Crea sito

STORIE DI TUTTI I GIORNI – Riccardo Fogli – (1982)

Riccardo Fogli

riccardo fogli storie di tutti i giorni festival sanremo

Riccardo Fogli (Pontedera, 21 ottobre 1947) è un cantante italiano. Voce e bassista dei Pooh tra il 1966 ed il 1973, poi vincitore da solista di un Festival di Sanremo e di un’edizione del reality show Music Farm. È autore complessivamente di 32 album.

Storie di tutti i giorni a Popcorn – Clicca sopra 

Storie di tutti i giorni – Riccardo Fogli

riccardo fogli storie di tutti i giorni copertina disco

Storie di tutti i giorni/L’amore che verrà è un singolo di Riccardo Fogli, pubblicato nel 1982.

Storie di tutti i giorni è stata presentata nella XXXII^ edizione del Festival della Canzone Italiana di Sanremo, dove risultò vincitrice. Il brano, che fa parte dell’album Collezione, è stato scritto dallo stesso Fogli insieme a Guido Morra e Maurizio Fabrizio, ed è stato prodotto da Giancarlo Lucariello.

La Partecipazione al Festival di Sanremo

 119439_1 SIRIO_Mondadori 113 153 254 1132 1529 RGB Riproduzioni COPERTINE Tv Sorrisi e canzoni 1982 Servizi AME_2003_10596 Diritti Mondadori

Con Storie di tutti i giorni, Riccardo Fogli tornava ad un Festival di Sanremo a ben otto anni di distanza da quella che sinora era stata la sua prima ed unica partecipazione.
A quel Festival del 1974, con il suo brano Complici non aveva raggiunto la finale, ma stavolta Fogli, che era reduce dal successo estivo del singolo Malinconia (12° singolo più venduto del 1981, con cui aveva vinto il Festivalbar), vi tornava da grande favorito (come in parte annunciato da un copertina del settimanale TV Sorrisi & Canzoni , intitolata “Riccardo Fogli cerca al Festival una conferma”).

Fogli interpretò per la prima volta la sua Storie di tutti i giorni nel corso della seconda serata eliminatoria del Festival, che andò in scena al Teatro Ariston venerdì 29 gennaio 1982: Fogli, vestito in un elegante smoking, era accompagnato dal chitarrista Roberto Puleo.

riccardo_fogli_cantante Come appartenente al gruppo B, ovvero quello dei Big (anche se l’altro gruppo, quello delle “Novità”, includeva anche cantanti affermati come Claudio Villa ed Orietta Berti, entrambi – tra l’altro – esclusi dalla finale e non senza qualche strascico di polemica da parte del “reuccio”), era qualificato di diritto alla finalissima.

Nella serata finale del Festival di sabato 30 gennaio), Storie di tutti i giorni fu – secondo quanto stabilito dalla scaletta – la nona canzone ad essere eseguita, dopo Solo grazie di Fra’ Giuseppe Cionfoli e prima di Tu stai di Bobby Solo.

Al termine dello spoglio dei voti, la canzone di Riccardo Fogli risultò classificata al primo posto davanti a Felicità di Al Bano e Romina Power e a Soli di Drupi.

Festival di Sanremo 1982 Drupi Fogli Romina e Al Bano

La canzone vincitrice venne indovinata anche dal popolare mago Giucas Casella, che – “giocandosi la carriera” (come disse lui) – nel corso della prima serata di giovedì 28 gennaio 1982 aveva consegnato una busta gialla con all’interno il suo pronostico nelle mani del giornalista del ” Corriere della Sera ” Mario Luzzatto Fegiz, il quale a sua volta l’aveva depositata in una cassaforte del Casinò di Sanremo). La previsione di Casella venne letta subito dopo la proclamazione dei vincitori sul palco dell’Ariston.

La vittoria di Riccardo Fogli non mancò di suscitare polemiche: si parlò, all’epoca di “vittoria annunciata”, se non addirittura decisa a tavolino in virtù di accordi presi con lecase discografiche.
A queste illazioni – mai provate – Fogli replicò ovviamente seccato, asserendo che gli addetti ai lavori conoscevano le canzoni già da prima del Festival e che, evidentemente, Storie di tutti i giorni era stata semplicemente considerata una delle migliori e, che le polemiche, in fondo, fanno parte del Festival.

riccardo_fogli_anni_80

Dopo il Festival  

Lasciate da parte le polemiche del Festival, il brano venne premiato anche in termini di vendite: il singolo raggiunse il primo posto delle classifiche e fu il 14° più venduto del 1982 (il secondo tra i brani sanremesi dopo Felicità di Al Bano e Romina Power). A1470 

Il Brano  

Le “storie di tutti i giorni” raccontate dalla canzone sono un po’ le storie della maggior parte delle persone, ovvero le storie della cosiddetta gente “comune”, gente la cui vita scorre monotonamente e un po’ stancamente, ovvero – come dice il testo – senza guai seri, ma pure senza grandi successi, in attesa di un grande amore che sembra non arrivare mai: è gente che magari ha in testa delle grandi idee, ma probabilmente non riuscirà mai a realizzarle, anche perché nessuno è disposto ad ascoltarle; e intanto il tempo passa inesorabilmente e queste persone vengono rinnegate persino dagli amici di un tempo, che – avendo preso altre strade – fingono di non ricordarsi più di loro.
E si finisce così per cedere quasi inevitabilmente al fatalismo, pensando che nulla potrà mai cambiare… 

sanremo-1982-albano-e-romina-con-riccardo-fogli-dietro-di-loro-claudio-cecchetto-Testo tratto e modificato:  http://it.wikipedia.org/wiki/Riccardo_Fogli

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo