SOLDATINI ATLANTIC – (ANNI 70)

soldatini atlantic truppe da sbarco san marco confezione vintage

Panoramica dei Soldati d’Italia – Clicca Sopra

VIDEO 2  - Alcuni mezzi pesanti – Clicca  

VIDEO 3 – Un simpatico video (inizio e dal minuto 5.10) – Clicca 

——————————————————————————————————————————————–
Curiosando 70 80 90 vi aspetta anche su FACEBOOKDiventa FAN CLICCA QUI:
——————————————————————————————————————————————–

I soldatini in plastica 1/72 sono una tipologia di modellini statici militari in scala 1/72, una delle scale principali del genere, realizzati in polietilene (“plastica morbida”) o polistirene (“plastica dura”).

La scala 1/72 in plastica è un po’ più piccola di quella in metallo e varia dai 20 mm ai 23 mm.

La nascita di questo tipo di soldatini va ascritta alla casa modellistica inglese Airfix.Nel mercato italiano i soldatini 1/72 furono introdotti e diffusi dalla Atlantic a partire dal 1965.

Il successo degli 1/72 deriva da quello dei soldatini in scala 1/32 (la “scala grande”) che esisteva negli anni 60-70 e primi anni ottanta. A partire dagli anni 80 il mercato di questo tipo di giochi ha avuto un tracollo, per via dell’avvento di altri passatempi come i videogiochi e per la diseducatività attribuita ai giochi di tipo militare. Negli anni ’80 la Atlantic passò la mano ad un’altra casa italiana, la Esci, che produsse dei soggetti che tuttora vengono ristampati dalla Italeri. La contrazione delle vendite determinò la scomparsa di questi prodotti dai negozi di giocattoli, divenuti unico appannaggio dei negozi di modellismo; molte case di produzione come l’Atlantic e la Esci fallirono.   

soldatini atlantic serie hitler

soldatini atlantic topolino 1979 armate più famose

L’ Atlantic

L’Atlantic fu un’azienda produttrice di giocattoli con sede a Treviglio.

Fondata nel febbraio 1966 a Milano, nel 1971 arrivò a fama nazionale producendo soldatini in plastica, nelle scale 1/32 e H0-00: la serie Soldati d’Italia e la serie Grandi rivoluzioni. Seguiranno una serie western, una sulla seconda guerra mondiale e una sui popoli antichi: egizi, greci e troiani, romani. Dal 1978 vi si sono affiancati pezzi fantascientifici in diverse scale, sia con soggetti di fantasia (per esempio la serie Atlantic Galaxy) che ispirati ai maggiori cartoni animati giapponesi del periodo, Capitan Harlock e Ufo Robot Goldrake.

     

Ai soldatini si sono affiancanti mezzi in varie scale (alcuni funzionanti a motore), armi pesanti (alcune sparanti a molla), scenari di gioco e altri accessori (perfino il Colosseo in plastica rigida e 196 pezzi, uscito sul finire del 1978). Da ricordare la serie in scala extra small di navi e aerei. Presto la gamma si afferma non solo in Italia ma in tutta Europa e nel Nord America, tanto da prevedere confezioni multilingue. La produzione di soldatini si chiuse nella primavera/estate del 1978, pur continuando l’Atlantic a commercializzare gli stessi fino al 1983-1984, in diverse e più modeste tipologie di confezionamento.

Altri prodotti, sempre in plastica, sono stati un supermercato dedicato alle bambine, con riproduzioni in miniatura di merci varie e alcuni giochi da tavolo sportivi. Tra questi soprattutto il calcistico giocagoal, risposta tutta italiana al più lussuoso Subbuteo, e il più raro superbasket. Nell’ultimo periodo di vita dell’azienda sono stati messi in commercio anche giochi da tavolo che usavano i soldatini Atlantic come pedine.

giocagol atlantic

 L’azienda ha cessato l’attività attorno al 1984. I suoi soldatini sono rimasti però nel cuore di un’intera generazione di italiani e di molti collezionisti stranieri. Grazie anche all’uscita del wargame tridimensionale Atlantic Wars di Roberto Gigli (Qualitygame, Roma 1995), l’interesse nei loro confronti si è ravvivato: ciò ha portato nel 1998 alla produzione di alcuni soggetti, tramite gli stampi originali, da parte della Nexus Editrice, attuale detentrice del marchio.

soldatini atlantic serie ho

Il colore della plastica è stato cambiato rispetto a quelli utilizzati all’epoca per evitare confusioni tra vecchie e nuove produzioni, evitando così dolose speculazioni nei confronti dei collezionisti. Era prevedibile che nel giro di pochi anni la gran parte della vecchia collezione Atlantic sarebbe tornata sul mercato a nome Nexus, ma l’azienda, dopo aver ristampato con successo diversi set, ha interrotto le riproduzioni.

Attualmente quasi tutta la produzione Atlantic è ampiamente reperibile sul mercato del collezionismo, salvo alcuni casi di estrema rarità, come ad esempio le serie dei soldatini dipinti della prima metà degli anni settanta, le ultime scatole degli “Antichi” prodotte ai primi del 1978 e qualche mezzo militare venduto all’epoca in pochi esemplari, come ad esempio il semicingolato tedesco Krauss-Maffei o l’aereo italiano Savoia-Marchetti. ( 4ott14 )

Di seguito tante confezioni di Soldatini Atlantic….prendete il  fazzoletto:

   

   

   

Testo tratto e modificato: http://it.wikipedia.org/wiki/Soldatini_in_plastica_1/72

web



free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte@hotmail.com

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Be Sociable, Share!
Share:
Condividi

One thought on “ 
SOLDATINI ATLANTIC – (ANNI 70)”

  1. Beh..non so dirti. Questo è un sito “didattico”. Penso che su Ebay puoi trovare qualcosa. Tuttavia, se guardi bene, anche nel mio sito c’e’ una sezione denominata il MERCATINO dove puoi lasciare la tua richiesta con il tuo numero di telefono in modo che, se qualcuno che legge possiede questo gioco e vuole venderlo, potrà facilmente contattarti.
    Grazie e…. continua a seguirmi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>