Crea sito

PROFESSOR KRANZ tedesco di Germania – Paolo Villaggio (Fine anni ’60)

Professor Kranz

Professor kranz paolo villaggio Archivio RCS

Il Professor Otto Von Kranz a Teatro 10 del 1971 VIDEO – Clicca Qui

—————————————————————————————————————-

Professor Kranz

Il Professor Otto von Kranz è un personaggio comico creato alla fine degli anni sessanta da Paolo Villaggio per la trasmissione televisiva “Quelli della domenica“, una delle prime trasmissioni di varietà televisivo della fascia pomeridiana domenicale.

Era un prestigiatore un po’ stravagante ed un po’ imbroglione, stupido e autoritario secondo la stessa definizione del suo creatore, dall’accento macchiettisticamente tedesco e dai trucchi ingenui e spesso scoperti dal pubblico a volte epigono di Houdini, come quando si infliggeva una violenta martellata, vantandosi di non sentir dolore, e subito dopo andava a gridare dietro le quinte.

Schermata 2013-10-05 alle 1.56.32 AM

Caratteristica principale del personaggio era di assumere un atteggiamento esageratamente aggressivo nei confronti del pubblico stesso, che pretendeva di coinvolgere in giochi di prestidigitazione puerili, prevedibili o palesemente impossibili e pericolosi. Invariabilmente, venuto il momento di scegliere la cavia per l’esperimento, rivolgeva al pubblico uno sguardo torvo e indagatore, accompagnato dalla domanda «Chi viene voi adesso?!?», pronunciata con tono stentoreo e minaccioso. La frase divenne ben presto un “tormentone” in tutta Italia, contribuendo fortemente alla prima popolarità di Paolo Villaggio, all’epoca totalmente sconosciuto al grande pubblico. A0848

professor kranz tedesco di germania paolo villaggio luciano salce locandina

 
web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.