YAMAHA RD 350 (1973/1994) – Giappone

Yamaha rd 350

Yamaha rd 350 1975

Famoso Sound di una Prima Serie – Clicca sopra

VIDEO 2 – Un RD 350 del 1985 – Clicca

————————————————————————————————————————————

La RD 350 è una motocicletta giapponese facente parte della Serie RD, dotata di motore a due tempi bicilindrico frontemarcia, prodotta dalla Yamaha Motor e importata anche in Italia dal 1973 al 1994.

Yamaha RD 350 Prima Serie

Nei primi mesi del 1973 veniva importata con motore di 357 cm³, poi ridotto a 347 cm³ per ragioni fiscali. Anche la denominazione iniziale, R3 – R5 è diversa ed assume definitivamente quella di RD 350 nel 1973; nei primi due anni di produzione (RD 350 A) la moto era disponibile sia con un cambio a cinque che a sei marce, dopo (RD 350 B) venne solo prodotta la versione a sei marce.

Sul mercato italiano delle motociclette destinate ai diciottenni (a quei tempi il codice della strada limitava l’uso delle motociclette di cilindrata superiore a 350 cm³ ai maggiori di 21 anni. età in cui si veniva considerati maggiorenni) si doveva confrontare soprattutto con modelli dotati di propulsori a quattro tempi con caratteristiche di erogazione della potenza molto diverse, quali le Honda CB 350, CB 350 Four e le Moto Guzzi V35 ad esempio.

Si caratterizzava anche dalla presenza di un impianto frenante di tipo misto, freno a disco all’anteriore, freno a tamburo al posteriore; l’impianto di raffreddamento era ad aria e l’avviamento era esclusivamente a pedale. Veniva distribuita sul mercato italiano dalla Italjet, fino al 1976 importatore ufficiale della casa di Iwata, che nel 1975 ne allestì una versione rivista esteticamente per renderla maggiormente sportiva, chiamata “Cecottina” per ricordare la vittoria nel motomondiale del giovane Johnny Cecotto.

Anche nella versione di serie veniva in ogni caso pubblicizzata come la “350” più veloce in vendita grazie alla sua velocità massima dichiarata che era di 160 km/h.

Caratteristiche tecniche – Yamaha RD 350 A ’73

 
yamaha rd 350 1973
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt.) 2.040 × 835 × 1.110 mm
Altezze Sella: 790 mm – Minima da terra: 155 mm
Interasse: 1.320 mm Massa a vuoto: 143 kg Serbatoio: 16 l
Meccanica
Tipo motore: Bicilindrico frontemarcia a due tempi Raffreddamento: ad aria
Cilindrata 347,4 cm3 (Alesaggio 64,0 x Corsa 54,0 mm)
Distribuzione: regolata dai pistoni con ammissione lamellare Alimentazione: carburatori Mikuni da 28
Potenza: 39 CV a 7.500 rpm Coppia: Rapporto di compressione: 6,6:1 (a luci chiuse)
Frizione: Dischi multipli in bagno d’olio Cambio: sequenziale a 5 marce (sempre in presa), dal ’75 a 6 marce
Trasmissione primaria ad ingranaggi elicoidali, secondaria a catena
Avviamento a pedale
Ciclistica
Telaio a doppia culla chiusa in tubi d’acciaio
Sospensioni Anteriore: Forcella teleidraulica / Posteriore: Forcellone oscillante con e ammortizzatori, regolabili su 3 posizioni di molla
Freni Anteriore: a disco da 267 mm con pinza flottante / Posteriore: a tamburo centrale monocamma
Pneumatici anteriore 3.00 18; posteriore 3.25 18
Prestazioni dichiarate
Velocità massima 160 km/h
Consumo 6 l x 100 km

Yamaha RD 350 Seconda serie

yamaha-rd 350 lc 1980

Nel 1979 appare la seconda serie della moto che subisce una radicale trasformazione, abbandonando la precedente impostazione turistica per assumere vesti maggiormente sportive. Per adeguarlo alle norme sulle emissioni, anche il motore viene dotato di raffreddamento a liquido da cui la nuova sigla di RD 350 LC, inoltre viene introdotto anche il monoammortizzatore al posteriore.

Nel frattempo era tra l’altro cambiato anche l’importatore italiano, ora diventato la Belgarda, che riuscì a introdurre sul mercato italiano il nuovo modello solo nel 1981, anche a causa delle limitazioni all’importazione vigenti in quegli anni sul mercato italiano per le due ruote di piccola cilindrata.

Pur tuttavia, questo modello, trovava anche consensi in virtù dell’elegante design e, soprattutto, della notevole potenza espressa dal motore: 47 CV al momento della prima presentazione.

Caratteristiche tecniche – Yamaha RD 350 LC ’79

Yamaha RD 350 1980

Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt.) 2.085 × 705 × 1.135 mm
Altezze Sella: 780 mm
Interasse: 1.365 mm Massa a vuoto: a secco 139 kg Serbatoio: 16 l
Meccanica
Tipo motore: Bicilindrico a due tempi a cilindri paralleli Raffreddamento: a liquido
Cilindrata 347 cm3 (Alesaggio 64,0 x Corsa 54,0 mm)
Distribuzione: lamellare Alimentazione: a carburatori Mikuni da 26
Potenza: 35 KW (47 cv) a 8.500 giri Coppia: Rapporto di compressione: 6,25:1 (a luci chiuse)
Frizione: Dischi multipli in bagno d’olio Cambio: sequenziale a 6 marce (sempre in presa)
Accensione elettronica CDI
Trasmissione finale a catena
Avviamento a pedivella
Ciclistica
Telaio a doppia culla chiusa, in tubi di acciaio a sezione tonda
Sospensioni Anteriore: Forcella teleidraulica, con steli da 32 mm / Posteriore: Monoammortizzatore
Freni Anteriore: doppio freno a disco da 267 mm / Posteriore: singolo tamburo da 160 mm
Pneumatici anteriore 3.00×18; posteriore 3.50×18
Prestazioni dichiarate
Velocità massima oltre 190 km/h

