Crea sito

LACOSTE il coccodrillo alla moda – (dal 1933)

Lacoste

lacoste_polo_Colorate

Un tributo targato Lacoste – Clicca Sopra

——————————————————————————————————————————-

Lacoste è una casa d’abbigliamento francese fondata nel 1933 da René Lacoste e dall’amico André Gillier, divenuta famosa per l’invenzione della polo, con il coccodrillo collocato alla sinistra del petto. 

logo_lacoste_coccodrillo

Il coccodrillo, simbolo della casa francese, viene applicato a caldo sugli indumenti. Il classico logo è rimasto immutato negli anni, tranne l’aver subito una leggera riduzione di dimensioni negli ultimi decenni. Talvolta il coccodrillo può essere di colore diverso dal verde, per esempio argentato.

La storia vera del “Coccodrillo” inizia nel 1927. René Lacoste amava raccontare come il suo soprannome fosse diventato un emblema di fama mondiale. “La stampa statunitense mi ha soprannominato “Il Coccodrillo” in seguito ad una scommessa che avevo fatto col Capitano della squadra francese della Coppa Davis. Mi aveva promesso una valigia in coccodrillo se avessi vinto una partita importante per la squadra. Il pubblico americano si è ricordato questo soprannome che sottolineava la tenacia da me dimostrata sui campi da tennis, in quanto non mollavo mai la preda! Il mio amico Robert George mi disegnò un coccodrillo che fu poi ricamato sul blazer che indossavo in campo”.

La storia

lacoste_anni_30

René Lacoste e André Gillier fondarono la casa di abbigliamento in seguito alla creazione del “modello 1212”, la polo che il grande tennista Lacoste aveva iniziato a commercializzare alla fine degli anni ’20, anni in cui dominava i palmares del tennis. La tradizione vuole che Lacoste, desideroso di creare un indumento sportivo, comodo e funzionale per i tennisti dell’epoca, prese in considerazione due indumenti: la camicia e la T-shirt (che era indossata soltanto come indumento di biancheria intima). Dalla fusione di tali abiti nacque quella che venne definita “polo” e che conserva la praticità di una T-shirt a maniche corte, unita all’eleganza della camicia (nel colletto a coste).

rené_lacoste_polo_coccodrillo

Lacoste ha dedicato molta attenzione non solo al tennis ma anche ad altri sport come il calcio e soprattutto il golf, visto che sua moglie era una assidua praticante di questo sport. È la prima volta che un logo appare visibile su un capo di abbigliamento. Nel 1968, con la partecipazione di Jean Patou, il marchio porta sul mercato la prima fragranza maschile, “Lacoste”. Negli anni ’80, con l’apertura dei primi negozi, Lacoste diviene una catena d’abbigliamento internazionale.

Con il passare degli anni Lacoste è diventata una casa di moda a tutto tondo, con l’introduzione di calzature, profumi e accessori.

Anche Nicola Pietrangeli e Adiranao Panatta (a 18 anni) vestivano Lacoste
Anche Nicola Pietrangeli e Adriano Panatta (18 anni) vestivano Lacoste

Curiosità

E’ possibile contraffare degli animali ? In questo caso si! Il coccodrillo della Lacoste è l’animale più imitato nel mondo. Ma, come spesso succede in queste situazioni, nessun falso può eguagliare l’originale, che in questo caso, è il piccolo coccodrillo degli articoli della marca francese. Il modello originale della collezione sportiva della Lacoste è quello delle magliette polo, create negli anni ’30 per giocare a tennis. Fino a quel momento, questo sport si praticava con indosso normali magliette bianche. Il fondatore della società, René La coste, famoso giocatore di tennis francese, fece un favore ai suoi colleghi quando iniziò a produrre polo più adatte a fare sport.

Dal 1967 René si trasferì a Saint-Jean-de-Luz, dove diresse fino all’ultimo giorno (12 ottobre 1996) di vita la sua azienda. A0872 

René Lacoste nel 1994 a 90 anni suonati.
René Lacoste nel 1994 a 90 anni suonati.
 
web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.