Crea sito

Misteri d’Italia: MOSTRO DI FOLIGNO – (1992/1993)

Mostro di Foligno

mostro di foligno luigi chiatti

Biografia di un serial Killer – Clicca Sopra  

——————————————————————————————————————-

Luigi Chiatti (Narni, 27 febbraio 1968) è un assassino seriale italiano, denominato dai media ‘Il Mostro di Foligno’.

Biografia del Mostro di Foligno

Nato come Antonio Rossi, era il figlio di una giovane cameriera che, non potendo provvedere a lui, lo abbandonò poco dopo la nascita. Trascorse i suoi primi anni di vita in un orfanotrofio vicino Narni, quando al compimento del suo sesto anno di età (24 marzo 1974), venne adottato dal medico Ermanno Chiatti e dall’ex-insegnante Giacoma Ponti residenti a Foligno. Quando l’adozione divenne ufficiale (13 giugno 1975), nome gli fu cambiato in Luigi Chiatti.

I Fatti 

Nel Nel pomeriggio di domenica 4 ottobre 1992, il piccolo Simone Allegretti scomparve nella campagna fra Foligno e Bevagna, il suo corpo senza vita venne ritrovato due giorni dopo lungo una scarpata non molto lontano da dove era scomparso. Poco prima del ritrovamento del cadavere, in una cabina telefonica in pieno centro a Foligno venne trovato un biglietto che rivendicava l’omicidio e forniva dettagli precisi su dove si trovasse il corpo e sull’abbigliamento della vittima. Il biglietto inoltre asseriva la volontà dell’omicida di colpire ancora.

La questura di Perugia attivò un numero verde e sull’assassino venne emessa una taglia. Il 13 ottobre un uomo chiamò quello stesso numero più volte identificandosi come il Mostro di Foligno.

Grazie a queste telefonate la sua utenza venne rintracciata, portando all’identificazione di Stefano Spilotros, un giovane agente immobiliare lombardo. A fronte di alcune incongruenze e testimonianze di amici e parenti dello Spilotros, che affermavano che quella domenica il giovane si trovava con loro a Rodano, in provincia di Milano, venne disposta un’ulteriore autopsia sul corpo della vittima, che escluse la colpevolezza dello Spilotros, rivelatosi poi solo un mitomane.

Il forte clima di isteria creatosi attorno alla vicenda creò altre situazioni analoghe; un giovane operaio della provincia di Macerata, afflitto da una grave depressione, si impiccò lasciando un biglietto con scritto “Perdonatemi, sono io il mostro..”.

Il 7 agosto 1993 il vero mostro tornò a colpire: il cadavere di Lorenzo Paolucci, di tredici anni, venne ritrovato poco dopo il delitto e a poche decine di metri dalla villetta abitata da Luigi Chiatti, ventiquattrenne geometra figlio di un noto medico di Foligno. Le tracce portavano dritte alla villetta, dove Luigi Chiatti venne catturato. Il giovane confessò quasi subito l’omicidio, attribuendosi anche quello di Simone Allegretti.

mostro di foligno

Condanna in Primo Grado 

Il 1 dicembre 1994 cominciò il processo a carico di Luigi Chiatti, accusato dell’omicidio di Simone Allegretti e Lorenzo Paolucci. Il 28 dicembre Luigi Chiatti venne condannato a due ergastoli.

Appello e Cassazione

mostro di foligno

L’11 aprile 1996 la corte d’Assise d’Appello di Perugia riformò la sentenza di primo grado, dichiarando Luigi Chiatti semi-infermo di mente e condannandolo a 30 anni di reclusione. Tra le testimonianze si ebbe quella di un compagno di orfanotrofio di Chiatti che affermò che egli stesso e Chiatti erano stati al tempo vittime di abusi sessuali da parte di un sacerdote.

Inoltre, sempre nell’orfanotrofio, avrebbe avuto un comportamento aggressivo verso le donne. Secondo delle altre dichiarazioni di Chiatti, avrebbe avuto un rapporto difficile con i genitori, infatti ci parlava poco. In generale, era una persona chiusa, anaffettiva e con una crisi d’identità. A0905

Testo tratto e modificato:  http://it.wikipedia.org/wiki/Mostro_di_Foligno

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.