Crea sito

IL PADRINO – Francis Ford Coppola – (1972)

Il Padrino

IL PADRINO francis ford coppola

Il Padrino

Il padrino (The Godfather) è un film del 1972 diretto da Francis Ford Coppola, prima pellicola della trilogia omonima firmata dal regista, ispirata al romanzo omonimo di Mario Puzo.

VIDEO del Trailer – Clicca Qui

VIDEO 2 – La scena del battesimo – Clicca 

VIDEO 3 – La morte di Don Vito – Clicca

La pellicola fu premiata con tre premi Oscar e, insieme al suo seguito, è considerata una pietra miliare della storia del cinema.

Il padrino è stata infatti considerata la terza miglior pellicola statunitense della storia dall’American Film Institute, inoltre è al secondo posto della classifica dell’Internet Movie Database.

Il padrino foto

La Paramount Pictures acquistò i diritti de “Il padrino“, il libro di Mario Puzo, per farne un film di genere. All’interno della casa di produzione c’erano però molte resistenze dopo lo scarso successo de “La Fratellanza” (1968), un film di ambientazione simile, diretto da Martin Ritt.

In un primo momento vennero contattati per dirigerlo Elia Kazan, Sergio Leone, Arthur Penn e Costa Gavras ma non si dimostrarono interessati. L’unico regista che si dimostrò disponibile fu Sam Peckinpah che però venne mandato via dai produttori perché insisteva nell’idea di trasformare la storia del film in una specie di western con ambientazioni gangster. Infine Robert Evans, il capo della Paramount, puntò sull’italoamericano Francis Ford Coppola, nonostante le perplessità dei produttori perché era un regista semisconosciuto. Coppola accettò principalmente l’incarico per avere denaro per finanziare il suo futuro film La conversazione.

Coppola venne contrastato dai produttori perché si rifiutò di spostare la collocazione temporale del film (gli anni ’40 e ’50) all’epoca delle riprese (1972) e l’ambientazione nella città di Saint Louis, molto più economica di New York.

Pressioni sul film

il padrino
Marlon Brando al trucco sul set de ” Il Padrino “

Frank Sinatra fece pressioni sulla produzione affinché il personaggio di Johnny Fontane, che nel romanzo di Puzo si ispirava alla sua figura per via dei suoi presunti legami con Cosa nostra americana, non fosse ricondotto a lui.

Prima dell’inizio delle riprese, Joseph Colombo, boss della famiglia Colombo, iniziò una campagna per boicottare la realizzazione della pellicola, accusata di denigrare gli italoamericani ritraendoli tutti come mafiosi. Infine il produttore Albert S. Ruddy s’incontrò con Colombo e i due giunsero ad un accordo: la parola “mafia” non sarebbe comparsa nel copione e nemmeno sarebbe stata pronunciata nel film.

Riprese

il padrino marlon brando

Sul set Marlon Brando amava molto fare scherzi. Alcune “vittime” furono i due sventurati che in una scena del film, al suo ritorno a casa dall’ospedale, lo portavano su una barella in camera sua: Brando fece mettere assieme a lui sotto la coperta una serie di pesi, di modo che il tutto (barella, Brando e pesi) arrivò a pesare quasi 300 kg.

Locations

il padrino locandina

La maggior parte delle riprese si sono svolte dal 29 marzo al 6 agosto 1971, per lo più a New York, con un totale di 77 giorni di riprese.

Le scene ambientate a Corleone in verità furono girate in provincia di Catania, a Fiumefreddo di Sicilia, nella fattispecie al Castello degli Schiavi. Altre scene furono girate a Forza d’Agrò, a Savoca e a Motta Camastra, in provincia di Messina.

Accoglienza

Uscito negli USA, il film incassò circa 86 milioni di dollari e fu una sorpresa per la casa di produzione, che non si aspettava un incasso così alto. Uscito in altre nazioni, continuò ad avere un grosso successo, spaccando in due la critica internazionale ed entrando nell’immaginario collettivo del pubblico, arrivando ad incassare un totale di 1.144.234.000 $ in tutto il mondo.

Il padrino

Il film venne premiato con tre Premi Oscar:

  • Miglior film
  • Miglior attore protagonista (a Marlon Brando)
  • Miglior sceneggiatura non originale (a Francis Ford Coppola e a Mario Puzo)

Marlon Brando però rifiutò il suo premio Oscar e non si presentò alla cerimonia di premiazione, in disaccordo sui maltrattamenti degli indiani nativi d’America da parte degli Stati Uniti e di Hollywood. Al suo posto inviò alla premiazione una finta squaw chiamata “Sacheen Littlefeather” per leggere il suo discorso di protesta. Più tardi si scoprì la vera identità della ragazza, Maria Cruz, un’attrice semi-sconosciuta. Brando fu il secondo attore della storia del cinema che aveva rifiutato tale premio. ( 1gen16 )

il padrino locandina Testo tratto e modificato: http://it.wikipedia.org/wiki/Il_padrino_(film)

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.