Crea sito

LOVE RESURRECTION – Alison Moyet – (1984)

Love Resurrection

alison moyet LOVE RESURRECTION YAZOO

Il VIDEO ufficiale – Clicca sopra 

————————————————————————————————————————————

Genevieve Alison Jane Moyet, in arte Alison Moyet (Billericay, 18 giugno 1961), è una cantante britannica di musica pop rock.

Ha iniziato utilizzando la sua voce contraddistinta da potenti toni bassi, a cavallo tra blues e soul, in un contesto elettronico synthpop ed electropop. Ha raggiunto il successo internazionale con il duo Yazoo insieme al tastierista Vince Clarke, già membro fondatore dei Depeche Mode.

Ha intrapreso poi la carriera solista, maggiormente orientata verso il pop, all’inizio, e il rock, in séguito, dando ampio spazio al sottogenere romatico della ballad e a numerose cover di brani di altri artisti, tra cui la numero 2 inglese That Ole Devil Called Love, a tutt’oggi il suo miglior piazzamento in classifica con un singolo. L’album di debutto, Alf, e la sua prima raccolta di successi, Singles, hanno raggiunto entrambi il numero 1 nella classifica degli album nel Regno Unito. Altri successi sono arrivati dal suo secondo album, Raindancing, piazzatosi al numero 2, e la raccolta di cover, Voice, al numero 7.

yazoo_moyet_toP-of_th_pops
Alison Moyet ai tempi degli Yazoo -BBC

La cantante, che, nel 2002, ha ottenuto due nomination, una ai Brit Awards (link) come «Miglior Voce Femminile» per l’album Hometime, e una al premio Mercury Music Prize, ha avuto una recente esperienza di successo anche comeattrice di teatro, recitando il ruolo della matrona Mama Morton, nel musical intitolato Chicago nel 2001.

1981 – 1983: Yazoo  

Nel 1981, ha inizio la sua carriera pop mainstream, quando forma il duo electropop Yazoo, insieme all’ex membro fondatore dei Depeche Mode, il tastierista Vince Clarke. A causa dell’omonimia con un’etichetta discografica locale, la Yazoo Records, negli USA il duo cambia il nome in Yaz. Gli Yazoo ottengono diversi successi in formato singolo, tra cuOnly YouDon’t GoSituation e Nobody’s Diary, contenuti nei due album Upstairs at Eric’s, del 1982 e You and Me Both del 1983. Il gruppo diventa famoso proprio grazie alla riuscita unione dei suoni elettronici, tipici di Clarke, con la calda voce soul della Moyet.

Ma quello che all’inizio costituisce un punto di forza, diventa presto un ostacolo insormontabile e, nel 1983, la Moyet e Clarke decidono di sciogliere gli Yazoo per insanabili divergenze musicali. Così, mentre Clarke prosegue il suo cammino prima con The Assembly, quindi con gli Erasure, la Moyet firma con la Columbia Records/CBS dando inizio a una carriera solista.

1984: il debutto da solista

alison moyet alf love resurrection

Nel 1984, la Moyet pubblica l’album del debutto solista, Alf, dal soprannome che aveva nel periodo punk, prodotto dal duo di produttori britannici Jolley & Swain. Il disco viene composto dai due produttori, insieme alla stessa Moyet, ad eccezione del brano Invisible, scritto esclusivamente per lei da Lamont Dozier. Alf ottiene successo in Gran Bretagna, dove raggiunge la vetta della classifica degli album, producendo tre singoli internazionali di successo, Love ResurrectionAll Cried Out e Invisible. Negli Stati Uniti, Invisible, il singolo che dei tre riscuote meno successo nel Regno Unito, entra invece nella Top 40 di Billboard. In alcuni paesi europei, ma non nel Regno Unito, l’etichetta sfrutta il grande successo ottenuto dall’album, pubblicando un quarto singolo extra, intitolato For You Only.

alison moyet love resurrection copertina disco

Nel 1985, la Moyet canta al Live Aid, assieme a Paul McCartney, Paul Young, David Bowie, Pete Townshend e Bob Geldof), i cori in Let It Be dei Beatles. Lo stesso anno, durante la promozione finale di Alf, pubblica un ulteriore 45 giri, non incluso sul 33, costituito dalla cover del classico intitolato That Ole Devil Called Love, che arriva fino al numero 2 nella classifica dei singoli in Gran Bretagna. ( 2mag16 )

love resurrection alison moyet discoTesto tratto e modificato: http://it.wikipedia.org/wiki/Alison_Moyet

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo