Crea sito

ESPLODE IL CASO “MUCCA PAZZA” – (21/03/1996)

 

caso mucca pazza 1996

L’encefalopatia spongiforme bovina (BSE, ovvero Bovine Spongiform Encephalopathy) è una malattia neurologica cronica, degenerativa e irreversibile che colpisce i bovini causata da un prione, una proteina patogena conosciuta anche come “agente infettivo non convenzionale”. Il morbo è diventato noto all’opinione pubblica come morbo della mucca pazza (in inglese MCD, mad cow disease). La BSE fa parte di un gruppo di malattie denominate encefalopatie spongiformi trasmissibili (TSE) che colpiscono diverse specie animali, compreso l’uomo.

Un effetto sulle mucche – Clicca Sopra

VIDEO 3  – altro effetto sulle mucche – Clicca

” Mucca pazza ” BSE  – Storia 

Il primo caso di Bse è stato identificato nel Regno Unito nel 1986 ma fu nel 1996 che esplose, sempre nel Regno Unito,  la paura da contagio: interi allevamenti di bovini furono  colpiti dalla malattia, con alto rischio di trasmissione all’uomo. In Italia furono sospese le importazioni di cane da tutta Europa.  La causa dell’insorgenza della malattia fu imputata all’uso delle farine animali come supplemento proteico nell’alimentazione dei bovini. Nel Regno Unito infatti, le norme sul trattamento ad alta temperatura dei sottoprodotti erano molto meno restrittive rispetto ad altri Paesi. Otto anni dopo la comunità europea ha messo al bando definitivamente questa pratica evitando, in questo modo, il riciclaggio dell’agente infettante attraverso l’utilizzo di carcasse di bovini malati nella produzione di farine di carne ed ossa destinate all’alimentazione animale. In Italia, il Ministero della Sanità, è intervenuto – con l’ordinanza di marzo 2001 con cui si vieta la vendita delle parti del bovino che interessano la colonna vertebrale e i gangli, il cervello e le “frattaglie” – con la legge 9 che dispone per la distruzione del materiale specifico a rischio per encefalopatie spongiformi bovine e delle proteine animali ad alto rischio, – e con l’etichettatura delle carni bovine che consente la tracciabilità e la trasparenza delle informazioni ai consumatori.

Eziologia

mucca pazza bse

L’agente infettivo è una proteina modificata detta prione che colpisce i centri nervosi dell’animale. Questa proteina subisce una modificazione permanente della sua conformazione che provoca un danno irreversibile nella proteina presente normalmente nelle cellule sane del cervello. Ciò produce un’aggregazione tra le proteine che risulta nella formazione di dense placche fibrose. Al microscopio, queste ultime, appaiono come “buchi”, dando alla sezione osservata, il caratteristico aspetto “spugnoso” della materia cerebrale. Questo fenomeno produce a livello clinico un deterioramento delle condizioni fisiche e mentali dell’animale e che conduce inevitabilmente alla morte.

I prioni sono resistenti alle alte temperature e alle normali procedure di disinfezione. Si ritiene che il contagio avvenga quando l’animale introduca nel proprio organismo, mediante l’alimentazione, tessuti di animali infetti. Le farine animali, ricavate dagli animali morti e usate per l’alimentazione bovina fino allo scoppio della malattia, sono state ritenute la causa prima di questa pestilenza. In particolare, la modifica della sgrassatura delle farine, decisa nel Regno Unito sostituendo l’estrazione con solventi organici con altre metodiche, fu ritenuta la causa principale della mancata inattivazione del prione.

mucca_pazza-bse_allarme

Pericoli per l’uomo

Stanley Prusiner, premio Nobel per la medicina per la sua ricerca sui prioni, è uno dei firmatari dello studio che rivela come esistano legami tra il morbo della mucca pazza e una nuova variante della malattia di Creutzfeldt-Jakob (vCJD o nvCJD) che colpisce l’uomo. Nel 1996 il Regno Unito ha ammesso che la carne infetta da BSE ha probabilmente causato la morte per CJD di 10 giovani. Si deve registrare la scorrettezza di molti giornali che attribuiscono a mucca pazza casi di morti chiaramente legati al morbo di Creutzfeldt-Jakob. ( 4ago15 )

Legislazione

Ottobre 2005: il Comitato veterinario della l’UE pone fine al bando che, da marzo 2001, vietava il consumo della bistecca con l’osso. La “fiorentina” torna sul tavolo degli Italiani.

Testo tratto e modificato: http://it.wikipedia.org/wiki/Mucca_pazza

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.