Crea sito

OLIVETTI PROGRAMMA 101 – Il Primo Personal Computer – (1962/1964)

Olivetti Programma 101

olivetti programma 101

Raro Olivetti Programma 101 – Clicca Sopra

VIDEO 2 – Presentazione ad una mostra – Clicca  

—————————————————————————————————————————

L’Olivetti Programma 101 o P101 è un calcolatore da scrivania, con stampante integrata, sviluppato dalla ditta italiana Olivetti negli anni tra il 1962 e il 1964. Progettato da Pier Giorgio Perotto, il P101, con la sua innovativa concezione e il design avveniristico per l’epoca, può essere considerato il primo personal computer.

Successo commerciale dell’ Olivetti Programma 101

olivetti

Presentata alla fiera di New York del 1965, riscosse un notevole interesse ed ebbe un buon successo di vendita grazie anche al suo costo relativamente limitato (3.200 dollari, contro i 25.000 di un PDP-8) e alla sua programmabilità senza l’intervento dei tecnici: in pochi anni ne furono venduti 44.000 esemplari in tutto il mondo, il 90% dei quali negli Stati Uniti. Le caratteristiche della macchina, potenzialmente rivoluzionarie, non vennero però percepite dai vertici aziendali Olivetti, orientati ancora alla promozione della propria tecnologia meccanica.

Dei circa 44.000 modelli venduti sembra ne esistano soltanto 8 ancora funzionanti. Il brevetto su soluzioni tecniche adottate dal P101 fu violato dalla società statunitense Hewlett Packard con la sua HP9100; ammettendo il fatto, l’HP accettò nel 1967 di versare 900.000 dollari di royalties alla Olivetti.

Descrizione

olivetti programma 101
Vista frontale della Programma 101, in mostra al The National Museum of Computing a Bletchley Park

La denominazione di primo Personal Computer non va ovviamente intesa secondo l’accezione odierna, ma con il significato di macchina da calcolo per uso personale, che possiede un set di istruzioni interne ben definito, che lo classificano come computer, anche se la memoria per i dati temporanei e le costanti è molto limitata e l’informazione minima gestibile non è un valore binario ma un numero a 11 digit.

Progettata dall’Ing. Pier Giorgio Perotto alla Olivetti di Ivrea, la Programma 101 era in grado di fare le 4 operazioni oltre alla radice quadrata.

olivetti programma 101

La memoria era organizzata in 10 registri, 3 dei quali di calcolo, 2 di memoria ed altri 3 di memoria dati e/o memoria di programma (ripartibili a seconda dell’esigenza). Gli ultimi due erano riservati alla memorizzazione del programma.

La stampa avveniva su un nastro di carta e i programmi potevano essere registrati su schede delle dimensioni approssimative di 10 cm × 20 cm che recavano due piste magnetiche leggibili una alla volta, inserendo la scheda prima in un senso, poi nell’altro.

La memoria di lavoro era costituita da una linea magnetostrittiva e l’elettronica era realizzata a componenti discreti (transistor e diodi montati su schede in resina fenolica: i microprocessori non esistevano ed i circuiti integratierano ai primordi.

olivetti programma 101 interno

Lavorava con la precisione di 22 cifre a virgola fissa e 15 cifre decimali. La programmazione era analoga all’Assembler, ma più semplice: consentiva fondamentalmente lo scambio fra registri di memoria e registri di calcolo e le operazioni nei registri.

Per fare un esempio, il programma per calcolare i logaritmi occupava entrambe le facce di una scheda magnetica.

OLIVETTi programma 101

        Caratteristiche

  • Dimensione: 48x61x19 cm
  • Peso: 35.5 kg
  • Consumo: 350 W
  • Display: stampante a 30 colonne su carta di 9 cm
  • Precisione: 22 digit e fino a 15 decimali
  • Operazioni: somma, sottrazione, moltiplicazione, divisione e radice quadra
  • Memoria: circa 240 byte in tecnologia magnetostrittiva
  • Archivio: lettore di card magnetiche

olivetti programma 101

Design

Il progetto della carrozzeria, in un primo tempo affidato a Marco Zanuso, fu riaffidato a Mario Bellini, all’epoca giovane architetto, e il risultato fu talmente ergonomico ed innovativo per i tempi, che valse all’azienda l’Industrial Design Award. Alcuni esemplari di P101 sono infatti esposti in musei come esempi di design innovativo.

Pier Giorgio Perotto aveva brevettato la Programma 101, ma vendette i diritti alla Olivetti per la somma simbolica di un dollaro. Egli stesso ha affermato che “mai un dollaro fu speso meglio da un’azienda”. ( 3mar17 )

olivetti programma 101

 
web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Una risposta a “OLIVETTI PROGRAMMA 101 – Il Primo Personal Computer – (1962/1964)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.