Crea sito

La Storia Dell’Auto: LAND ROVER

Land Rover Prima Serie

Il Land Rover è un veicolo 4×4 fuoristrada, costruito a partire dal 1948. Nel dopoguerra venne imposto alla Rover, solitamente impegnata nella produzione di auto di lusso, di costruire veicoli più economici per rendere più facili le esportazioni in quegli anni difficili.

Bel filmato storico che ripercorre la sua storia – Clicca Sopra

VIDEO 2 – Eccolo in azione al Camel Trophy 1983 – Clicca


 La ditta reagì costruendo un veicolo totalmente diverso: il fuoristrada Land Rover, con una nuova carrozzeria ma con il motore delle vetture precedenti.

land_rover_I-serie_anni_50Il nome Land Rover deriva dal primo modello di questo tipo costruito dalla casa inglese Rover, che fu il pioniere dei modelli civili e militari successivi. Caratteristica base fin dal primo modello lanciato ad Amsterdam il 30 aprile 1948 è la trazione integrale che permette a questi veicoli di affrontare terreni anche molto accidentati.

Dal 1975, anno della nazionalizzazione della British Leyland (che aveva acquistato il marchio Rover nel 1967), il nome del celebre veicolo diventò anche quello di una casa  automobilistica separata, la Land Rover. Le vicissitudini, dapprima del marchio ed in seguito dell’azienda autonoma, seguirono quelle del gruppo inglese di cui faceva parte, che in seguito passò alla BMW dove avvenne la fusione con Rover, per poi far parte, dal 2000 fino a qualche anno fa, del gruppo Ford. A giugno 2007, infatti, il gruppo Ford mise in vendita la Land Rover, insieme alla Jaguar e il 26 marzo 2008 le agenzie di stampa diffusero la notizia della sua vendita alla Tata Group.

land_rover_anni_50

La Land Rover ha anche equipaggiato tutte le edizioni del Camel Trophy tranne la prima. Dopo la fine di questa manifestazione, la casa inglese ne ha organizzato una simile: il G4 Challenge.

Il primo veicolo, chiamato Land Rover, fu disegnato da Maurice Wilks nel 1947 in Inghilterra, ispirato dalle Jeep utilizzate dagli americani durante la Seconda guerra mondiale. Per questo, il primo modello realizzato si basava proprio su una struttura della Jeep. Caratteristica base fin dal primo modello lanciato ad Amsterdam il 30 aprile 1948 fu la trazione integrale che permise a questi veicoli di affrontare terreni anche molto accidentati. Un’altra caratteristica base fu la carrozzeria in alluminio, meno esposta alla corrosione e, all’epoca, non sottoposta a contingentamento dal governo britannico.

land_rover_I_serie

Il risultato di tutto ciò è una famiglia di veicoli che ha fatto la storia dei fuoristrada e che, agli inizi degli anni settanta, superò il milione di vetture costruite, sia per clienti civili che militari. Infatti, fin dai primi anni, le forze militari inglesi adottarono le Land Rover, affiancandole alle Austin Champ.

Dal 1975, anno della nazionalizzazione della British Leyland (che aveva acquistato il marchio Rover nel 1967), il nome del celebre veicolo diventò anche quello di una casa automobilistica separata, la Land Rover. L’azienda, dopo vari cambiamenti di proprietà, diventò parte del Tata Group dal 2008.

E’ stato prodotto in diverse serie, all’inizio indicate anche dalla misura del passo in pollici. Il veicolo “Land Rover” (90,110 e 127) è chiamato dal 1990 “Defender”:

  • Serie I (1948-1958)
  • Serie II (1958-1971)
  • Serie III (1971-1983)
  • 90, 110 e 127 (1983-1990)
  • Defender, commercializzato dal 1990 e seguito nel 2007 dal New Defender.

Serie

La I Serie

La Serie I fu prodotta dal 1948 al 1958. La prima “Land Rover” aveva il passo da 80 pollici, un motore a 4 cilindri di 1595 cc a benzina e la trazione integrale sempre in presa con un sistema di ruote libere. Nel 1949 venne introdotto il modello “Station Wagon”, con carrozzeria interamente in metallo. Nel 1950 il sistema di ruote libere venne sostituito dalla trazione integrale inseribile. Nel 1952 la cilindrata fu portata a 1997 cc.

Nel 1954 passò da 80 a 86 pollici e venne introdotto anche un modello a passo lungo da 107 pollici.

