Crea sito

I WON’T LET YOU DOWN – Ph.D – (1981)

i win't let you down

Versione Uno Del Video I Won’t let you down – Clicca Qui

Le due versioni del Video di I Won’t let you down – Clicca Qui

———————————————————————————————————

Ph.D. sono un gruppo musicale britannico composto inizialmente da Simon Phillips, inglese (Batteria) Jim Diamond, scozzese (voce) e Tony Hymas, inglese (tastiere) e successivamente solo da Diamond e Hymas, che ha conosciuto all’inizio degli anni ottanta un buon successo commerciale che l’ha visto protagonista in tutta l’Europa.

Il loro primo singolo I Won’t Let You Down del 1981, tratto dall’album Ph.D., entra nelle classifiche, così come due anni dopo accadrà a I Didn’t Know e Fifth of May, tratti dal loro secondo album Is It Safe? ed entrambi pubblicati nel 1983.

i won't let you down

Nel 1984 Tony Hymas verrà chiamato in Italia ad arrangiare Regalami un sorriso, interpretata da Drupi e prodotta da Victorio Pezzolla.

Il nome del gruppo corrisponde alle iniziali dei tre componenti della formazione originaria: Phillips, Hymas e Diamond (da non confondersi con il duo rap PhD).

I Wont’l Let You Down

I Won’t Let You Down è un singolo del gruppo britannico Ph.D, pubblicato in Europa nell’aprile 1981 dalla WEA (catalogo K 79209).

Tra il 1981 e il 1982 è stato ristampato, soprattutto per il mercato europeo, con una diversa copertina, che, a sua volta, cambia il colore dello sfondo: blu (WEA 79209), rosso (WEA U 79209). Esiste anche una versione promozionale in formato maxi singolo a 12″ pubblicata in Europa (WEA PRO 560) e negli Stati Uniti (Atlantic PR 444).

i won't let you down

i won't let you down

I Won’t Let You Down ha due versioni diverse. Quella sul singolo (4:10) ha un’introduzione strumentale di sintetizzatore (circa 25 secondi), che ripete il ritornello della canzone e precede l’attacco vocale. La versione nell’album Ph.D., complessivamente più lunga (4:21), è invece priva dell’introduzione, ma aggiunge, dopo il ritornello della seconda strofa, la ripetizione del titolo e dell’intero ritornello con un’ulteriore sottofondo di percussioni.

Successo e classifiche

Classifica (1982)   Posizione
massima
Settimane
in classifica
Belgio (Vallonia) Belgio 1 13
Paesi Bassi Paesi Bassi 1 13
Italia(*) (1982/83) Italia 2 12
Svizzera Svizzera 2 10
Regno Unito Regno Unito 3 14
Francia Francia 4 39
Australia Australia 5
Germania Germania 14 25

(*) Rimane nella classifica dei singoli più venduti in Italia tra la fine del 1982 e del 1983, raggiungendo la 2ª posizione della hit parade settimanale e risultando 15° nel 1982.

Video musicale

i won't let you down

Il videoclip della canzone, pubblicato e diffuso inizialmente da VH1 Classic e, dal 2010, da MTV Classic, è girato, nel distretto cosmopolita del Queensway, sobborgo dell’area occidentale londinese, con lo stile del cortometraggio comico basato sul linguaggio del corpo.

Da una parte, Jim Diamond impersona un distinto signore che cerca in ogni modo di riconquistare le attenzioni della sua amante (come ripetuto nel ritornello della canzone) con regali, acquisti e ristoranti costosi; dall’altra, Tony Hymas è il suo trasandato antagonista, che, travestendosi e mimetizzandosi, prova invano ogni espediente per eliminare o uccidere il suo rivale e ottenere il favore della donna. Dopo vari comici tentativi infruttuosi, ci riuscirà, spacciandosi per rivenditore di auto e convincendo l’amico a provare da uno sfasciacarrozze una Fiat 128 bianca di seconda mano. Appena salito sull’auto, Diamond scoprirà che è bloccata e agganciata ad una gru da cantiere che la sta sollevando, mentre Hymas se ne andrà con la ragazza. ( 3feb16 )

i wont let you down disco

 
web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.