Crea sito

La storia dell’auto: FIAT X 1/9

Fiat x 1/9

bertone fiat x 1/9 1972

Presentazione della X 1/9 – Clicca Sopra

VIDEO 2 – Un bel raduno di Fiat X 1/9 – Clicca

VIDEO 3  Bei passaggi di una Dallara Icsunonove – Clicca

——————————————————————————————————————————

La Fiat X1/9 è una vettura del tipo “targa”, a motore centrale, prodotta dalla Fiat tra il 1972 e il 1989.

Fiat X 1/9 – Storia e tecnica 

La X1/9 ebbe una storia particolare. Dopo la concept car Runabout del 1969, la Bertone presentò alla dirigenza Fiat un’evoluzione del prototipo più facilmente industrializzabile. I vertici della casa torinese, tuttavia, non parvero molto interessati e la vettura finì in un angolo dell’officina.

Fiat X 1/9
Autobianchi Runaboat prototipo 1969

Durante una visita agli stabilimenti di Grugliasco (per tutt’altri motivi), Gianni Agnelli vide in un angolo, ricoperta di polvere, la piccola targa e ne decretò l’immediata entrata in produzione. Utilizzando la meccanica della Fiat 128 Coupé che venne rivoltata (la X1/9 aveva, infatti motore centrale e trazione posteriore, mentre la 128 aveva motore e trazione anteriori), la piccola targa, munita di robusto roll bar centrale e tetto rigido asportabile e inseribile nel cofano anteriore, debuttò alla fine del 1972 al Parco delle Madonie, in Sicilia.

Autobianchi Runaboat prototipo 1969

La derivazione 128 era evidente nella meccanica: sospensioni a ruote indipendenti, impianto frenante a quattro dischi(gruppi posteriori analoghi a quelli della Fiat 124 Sport) e motore trasversale a 4 cilindri di 1290cm³ da 75 cv (lo stesso della 128 Rally 1300 poi, cessata la produzione di questa versione adottò quello della Sport Coupé 1300). Il telaio era derivato direttamente dalla cugina Lancia Stratos (con la quale condivideva qualche componente della carrozzeria), sempre frutto della matita di Marcello Gandini, il designer della Bertone negli anni settanta. Nel listino Fiat, la neonata “targa” prendeva il posto della 850 Sport Spider, rinunciando, secondo le convinzioni dell’epoca, ad una carrozzeria spyderper ragioni di sicurezza.

fiat x 1/8 five speed storia auto
Fiat X 1/9 Five Speed

La Fiat X 1/9 venne esportata negli USA sia con motore 1290 cm³ che nella versione che nascerà qualche anno dopo con motore maggiorato a 1498 cm³, alimentazione a iniezione, dotata dei dispositivi antinquinamento previsti dalle normative statunitensi e strumentazione con misure anglosassoni, ottenendo un buon successo di vendite.

Fiat X 1/9

Nel 1978 subì il primo (e unico) restyling della sua lunga carriera (18 anni) con la versione “FIVE SPEED” che richiamava sin dal nome la maggiore modifica, l’adozione del cambio a 5 marce. Esteticamente la vettura venne “americanizzata” con l’adozione di massicci paraurti in alluminio ad assorbimento; anche il cofano motore subì una vistosa modifica per ospitare il nuovo propulsore.

Gli interni vennero completamente ridisegnati con nuovi sedili ergonomici regolabili e cruscotto di nuova concezione.

La cilindrata del motore cresce a 1498 cm³ (85cv), mentre il cambio diventa a 5 rapporti. La velocità massima arriva a 185 km/h con un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 10 sec.

A partire dal 1982 la produzione, ormai quasi interamente assorbita dagli USA, venne trasferita alla Bertone (di cui adottò anche il marchio). Negli anni Bertone la X1/9 venne realizzata in una serie di versioni speciali anche con carrozzeria “bicolore” e interni lussuosi (come la In del 1982 che presentava interni in pelle rossa); per i telai (contrariamente alla produzione FIAT) vennero adottati trattamenti anticorrosivi con verniciature speciali a 9 strati.