Dopo due anni il modello 86 e il 107 furono sostituiti con i modelli 88 e 109 pollici. Nel 1957 fu possibile avere, oltre al motore a benzina, un 4 cilindri diesel di 2052 cc.

Serie II

La 109  Serie II

La Serie II venne introdotta nel 1958, disponibile con il passo da 88 o 109 pollici. Fu introdotta con un nuovo motore 4 cilindri a benzina di 2286 cc, oltre al 4 cilindri diesel di 2052 cc. Nel 1961 venne presentata la Serie IIA,  con alcuni particolari modificati e un nuovo 4 cilindri diesel di 2286 cc. Nel 1968 i fari furono spostati sui parafanghi per venire incontro alle norme dei codici della strada di alcune nazioni europee.

 Serie III

 La 109 Pick-Up della Serie III

La Serie III fu introdotta nel 1971, disponibile con il passo da 88 o 109 pollici.

Motorizzazioni:

  • 2286 cc 4 cilindri diesel
  • 2286 cc 4 cilindri a benzina
  • 2625 cc 6 cilindri a benzina
  • 3528 cc 8 cilindri a V, a benzina (Land Rover “Stage 1”)

Le novità principali furono l’introduzione del cambio con tutti i rapporti sincronizzati, un nuovo cruscotto e la mascherina in materiale plastico, Questa innovazione suscitò le lamentele dei clienti australiani che usavano la mascherina in acciaio come graticola.Nel 1981 i motori da 2286 cc diesel e benzina ebbero 5 supporti di banco.

Stage 1

La “Stage 1” fu una versione introdotta nel 1979. Il termine “Stage 1” si riferisce al primo stadio di investimenti della casa inglese per migliorarne l’offerta.

La Stage 1 era dotata del poderoso motore V8 che equipaggiava la Range Rover, opportunamente depotenziato a 91 cavalli. Questa versione anticipò con alcuni particolari i successivi 90 e 110: ad esempio aveva la trazione integrale permanente e la mascherina non era più rientrata, ma in linea con i fari. La Stage 1 fu commercializzata soprattutto con il passo da 109 pollici e gli esemplari con passo 88 furono pochissimi. Uscì di produzione poco dopo l’ingresso dei nuovi 90 e 110.

Type 90 e 110

 Land Rover 90 – con la scritta sulla mascherina “Land Rover 90”

Nel 1983 iniziò la produzione del Land Rover 110 (evoluzione del modello 109), il cui nome si riferisce alla distanza tra gli assi (interasse o passo) di 110 pollici (2794 millimetri) del veicolo. Successivamente, nel 1984, venne introdotto il Land Rover 90, con 93 pollici di interasse (2362 millimetri), sostituto del Land Rover 88. Nel 1985, invece, entrò sul mercato una versione a passo notevolmente lungo: il Land Rover 127, con ben 3226 mm di interasse. I nuovi 90 e 110 rischiarono di essere confusi con le “Series” a causa della loro grande somiglianza: addirittura molte parti erano intercambiabili, nonostante i modelli evessero quasi 30 anni di differenza. Le novità, tuttavia, furono significative: le Series montavano sospensioni a balestra con la possibilità di scegliere tra due o quattro ruote motrici, mentre i 90 e 110 avevano sospensioni a molla e trazione integrale permanente con la possibilità di bloccare il differenziale centrale.

  • 1983 – Viene lanciato sul mercato il Land Rover 110
  • 1984 – Viene lanciato sul mercato il Land Rover 90
  • 1985 – Viene lanciato sul mercato il Land Rover 127

 Defender

Land Rover Defender 110 – con la scritta Defender sulla mascherina

Il Defender, il cui nome deriva dal suo largo utilizzo in campo militare e della difesa in genere, venne prodotto nel 1990, dopo l’introduzione del “Land Rover Discovery” nel 1989 e per distinguerlo dal Range Rover, quest’ultimo sempre più popolare sul mercato. Inoltre, da questo momento, il Land Rover 127 venne rinominato Defender 130, pur non variando la distanza tra gli assi. ( 1gen18 )

  • 1990 – Uscita della versione con motore turbodiesel Land Rover Defender Tdi200
  • 1995 – Uscita della versione con motore turbodiesel Land Rover Defender Tdi300
  • Esercito Italiano – Uscita con motore aspirato benzina Land Rover Defender (Carabinieri)
  • 1998 – Uscita della versione con motore turbodiesel Land Rover Defender Td5
  • 2006 – È stata presentata la nuova versione con motori Ford 4 cilindri 2.400 cm³
Articolo in collaborazione con : http://autoemotodepoca.altervista.org
web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.