Crea sito

INVICTA gli Zaini – (Anni 80)

Invicta

invicta zaini

———————————————————————————————————————

La Invicta (dal latino Invicta/Invictae) è una azienda produttrice di borse e zaini italiana, con sede a Leinì in provincia di Torino.

Invicta – Storia 

Nasce in Inghilterra nel 1906 come azienda produttrice di sacchi per la marina militare e borse in juta, per poi passare nel 1926 ad un artigiano torinese. Nel corso degli anni sessanta l’azienda passa all’imprenditore torinese Giovanni Garrinoche, in questa fase, la rende nota per la produzione di accessori di alpinismo.

Ma la vera popolarità viene raggiunta neglianni ottanta. In questo periodo infatti l’azienda Invicta raggiunge l’apice del suo successo con le collezioni di zaini scuola, principalmente destinati ad un pubblico giovanissimo, facendoli diventare un vero e proprio oggetto di moda che caratterizzerà tutti gli anni ottanta e novanta.

Nel 1998 l’azienda acquisisce il marchio Diadora con cui successivamente si fonde spostando la propria sede a Caerano di San Marco in provincia di Treviso. Passano pochi anni e le cattive acque in cui naviga il gruppo Diadora-Invicta costringono l’azienda a cedere nel 2006 lo storico marchio torinese all’azienda concorrente Seven.

JOLLY Original 18’

JOLLY Original 18 zaino invicta

Lo zaino che ha reso famosa Invicta nel mondo. Il Jolly Original fu disegnato e presentato al pubblico nel 1981. Usato inizialmente dai “paninari”, un movimento giovanile nato a Milano nel 1980, lo zainetto Invicta è diventato presto famoso e icona di quel periodo in tutto il mondo. Rispecchiava un nuovo modo di vivere in libertà, una totale assenza di rispetto e rifiuto per la politica e per l’adesione ad un stile di vita basato sul consumo.

iMINISAC Icona degli anni 80.

iminisac invicta

L’Invicta iMinisac è uno zaino leggero, durevole e packable che è stato creato per la prima volta nel 1970 come un accessorio per lo sci invernale.
Nel 1980 fu adottato dai giovani che da allora apprezzarono le multi-tasche e l’innovativo design. Insieme al suo fratello maggiore, il Jolly, il Minisac divenne un accessorio urbano indispensabile e icona del suo tempo. A0353

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.