Crea sito

Oggetti nostro passato: TABULATO / MODULO CONTINUO

Tabulato

Carta-modulo-continuo-tabulato

————————————————————————————————————————

Il Tabulato o Modulo Continuo

Il tabulato o modulo continuo è un supporto cartaceo continuo disponibile in vari formati stampabile con stampanti ad impatto.

Modulo-continuo-tabulato

Il trascinamento all’interno della stampante avviene grazie a due file di fori circolari disposti ai lati di ogni foglio ed un meccanismo denominato trattore.

I fogli sono disposti a soffietto e sono perforati in modo da poterli facilmente staccare fra di loro, ogni risma ne può contenere anche migliaia.

Il modulo continuo esiste anche in due forme per utilizzi particolari:

  • copia multipla ovvero più fogli separati da carta carbone o trattati con materiale chimico “autocopiante” in modo da potere produrre più copie con una unica stampa ad impatto;
  • prefincato, prestampato, utile laddove sia necessario produrre documenti con uno schema predefinito e solo alcune parti variabili, come bollette e fatture. Quest’ultima forma di utilizzo è ancora diffusa in alcuni ambiti.
Fabbricazione di Modulo Continuo su apposito macchinario
Fabbricazione di Modulo Continuo su apposito macchinario

La stampa ad impatto su modulo continuo ha costituito per diversi decenni (dagli albori fino agli anni ottanta) il sistema preferito se non l’unico per la presentazione dell’output di sistemi automatizzati e computer.

Con l’avvento delle stampanti a getto d’inchiostro, stampanti laser e dei nuovi supporti di memorizzazione, la stampa ad impatto del tabulato è caduta pressoché in disuso, ed il termine è rimasto a designare prodotti che un tempo venivano presentati su supporti di questo tipo, come i cosiddetti tabulati telefonici. ( 3feb18 )

tabulato-modulo-continuo

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo