Crea sito

BARBAPAPà – (1976)

barbapapà

La prima sigla della serie TV – Clicca  Sopra

La sigla finale Barbapapà – Clicca Sopra 

 VIDEO 3  Belle immagini della serie – Clicca


Barbapapà

Barbapapà (Barbapapa) è una serie a fumetti creata da Annette Tison e Talus Taylor, pubblicata in Francia nel 1970; Barbapapà è il nome del protagonista della serie, e per estensione di tutta la sua famiglia (Les barbapapas): il nome del protagonista deriva dall’espressione francese Barbe à papa, che significa “zucchero filato”.

barbapapà_acrtone_anni_70_morto_creatore_talus_taylor

Dal fumetto è stata successivamente ricavata Barbapapà, una serie televisiva giapponese d’animazione, realizzata nel 1974 e uscita in Italia nel 1976. Una nuova serie, Barbapapà in giro per il mondo, è stata realizzata nel 1999 dallo Studio Pierrot, noto in Italia soprattutto per le sue “maghette” (Creamy, Magica Emi) e dalla Kodansha. I 50 episodi di cinque minuti sono andati in onda in Italia su Rai Uno nel 2002.

Barbapapà ha anche influenzato la lingua italiana introducendo un neologismo assai diffuso:barbatrucco“.

Breve Storia

Il fumetto di Barbapapà, considerato una delle prime opere portatrici di un messaggio ecologista, nacque dalla fantasia di due autori, l’architetto e designer francese Annette Tison e il professore di matematica e biologia  americano Talus Taylor, marito e moglie, che all’epoca risiedevano a Parigi. La loro creazione – avvenuta piuttosto casualmente in un bistrò parigino – viene fatta risalire al 1969, ovvero sull’onda del maggio francese che scosse le coscienze giovanili di un’intera generazione.

Barbapapa14

Le serie a fumetti furono pubblicate dapprima in Francia e in seguito tradotte in tutto il mondo. La successiva serie animata (Baabapapa, di 150 episodi da 5 minuti ciascuno, suddivisi in tre stagioni) fu interamente realizzata in Giappone, frutto di una coproduzione tra la TV olandese Polyscope, la K&S e lo studio Top Craft, noto, tra le altre cose, per aver annoverato tra i suoi ranghi buona parte dello staff del futuro Studio Ghibli.

In Italia la serie fu trasmessa a partire dal 13 gennaio 1976 da Rai 2, diventando a tutti gli effetti il primo anime giapponese a sbarcare in tale paese.

La famiglia dei Barbapapà

barbapapà_anni_70_cartoni

Barbapapà e Barbamamma decidono dunque di crearsi una famiglia: apprendiamo che i loro piccoli nascono da uova deposte nello stesso terreno che ha dato loro i natali. Dall’unione dei due nascono quindi sette barbabebé, ognuno con una caratteristica ben definita:

  • Barbabella (in originale “Barbabelle”): è viola. Come dice il nome, è la “bella” della famiglia: ama i gioielli e i profumi e odia gli insetti.
  • Barbaforte (in originale “Barbadur”): è rosso. È lo sportivo della famiglia: combattivo e ribelle contro i soprusi. Dotato di mantellina e lente alla maniera di Sherlock Holmes, ha anche il pallino di essere un bravo detective, e svolge le sue indagini con il fratello Barbabravo e la cagnetta Lolita.
  • Barbalalla (in originale “Barbalala”): è verde. È la musicista di casa e sa suonare praticamente ogni strumento (a volte si trasforma lei stessa nello strumento che poi suonerà). Ama anche la botanica e l’ecologia come suo fratello Barbazoo.

Berti e Lippi_barbapapà

  • Barbabarba (in originale “Barbouille”): è nero come la madre e peloso. È l’artista di casa e la sua pelliccia nera è spesso imbrattata dei colori che usa per dipingere.
  • Barbottina (in originale “Barbotine”): è arancione. Stereotipo dell’intellettuale, porta gli occhiali e ama leggere. Intelligente e ironica, si diverte a stuzzicare il fratello Barbabarba con commenti scherzosi sui suoi quadri.
  • Barbazoo (in originale “Barbidou”): è giallo. È un amante della natura e conosce tutti gli animali e le piante, i vari tipi di clima e i problemi che causa l’inquinamento. In poche parole è un ecologista convinto. È anche dottore e veterinario.
  • Barbabravo (in originale “Barbibul”) è blu. È lo scienziato ed inventore della famiglia Barbapapà: a volte però le sue idee sono troppo audaci e i suoi esperimenti finiscono per causare catastrofiche conseguenze.

Colonna sonora e doppiaggio

barbapapà sigla del 1979

La colonna sonora originale fu composta dagli olandesi Joop Stokkermans (musica) e Harrie Geelen (testi) nel 1973 in occasione del primo lungometraggio: “Le avventure di Barbapapà”. Le versioni originali erano interpretate dal cantante olandese Leen Jongewaard.

barbapapà_cartoni_animati_anni_70_orietta_berti_morto_talus_taylor
Orietta Berti da sempre grande collezionista di Barbapapà

Nel tema di apertura “Ecco arrivare i Barbapapà” cantano anche Claudio Lippi e Orietta Berti. Lo stesso Claudio Lippi donò la voce a Barbapapà e a tutti i personaggi maschili della serie; ugualmente fece Orietta Berti con i personaggi femminili. La traduzione italiana dei testi fu affidata a Roberto Vecchioni, all’epoca forse più noto come autore che come interprete. Il cantautore interpretò alcune delle canzoni assieme al gruppo giovanile Le Mele Verdi, fondato e diretto da Mitzi Amoroso, pubblicando un LP 33 giri di grande successo che raccoglieva gli adattamenti delle canzoni dell’anime. Quello fu il primo importante successo del gruppo. A0054

morto_talus_taylor_creatore_barbapapà
Addio al papà dei Barbapapà ….

Testo tratto e modificato:  http://it.wikipedia.org/wiki/Barbapap%C3%A0

Il personaggidei Barbapapà i nomi, le immagini e i marchi registrati sono copyright © Annette Tison & Talus Taylor e vengono qui utilizzati a scopi conoscitivi e divulgativi.

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.