Crea sito

I LOVE AMERICA – Patrick Juvet – (1978)

I Love America

schermata-2016-12-29-alle-16-59-54

La disco music (in italiano detta anche musica disco, o semplicemente disco), prende il nome da discoteche. I due fenomeni (il genere musicale e il tipo di locali) emersero insieme, e il fine esplicito della disco music era quello di essere ballata, più che di essere ascoltata. Detestata da chi in quegli anni aveva una visione della musica più “politica”, impegnata e poco commerciale, ha saputo con il tempo imporsi e diventare una vera e propria corrente musicale.

Clicca sopra per il VIDEO di “I Love America” 

AIUTO GRATIS AL SITO CURIOSANDO

Finalmente puoi contribuire in modo TOTALMENTE GRATUITO al sostentamento del SITO e delle PAGINE FACEBOOK acquistando su AMAZON entrando sul vostro profilo CLICCANDO sul banner sotto. Un GRAZIE di CUORE !

schermata-2016-12-29-alle-17-00-20

Sottogenere del Funk, a sua volta derivato dall’R&B, la Disco Music è legata a locali americani come lo Studio 54. La differenza sostanziale tra Funk e Disco si può comprendere solo legendo la storia della House Music poiché se House definisce il campionamento ritmico volto a normalizzare e a rendere più ballabili brani Funk e Latin, per Disco si intende tutta quella musica prodotta già dall’inizio allo scopo e quindi non un adattamento al ballo, quale è il caso della House. Non a caso, tra i simboli della musica Disco troviamo un brano come I Feel Love di Donna Summer, la prima produzione cantata di musica totalmente sintetica (cioè composta e suonata esclusivamente da macchine, se escludiamo il cantato)……. 

schermata-2016-12-29-alle-16-59-40

……In Francia nella seconda metà degli anni settanta vengono prodotti artisti di grande successo, come Patrick Hernandez (Born to be alive), Jennifer (Do it for me), Cerrone (Love in C minor) il trio della Belle Epoque (Black is black), Sheila & B. Devotion (Love me baby, Singin’ in the rain, Spacer), Patrick Juvet (Lady night e I love America) e i Gibson Brothers, di nazionalità francese ma originari della Martinica (Cuba). Il Discorso francese è forse il più interessante perché unisce produzioni come Born to be alive di matrice disco a progetti legati in qualche modo all’Electro-Pop / Synth Pop tedesco, in un genere totalmente nuovo ed originale che da alla luce progetti come Plastic Bertrand (Tout Petit La Planete che poi traghetteranno i produttori francesi negli anni Ottanta dominati da Telex (L’Amour Toujours, Twist a’ Saint Tropez e altri progetti dove la Disco esalta al massimo livello la sua commistione con l’Electro Pop. A0590

patrick juvet i love america copertina 45 giri disco

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.