MOTO GUZZI 125 CUSTOM (1985/1995) Italia

Moto Guzzi 125 Custom

Ecco il Moto Guzzi 125 Custom – Clicca Sopra

VIDEO 2 – Ancora Moto Guzzi 125 Custom – Clicca

——————————————————————————————————————————————–
Curiosando 70 80 90 vi aspetta anche su FACEBOOKDiventa FAN CLICCA QUI:
——————————————————————————————————————————————–

 

La Moto Guzzi 125C o “125 Custom” è una motocicletta prodotta dalla casa italiana Moto Guzzi per dieci anni, dal dicembre 1985 al 1995. 

Storia della Moto Guzzi 125 Custom  

Nel 1983, al motosalone di Milano, venne presentato dal gruppo Guzzi-Benelli un nuovo tipo di propulsore 125, destinato a sostituire il vecchio 125 utilizzato sulle piccole di Mandello 10 anni prima.

Il nuovo motore presentava innovazioni quali l’aspirazione regolata da lamelle, la lubrificazione separata, il raffreddamento a liquido e il manovellismo con contralbero antivibrazioni. La ragione del ritardo nell’utilizzo del motore è da attribuirsi all’eccessivo protrarsi della messa a punto, che rese possibile il suo utilizzo solo 2 anni dopo sulla 125C e sulla 125TT (tutto terreno). Nel novembre 1985 la 125C venne presentata al motosalone di Milano e, il mese successivo, fu resa disponibile al pubblico.

Moto Guzzi 125 Custom con borse

La Guzzi, sul suddetto motociclo, ha cercato di portare le caratteristiche dello stile “yankee” delle California (catarifrangenti posti sui lati degli indicatori di direzione, sellone a due livelli e serbatoio a goccia) alla portata dei più giovani: impresa non propriamente riuscita dato che, di questo modello, si è quasi del tutto perso traccia: persino nel museo storico della Moto Guzzi a Mandello del Lario non è possibile trovarne una.

Fu commercializzata anche con il marchio Benelli: battezzata 125 Cs, rimase a listino sino al 1991.

Venduta ad un prezzo iniziale di 3.681.000 lire, IVA compresa (l’ultimo prezzo di listino, nel 1995 era di 5.341.000 lire), la dotazione di serie comprendeva due borse laterali in plastica rigida, un vano sottosella ed il parabrezza. Lastrumentazione era composta da tachimetro, contagiri, contachilometri, le spie delle frecce, una spia per la bassa tensione della batteria, una per la bassa pressione dell’olio, una per la temperatura dell’acqua, le spie delle luci di posizione e delle luci abbaglianti e, per finire, la spia del folle.

Caratteristiche tecniche 

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Precedente BETTY BOOP - (Dal 1932) Successivo ACCHIAPPINO - Gioco all'aperto -

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.