Fiat X 1/9

La produzione cessò nel 1989 con la versione “Gran Finale”: qualche variante come i nuovi cerchi in lega e piccolo spoiler posto nella parte posteriore; vetture dotate di verniciatura micalizzata. In totale la produzione dal 1972 al 1989 è stata di circa 170.000 esemplari.

La X1/9 (l’unica nella storia del marchio torinese a motore centrale) fu l’ultima vettura a due posti e scoperta presentata da Fiat fino all’arrivo della Barchetta.

FIAT X 1/9 MOTORE CENTRALE

Dallara Icsunonove  

Il costruttore di vetture da competizione Gian Paolo Dallara realizzò tra il 1973 e il 1978, in accordo con la casa madre, alcune decine di vetture elaborate, secondo i dettami regolamentari del Gruppo 5 (vetture Silhouette).

La prima versione della Icsunonove presentava un motore 1300 elaborato con testa a 16v e iniezione meccanica Kugelfischer da 192 CV, cui seguirà una versione 1600 cm³ da oltre 200 Cv.

Dallara Icsunonove

Esteticamente si caratterizzava per i passaruota allargati per montare ruote di maggiori dimensioni, un alettone posteriore e il frontale senza fari a scomparsa.

Si distinse in particolare nelle gare in salita e negli slalom.

Nel modello del 1975 il progetto è stato realizzato in collaborazione con Bertone.

 

La Fiat X 1/9 Abarth  

All’inizio degli anni ’70 Gino Macaluso navigatore all’interno del Reparto corse della Fiat, fu incaricato dalla stessa di seguire lo sviluppo della x1/9 Abarth. Progettata nel 1974 dal Reparto Corse della FIAT per correre il campionato rallies; Sostituendo di fatto la Lancia Stratos.

Fiat X 1/9

Equipaggiata con il motore della Fiat 124 Abarth Rally (di cui la X1/9 avrebbe dovuto essere l’erede) da 1.840 cm³, alimentato da due carburatori doppio corpo e con distribuzione a 4 valvole per cilindro, per una potenza max di 200 cavalli a 7.600 giri al minuto e trasmissione con cambio a cinque marce ad innesti frontali e differenziale autobloccante, la vettura, pesante solo 750 kg, era caratterizzata da aerodinamica sofisticata, prese d’aria sul cofano anteriore, e periscopio sul motore centrale, fari anteriori rettangolari fissi, fanaleria supplementare circolare, cerchi in lega Cromodora.

Pesando solo 750 kg, la x1/9 prototipo era più leggera della Fiat 124 Spider e anche della Fiat 131 Abarth Rally che sarebbe arrivata a 950 kg.

Fiat X 1/9

Per la sua maneggevolezza, la x/19 aveva impressionato i piloti che la guidarono che la giudicarono più facile rispetto alla Lancia Stratos. che a sua volta condivideva un’architettura quasi uguale, ma un comportamento molto diverso. Al momento dello stop del programma di progettazione, si era ventilata anche l’ipotesi di equipaggiare la piccola targa con un motore turbo, ma non si andò oltre ad un abbozzo.

Nonostante le incoraggianti premesse, questa vettura ebbe una breve carriera nelle competizioni, che partì con lo sfortunato esordio al Rally di Sicilia e al Rally delle quattro Regioni, dove fu costretta al ritiro, cui seguirono tre vittorie assolute al Rally delle Alpi Orientali, al 100.000 Trabucchi e alla Coppa Liburna. Tuttavia, lo sviluppo del progetto venne interrotto per fare posto al progetto FIat x1/20 (ovvero la Lancia Beta Montecarlo) e la futura Fiat 131 Abarth Rally. A1135

 
 
 
 
 
web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.