Yamaha RD 350 Terza serie

Yamaha RD 350 LC 1983

Nella versione modificata del 1983, il telaio e le sospensioni vengono irrigidite, il serbatoio viene maggiorato a 20 litri e la carrozzeria viene predisposta per un tipo di guida sportiveggiante, fornendo la moto, per la versione “normale”, di un cupolino e di un puntale, mentre per la versione F verrà dotata di carenatura integrale. Nel 1985 appare anche la versione N sprovvista invece interamente di protezioni aerodinamiche.

La differenza più importante della versione 1983 è però nella parte meccanica dove viene presentata per la prima volta la Yamaha Power Valves System, composta da valvole che parzializzano lo scarico, incrementando la coppia ai bassi e medi regimi.

Anche l’impianto frenate è potenziato, presentando il doppio disco all’avantreno e passando anche al posteriore dal tamburo al disco. La velocità dichiarata è di oltre 190 km/h.

Caratteristiche tecniche – Yamaha RD 350 YPVS del 1983

Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt.) 2.120 × 710 × 1.175 mm
Altezze Sella: 800 mm – Minima da terra: 175 mm
Interasse: 1.385 mm Massa a vuoto: 144 kg Serbatoio: 20 l
Meccanica
Tipo motore: Bicilindrico a due tempi a cilindri paralleli Raffreddamento: a liquido
Cilindrata 347 cm3 (Alesaggio 64,0 x Corsa 54,0 mm)
Distribuzione: Alimentazione: a carburatori Mikuni da 26
Potenza: 43,5KW (59,1 cv) a 9.200 giri Coppia: Rapporto di compressione: 6:1 (a luci chiuse)
Frizione: multidisco in bagno d’olio Cambio: sequenziale a 6 marce (sempre in presa)
Accensione elettronica CDI
Trasmissione finale a catena
Avviamento a pedivella
Ciclistica
Telaio a doppia culla chiusa, in tubi di acciaio a sezione tonda
Sospensioni Anteriore: Forcella teleidraulica, con steli da 35 mm / Posteriore: Monoammortizzatore
Freni Anteriore: doppio freno a disco da 267 mm / Posteriore: singolo disco da 267 mm
Pneumatici anteriore 90/90×18 – posteriore 110/80×18
Prestazioni dichiarate
Velocità massima oltre 190 km/h

Yamaha RD 350 Quarta serie

yamaha_f70

Nella versione modificata del 1986, la carrozzeria viene ridisegnata e proposta nelle sole versioni N ed F, inoltre questa serie la moto ha un motore leggermente più potente, mentre le forcelle ritornano ad essere da 32 mm e viene ridimensionato il serbatoio.

Nel 1992 la moto cambia il faro, che diventa da singolo quadrato a doppio rotondo.

Dal 1988 fino al termine della produzione, avvenuta nel 1993 le RD venivano costruite solo dagli stabilimenti brasiliani di Manaus.

Caratteristiche tecniche – Yamaha RD 350 YPVS del 1986

Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt.) 2.095 × 700 × 1.190 mm
Altezze Sella: 790 mm – Minima da terra: 165 mm
Interasse: 1.385 mm Massa a vuoto: a secco 159 kg Serbatoio: 17 l
Meccanica
Tipo motore: Bicilindrico a due tempi a cilindri paralleli Raffreddamento: a liquido
Cilindrata 347 cm3 (Alesaggio 64,0 x Corsa 54,0 mm)
Distribuzione: Alimentazione: a carburatori Mikuni SS 26
Potenza: 46,3KW (63 cv) a 9.000 giri Coppia: Rapporto di compressione: 6:1 (a luci chiuse)
Frizione: multidisco in bagno d’olio Cambio: a 6 rapporti
Accensione elettronica a scarica capacitiva
Trasmissione finale a catena
Avviamento a pedivella
Ciclistica
Telaio a doppia culla chiusa, in tubi di acciaio a sezione tonda
Sospensioni Anteriore: Forcella teleidraulica, con steli da 35 mm / Posteriore: Monoammortizzatore
Freni Anteriore: doppio freno a disco da 267 mm / Posteriore: singolo disco da 267 mm
Pneumatici anteriore 90/90×18 – posteriore 110/80×18
Prestazioni dichiarate
Velocità massima oltre 190 km/h ( 3feb17 )

Di seguito altre belle foto di Yamaha RD 350 nelle varie serie

yamaha rd 350 f 1985

Yamaha RD 350 terza serie

Yamaha rd 350 f2

Articolo in collaborazione con: http://autoemotodepoca.altervista.org

Testi e spunti tratti e modificati: https://it.wikipedia.org/wiki/Yamaha_RD_350

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Precedente GIANNI E IL MAGICO ALVERMAN - (in Italia 1970) Successivo STARGATE - Roland Emmerich - (1994)

Un commento su “YAMAHA RD 350 (1973/1994) – Giappone

  1. Marcello il said:

    RD 350 un piacevole ricordo,ho avuto la prima serie cambio a 5 marce la sesta era bloccata ,l’ultima due tempi che ho guidato prima avevo il Suzuki 380,poi sempre 4 tempi,attualmente uso una Honda XL 600 dell’87
    Due giorni fa ho comprato una Honda 125 MTX due tempi Che spettacolo il suono del vecchio due tempi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.