Crea sito

Oggetti del nostro passato: Le BRETELLE

Bretelle

bretelle foto primi anni del 900 con bambino

————————————————————————————————————-

Le bretelle sono due fasce di tessuto o cuoio che sostengono i pantaloni, agganciandosi ad essi davanti e dietro e passando sopra le spalle dell’indossatore. Spesso le bretelle sono elasticizzate per permettersi di allungarsi ed adattarsi a qualsiasi tipo di corporatura. Tradizionalmente le bretelle sono parallele sul davanti e si intrecciano ad “X” dietro, oppure si uniscono a forma di “Y”. Esse si agganciano ai pantaloni tramite fibbie, bottoni o morsetti.

Breve Storia delle Bretelle

Esse sono  in varie forme e varianti, esistono da circa 300 anni, ma i modelli attuali sono stati inventati nel 1822 da Albert Thurston, e sono state adottate nella moda fra la seconda metà del diciannovesimo e l’inizio del ventesimo secolo. La popolarità di questo capo di abbigliamento scemò durante la prima guerra mondiale, anche per via del fatto che gli uomini si abituarono alla cintura della divisa, e le bretelle rimasero confinate ad essere una specie di biancheria intima indossata al di sotto della camicia o della giacca, e comunque non mostrabile in pubblico.

Esse ritornarono in voga nel corso degli anni quaranta, anche se non sostituirono mai del tutto la popolarità della cintura. Negli anni 60 e 70 venivano anche spesso utilizzate dalla mamme per sorreggere i pantaloni dei bambini in quanto molto più comode della cintura. Con il tempo anche questa usanza è andata scomparendo tant’è che oggi quasi più nessuno le porta più ad eccezione  solo delle persone che hanno una circonferenza di vita tale da non permettere l’utilizzo della cintura. A1282

Foto originale d'epoca franco bertelli con vestiti tipici anni 70Testo tratto e modificato: http://it.wikipedia.org/wiki/Bretelle

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo