Crea sito

FUGA PER LA VITTORIA – John Houston – (1981)

FUGA PER LA VITTORIA

fuga per la vittoria locandina

Il VIDEO del Trailer originale – Clicca Qui

VIDEO 2 – L’allenamento della squadra – Clicca  

VIDEO 3 – La rovesciata di Pelè – Clicca

La bellissima parte finale con l’inno Francese…da brividi – Clicca Qui

——————————————————————————————-

Fuga per la vittoria (Escape to Victory) è un film del 1981 diretto da John Huston.

Il film mantiene ancora oggi una notevole popolarità, soprattutto per la presenza di grandi calciatori dell’epoca a fianco degli attori principali, tra cui il celeberrimo Pelé.

Film liberamente ispirato alla partita della morte tenutasi a Kiev il 9 agosto 1942 tra una mista di calciatori di Dynamo e Lokomotiv e una squadra composta da ufficiali dell’aviazione tedesca Luftwaffe.

Fuga per la Vittoria – Il Cast

La particolarità di questo film è che per interpretare le parti dei calciatori alleati sono stati chiamati nel cast numerosi atleti professionisti di fama internazionale: Pelé, fuoriclasse brasiliano tre volte campione del mondo (1958, 1962 e 1970); Bobby Moore, capitano della nazionale inglese campione del mondo nel 1966; il belgaVan Himst, il polacco Deyna, l’argentino Ardiles campione del mondo nel 1978, tutti leader delle rispettive nazionali, e altri ancora. Sylvester Stallone interpreta un improbabile soldato (in realtà una spia) canadese più avvezzo al football americano che al calcio, portiere dallo stile molto grezzo, che a più riprese chiede a Colby quale sia il giusto piazzamento sul corner, ma che all’ultimo minuto parerà il decisivo rigore che avrebbe permesso ai tedeschi di vincere la partita.

L’unico calciatore statunitense del cast, singolarmente, interpreta il ruolo di un atleta tedesco, il capitano Baumann. Si tratta di Werner Roth, nato nella ex-Jugoslavia da genitori provenienti dalla Germania e americano per naturalizzazione: su invito di Pelé, Roth si presentò alla produzione e fu ingaggiato per il film, inizialmente per recitare la parte di un calciatore francese schierato con gli Alleati. Ma quando John Huston si accorse che Roth parlava anche tedesco, gli affidò la parte di Baumann.

La formazione degli Alleati

N. Nome Nazione Interpretato da
1 Robert Hatch bandiera Stati Uniti d’America Sylvester Stallone
2 Michel Fileu bandiera Belgio Paul Van Himst
3 John Colby (cap.) bandiera Inghilterra Michael Caine
4 Pieter van Beck bandiera Paesi Bassi Co Prins
5 Doug Clure bandiera Inghilterra Russel Osman
6 Terry Brady bandiera Inghilterra Bobby Moore
7 Arthur Hayes bandiera Scozia John Wark
8 Carlos Rey bandiera Argentina Osvaldo Ardiles
9 Sid Harmor bandiera Inghilterra Mike Summerbee
10 Luis Fernandez bandiera Brasile Pelé
11 Erik Borg bandiera Danimarca Soren Lindsted
(sost.) Paul Wolchek bandiera Polonia Kazimierz Deyna
(sost.) Gunnar Hilsson bandiera Norvegia Hallvar Thorensen
(sost.) Tony Lewis bandiera Irlanda Kevin O’Calloghan

Per nazionalità si intende quella dell’attore e non del personaggio. Pelé infatti interpreta un giocatore originario di Trinidad e Tobago, il Brasile entrò in guerra solo successivamente all’ambientazione del film. Cosi pure Kevin O’Calloghan, irlandese, ed Osvaldo Ardiles, sono nati in nazioni estranee alla seconda guerra mondiale.

fuga per la vittoria sylvester stallone

La cosiddetta partita della morte fu una partita di calcio giocata tra ufficiali tedeschi e giocatori ucraini nel 1942.

La partita della morte ha ispirato tre lungometraggi cinematografici, tra i quali il più famoso è senz’altro lo statunitense Fuga per la vittoria, nel quale, però, viene rappresentato un lieto fine che nella realtà non si verificò

Lungometraggi tratti dall’evento

 

  1. Due tempi all’inferno (Ungheria 1962) di Zoltán Fábri
  2. Il terzo tempo (Unione Sovietica 1962) di Evgenij Efimovič Karelov
  3. Fuga per la vittoria (Escape to Victory, USA 1981) di John Huston con Pelè e Sylvester Stallone

Il Match – VIDEO

La vera partita della morte si tenne il 9 agosto 1942 allo stadio Zenith di Kiev in Ucraina, nazione allora sotto occupazione tedesca. Si fronteggiarono lo Start – una squadra mista composta da giocatori delle locali squadre della Dinamo e del Lokomotiv – ed il Flakelf, squadra composta da ufficiali tedeschi della Luftwaffe; l’arbitro fu un ufficiale delle SS. La città era deserta, ma lo stadio era pieno di poliziotti e di nazisti. I tedeschi si portarono in vantaggio, ma il primo tempo terminò 3-1 per lo Start.


Nell’intervallo un ufficiale tedesco raggiunse negli spogliatoi i giocatori ucraini allo scopo di convincerli a perdere la partita, soprattutto per non far ripetere ai nazisti la brutta figura di un 5-1 subito in un match precedente e la gara sembrò volgere a favore della squadra tedesca che giunse al 3-3, ma l’orgoglio dei campioni ucraini prevalse: vinsero la partita per 5-3.


Ancor prima di lasciare il terreno di gioco, i vincitori si resero conto di aver firmato la propria condanna. L’attaccante Korotchich fu torturato e poi fucilato, e altri sette giocatori finirono in un lager. Anche il portiere ed altri giocatori vennero uccisi – per rappresaglia – da lì a qualche giorno. Le cronache narrano che solo due furono i superstiti: Mikhail Sviridoski e Makar Goncharenko, proprio colui che con la sua doppietta aveva portato lo Start sul 3-1. Oggi in suo onore la Dinamo Kiev ha eretto un busto con la dedica «A uno che se lo merita». A1587

Monumento in onore di Makar Goncharenko
 
web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.