Crea sito

F.I.B.A. Fabbrica Italiana Bambole ed affini – (Dal 1940)

Fiba

F.I.B.A. bambola signorina

—————————————————————————————————————–

La FIBA sorse al finale degli anni ’40 a cura del signor Pietro Sacchi. La produzione iniziale riguardava, fedele alla linea locale, cavalli a dondolo e bambole in cartone pressato. Solo sul finire degli anni ’50, con il sopravvento dei materiali plastici, predominò la produzione della bambola.

fiba_bambole_simpaticoni_pubblicita_anni_70

Poco sappiamo di queste bambole; possiamo però contare con una preziosa, seppure scolorita testimonianza di vecchi cataloghi degli anni 1961 e 1963. La linea seguita, com’era di moda allora era diversificata: bambole abbigliate da damine, da bambini, ed in abiti tradizionali. Il materiale usato all’inizio fu il polistirolo, dal 1961 il polietilene a cui fece seguito il vinile.

Grande successo ebbe nel 1963 la serie dei “Simpaticoni”, bambole in vinile con capigliatura in peluche e musetti simpatici. Nel 1975 è la volta di “Miko”, quattro espressive bamboline contenute in una tasca in jeans: Felice, Arrabbiata, Su di giri, Disperata.

F.I.B.A. I Simpaticoni anni 70
F.I.B.A. – Serie “I Simpaticoni” – Anni 70

Nel 1976 appaiono i “Contestatori” che, seppure di dimensione tascabile, non esitavano a esibire, fedeli ai tempi, cartelli con la scritta “Abbasso la scuola” o “Sono una femminista”.
Nel 1981 fu accolta da grande esito la presentazione di “Rosenbon, il bambolotto animaletto” che, con volto di neonato e costume in peluche da orsetto, pecora, scimmietta e in diverse taglie, si affacciò numeroso sul mercato con la produzione di ben un milione di pezzi.

f.i.b.a. rosebonbon
F.I.B.A. – Serie “Rosenbon”

Con la flessione della produzione di massa della bambola “made in Italy” la FIBA, come altre aziende cannetesi, si dedicò, agli inizi degli anni ’90, alla produzione di bambole da collezione.
“La magia della bambola della nonna ritorna intatta, con lo stesso fascino dei cari oggetti –fatti come si deve- di una volta: con quel gusto e quella ricchezza, leggendarie, perdute ormai nella memoria dei tempi”. Da un catalogo FIBA. A0820

F.I.B.A. – Michelina

Per il volto-busto e gli arti sin usava un vinile duro molto levigato con effetto biscuit e tessuto imbottito per la parte restante. Il trucco e le pettinature venivano affidate a mani esperte. Per il guardaroba e gli accessori si sceglievano tessuti pregiati. Le scarpette erano naturalmente in cuoio. Le bambole venivano vendute accompagnate da un certificato numerato di autenticità, in eleganti scatole di cartone decorate con rose. La FIBA chiuse i battenti nel dicembre del 1998. Il canto del cigno?

Di seguito alcune delle belle bambole della F.I.B.A. FIBA tratte dalla rete e dalla collezione dell’amica Loredana

F.I.B.A – Serie Contadina
f.i.b.a. fustina
F.I.B.A. – Fustina
f.i.b.a. dodo music
F.I.B.A. – Dodo Music
f.i.b.a. sorrisini e fortunelli
F.I.B.A. – Sorrisini….Fortunellini
fiba ding dong carillon
FIBA – Ding Dong Carillon
F.I.B.A – Pagliaccetto
f.i.b.a. lascia o raddoppia 1979
FIBA – Lascia o Raddoppia ?

http://www.bamboleitaliane.com/index.html  (Bambole italiane – Guida per il collezionista)

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.