Crea sito

ELSPETH BEARD la pioniera del giro del mondo in moto – (1980)

Elspeth Beard

————————————————————————————————————————————

L’avventura di Elspeth Beard

Elspeth Beard è una di un gruppo selezionato di donne coraggiose a guidare una moto in giro per il mondo, ed è stata la prima donna inglese a farlo. Ha raggiunto questa impresa più di un quarto di secolo fa….

La moto che scelse  per il viaggio fu una BMW  R 60/6 bicilindrico boxer usata del 1974 e per la quale sborsò   900 sterline  nel 1980 – una somma considerevole, al momento, soprattutto per una moto che aveva già 30 mila miglia sul tachimetro!

Elspeth usò la sua bike per i suoi primi giri lunghi da solista in Scozia e in Irlanda per poi spostarsi in Europa continentale e in Corsica, raccogliendo oltre 10.000 miglia nei  suoi primi due anni di proprietà. Poi arrivò il momento per `The Big One ‘.

A  24 anni, Elspeth aveva terminato i primi tre anni di studi di architettura ed aveva risparmiato più di 1000 sterline lavorando dietro il bancone  del suo pub a Marylebone nel  centro di Londra, in preparazione per il suo giro del mondo.

La prima tappa del suo viaggio, New York: “Mi costò 175 sterline  inviare la moto là e 99 sterline servirono per il mio biglietto aereo”, ricorda Elspeth. Dalla Grande Mela guidò fino in Canada, poi giù per via del Messico prima di raggiungere Los Angeles con altri 5.000 miglia sotto le ruote del Beemer. Da Los Angeles spedì la moto a Sydney, ma si fermò a vedere la Nuova Zelanda a piedi, mentre la moto era in transito.

elspeth beard

Elspeth quindi trascorse sette mesi a lavorare in uno studio di architettura di Sydney vivendo in un garage e maturando nuove esperienze, tempo necessario per ricostituire parte dei suoi fondi che erano drasticamente diminuiti. Trascorse intere settimane costruendo la propria attrezzatura, top-box e borse laterali  piegando e rivettattando  lamiera di alluminio prima di partire per i suoi viaggi ancora una volta. Lei guidò per tutta l’Australia, e lì ebbe il suo primo grande incidente su una strada sterrata nei pressi di Townsville, nel Queensland. Una forte  commozione cerebrale, ma fortunatamente senza ossa rotte. Ancor oggi possiede  il casco Bell `cupola ossea ‘che lei è convinta possa avergli salvato la vita (casco che indossò re per il resto del viaggio!).

Scossa ma imperterrita, Elspeth trascorse due settimane in ospedale prima di continuare verso nord lungo la costa orientale di Oz poi attraverso l’entroterra di Ayers Rock, e, infine, attraverso la pianura Nullabor a Perth, sulla costa occidentale. Lì, caricò la BMW su una nave per  Singapore ed esplorò l’Indonesia, mentre la moto era in viaggio.

A Singapore una nuova disgrazia in quanto  tutti i suoi oggetti di valore furono rubati, tra cui il suo passaporto con tutti i visti  per i paesi che aveva ancora da visitare  e ai documenti di immatricolazione e di spedizione per la sua moto. Dopo una sosta forzata di sei settimane necessari per rifare tutta la documentazione perduta  riprese il viaggio  guidando dalla penisola Thai-Malaysia a Bangkok e oltre a Chiang Mai e il Triangolo d’Oro.

Con il percorso via terra verso l’India (via Birmania) fuori limite si diresse verso sud per caricare la moto su una barca da Penang a Madras. Lungo la strada ebbe il suo secondo e ultimo grande incidente quando colpì un cane che gli attraverso davanti  sulla pericolosa strada principale a sud. La moto colpì un albero e Elspeth uscì ancora una volta malconcia ma miracolosamente intatta.  Elspeth riparò da sola anche il  motore danneggiato del R 60.

