Crea sito

PINK FLOYD – Live at Pompeii – (03/10/1971)

Live at Pompeii                            pink floyd live at pompeii gong

Il 03 Ottobre 1971 I Pink Floyd registrano a Pompei Pink Floyd: Live at Pompeii quello che rimane l’unico concerto rock della storia fatto a porte chiuse.  Il video Live at Pompeii è un video della progressive rock band Pink Floyd, viene  pubblicato nel 1972.

ùLive at Pompeii concerto parte I – Clicca Sopra 

VIDEO 2 VIDEO 3 – Il concerto parte II e III – Clicca  

Come detto si tratta di un concerto eseguito nell’anfiteatro di Pompei in assenza del pubblico, con la sola presenza dello staff tecnico. Il film concerto è girato dal regista Adrian Maben, e resta tuttora un passaggio memorabile della storia del rock, sia per l’esecuzione in uno spazio vuoto, sia per gli effetti audio-visivi utilizzati.

pink floyd live at pompeii concerto

Curiosità

  • La pellicola, realizzata in coproduzione con la televisione francese, è anche fonte di una nutrita serie di aneddoti, di cui il più noto riguarda la fornitura di corrente elettrica per gli impianti della band e per i proiettori di scena: scoperto che nell’area archeologica non v’era sufficiente potenza, si dovette in tutta fretta stendere una prolunga di parecchi chilometri che partiva dal comune di Pompei e che fu letteralmente “piantonata” da numerosi volontari lungo tutto il percorso fra i campi, giorno e notte, per tutto il periodo delle riprese, in modo da evitare che fosse danneggiata o interrotta per eventuali allacci abusivi.

  • Proprio per questo inconveniente i sei giorni previsti per le riprese furono ridotti a tre e non furono sufficienti per registrare tutto il materiale necessario costringendo il regista a prendere spezzoni suonati in studio ai quali venne applicato uno sfondo.
  • Uno dei brani, Mademoiselle Nobs, è interpretato da un levriero russo di nome Nobs, di proprietà di un’artista di circo, una certa Madonna Bouglione. Nobs è anche un anagramma di Snob.

1972 Pink Floyd Live at Pompeii Panorama

  • Alcune delle scene del film sono girate presso la solfatara di Pozzuoli.
  • Dato che le casse della strumentazione arrivavano da Londra, gli aerei fecero ritardo ed allungarono il tempo di consegna dell’attrezzatura, lasciando ai Pink Floyd solo 2 giorni di tempo per girare il film.
  • Il brano che apre il filmato è una forma embrionale di Speak to Me, prima traccia di The Dark Side of the Moon. Nel DVD, nella selezione delle scene il brano è contenuto nella prima parte di Echoes.

  • Durante il brano One of These Days Nick Mason perde una bacchetta e in pochissimo tempo riesce a recuperarne un’altra dalla faretra senza perdere nessun battito
  • In principio, il regista Adrian Maben non sapeva dove registrare il film. Ebbe l’idea durante una vacanza nel sud Italia con la sua ragazza. Dopo una giornata di visite al teatro romano di Pompei, si accorse di aver perso il portafogli e, convinto di averlo lasciato appunto in quel luogo, ritornò lì la sera. Incantato dall’atmosfera magica e misteriosa del teatro al buio, dalle inquietanti forme dei reperti, disse -Qui devono venire i Pink Floyd-.
  • Nel DVD del Live at Pompeii: The Director’s Cut è presente anche il video originario del concerto.

pink floyd filmato live at pompeii

Produzioni successive

L’anno successivo il 1972 uscì, sempre ad opera dello stesso regista, una versione del live con l’aggiunta tra i brani di riprese fatte durante le incisioni dell’album The Dark Side of the Moon (scelta criticata dai fan perché così facendo si perdeva “l’atmosfera” del live).

Nel 2003 esce la versione Director’s Cut in DVD del live, con la sostituzione di alcune scene con riferimenti allo spazio. Nel DVD è presente anche la versione originale del concerto. A1157

pompei live at pompeii pink floyd

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.