Crea sito

GLI SBULLONATI – Gig – (Anni ’90)

Gli Sbullonati

Sbullonati Sbang gig giocattoli vintage

Lo spot dello “Spacca Auto” – Clicca Sopra

VIDEO 2 – E qui lo spot della “Spacca Moto” – Clicca


Gli Sbullonati

Ma chi sono gli Sbullonati? Per chi non li ha vissuti, erano riproduzioni della GIG dei pupazzi utilizzati per i Crash Test, che andavano in mille pezzi quando facevi schiantare il loro mezzo contro una parete. Come avveniva? Tramite un bottoncino sul loro petto che quando veniva premuto per l’impatto faceva saltare loro la testa e gli arti.

Come personaggi oltre ai vari omini che perdevano gli arti, c’erano pure quelli a cui schizzavano fuori gli occhi o si allungava il collo, e ognuno di loro aveva la targhetta col nome sulla tuta; inoltre avevano fatto pure il gatto, il cane e il bebè sbullonati. 


I mezzi sui quali si potevano far distruggere questi poveri martiri erano la moto, la macchina e l’aereo (o almeno questi mi ricordo), i quali avevano degli adesivi da incollare per decorazione, principalmente le strisce a quadretti gialli e neri.

Jeep sbullonata gig confezione vintage

Finora ho dato dei dati oggettivi, ma effettivamente quanto erano utili o divertenti questi Sbullonati secondo me? Vi dirò… non ho avuto una buona esperienza. Prima di tutto, quando provavo a far schiantare la moto, la maggior parte delle volte rimaneva integra… ma se qualche volta si rompeva gli omini saltavano via ma rimanevano tutti interi.

Era alquanto difficile far sì che i pulsanti sul petto venissero premuti, o al massimo saltava una sola gamba.

Seconda cosa: alla lunga o le molle interne che sorreggevano gli arti o i perni stessi degli arti si rompevano.. ciò significa che quell’arto non sarebbe mai più potuto saltare …. ma finché tutto funzionava il divertimento era assicurato. ( 4ago18 )

sbullonati jeep

auto sbullonata

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.