Arantes do Nascimento detto PELE' Successivo CARAMELLE POLO - (dal 1948)

Un commento su “APE Piaggio – (dal 1948)

  1. Gufy il said:

    Mi piacerebbe tanto che i motoarticolati tornassero in voga perché lo scopo ultimo di questo veicolo dovrebbe essere quello di poter avere un carico utile (portata) superiore a qualsiasi autocarro da 3,5 tonnellate di massa a pieno carico!
    In sostanza avere un mezzo si più lento e per trasporto a corto raggio, ma più capace.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.