Elspeth Beard in partenza dall'India elspeth beard
Elspeth Beard in partenza dall’India

Una volta in India guidò fino a Calcutta e poi a Kathmandu  dove incontrò i suoi genitori che volarono fuori dall’Inghilterra per vederla per la prima volta dopo quasi due anni. Essi  rimasero scioccati da quanto era dimagrita situazione che la portò  a cadere vittima anche di  epatite e dissenteria. A Kathmandu Elspeth incontrò un olandese su un altra BMW Boxer con il quale  poi tornò indietro verso l’Europa  ma non prima che lei avesse fatto un trekking in Himalaya esplorando gran parte dell’ India sulla sua moto in solitaria.

Uscire dall’India si dimostrò essere un vero incubo ma alla fine  Elspeth riuscì nell’impresa e, finalmente,  traversò il  confine con il Pakistan con un gran sospiro di sollievo.

Dopo aver attraversato in sicurezza del Pakistan, (per lo più su strade sterrate) Elspeth e Robert giunsero ​​nell’Iran  post-rivoluzione  con soli sette giorni per attraversare il paese da un capo all’altro. Questo fu agevolato  dalla pista ben preservate delle strade principali, ma ostacolato dal fatto che Elspeth era così malata di epatite che riusciva a malapena a stare in piedi, figuriamoci a guidare. Il suo (tamburo) del freno posteriore si era guastato a causa di un paraolio che perdeva  e la sua frizione aveva anche smesso di funzionare  per mancanza di una molla che sarebbe costato solo pochi centesimi da sostituire  se solo ne avesse potuto ottenerne una.

Elspeth Beard trascorse qualche tempo in Turchia orientale per recuperare le sue forza e per avere una riparazione fidata della sua  R 60. Da quando aveva lasciato l’Inghilterra come una donna sana e  forte e che pesava più di 65 kg (143 lbs) aveva già perso oltre 20 kg e al momento in cui si trovava in Turchia pesava appena 41 (90). Con la sua batteria personale metaforicamente ricaricata, il viaggio di ritorno attraverso la Grecia e in tutta Europa per raggiungere il Regno Unito fu relativamente semplice  a parte la nota e  pericolosa `autostrada della morte ‘in tutta la Jugoslavia. “Era solo una strada asfaltata a due corsie con lo sporco su entrambi i lati e che faceva passare a malapena due camion che si incrociavano. Più volte finì nel fossato che costeggiava la strada che era disseminata di croci e fiori in commemorazione di viaggiatori morti. “

elspeth-beard-bmw-

Il suo viaggio lontano da Londra era durato tre anni e aveva aggiunto 48 mila miglia al suo contachilometri del R60 che quindi passò a 88.000. Nel tempo ha personalmente smontato , ripulito e ricostruito il motore della R60  tanto bene che ancora oggi ha  la moto in ordine di marcia. Tragicamente gettò le sue  borse laterali in alluminio fatte in casa quando si trasferì fuori Londra.

Elspeth ancora guida moto ed è stata proprietaria di vari modelli  di BMW. Dopo un flirt con una R 1100 GS pochi anni fa è  ha comprato una 1998 R 80 GS Basic – l’ultimo della razza – nel 2001 e che lei usa ancora come la sua moto di tutti i giorni.

Elspeth Beard oggi con la sua BMW

Ha trovato la R 1100 GS un po ‘troppo pesante per i suoi gusti, anche se da allora è stato tentata dal nuovo e più leggero R 1200 GS. Elspeth ha anche una immacolata  R75 / 5 del 1973  e una Yamaha Serow.

Quando tornò dal suo giro del mondo a metà degli anni ’80, Elspeth Beard completò i suoi studi di architettura e trascorse sette anni a trasformare completamente la torre abbandonata dell’acqua vittoriana in una casa unica e bellissima mentre lavorava a tempo pieno a Londra crescendo anche  un figlio da sola. Nella Torre  ha progressivamente istituito il proprio studio di architettura e ora vanta molti premi al suo attivo. Il suo lavoro è stato descritto in diversi programmi televisivi e in innumerevoli riviste. Ha avuto anche due documentari televisivi giapponesi dedicati alla sua vita e al suo lavoro.

Elspeth Beard ….la prima donna a circunnavigare il mondo con la moto !!!!! ( 2set18 )

.
.
web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.