Crea sito

DOLCE FORNO – Harbert – (1974/1985)

Dolce Forno

Confezione vintage completa de Il Dolce Forno

La Harbert s.a.s., che malgrado il nome era un’italianissima ditta di giocattoli milanese, ebbe il pregio di inven-tare sempre giocattoli in grado di divertire con un intento didattico di fondo, sul finire degli anni ’70 diede vita ad un progetto che a partire 1980 ebbe un successo sensazionale. Il Dolce Forno.

Tributo in ricordo del Dolce Forno della Harbert – Clicca Sopra

dolce forno
La pubblicità sul Topolino dell’epoca

Fra gli articoli più popolari del catalogo Harbert quanti sono stati bambini fra la fine degli anni ’70 e i primi anni ’80 ricordano ancora il Dolce Gelato, una macchinetta capace di raffreddare creme emulsionate a base di latte, frutta e altri ingredienti grazie a un cilindro metallico riempito di ghiaccio e sale, e il Dolce Forno, un fornetto elettrico, il cui calore, generato da una comune lampadina a incandescenza, era in grado di cuocere piccole crostate, frollini e altri dolci del genere.

Dolce Forno

Il  Dolce Forno era un gioco improntato alla massima semplicità costruttiva e al più basso prezzo: era un giocattolo semplicissimo costruito attorno a due lampadine da 100 W, portate a 60 nel 1979 (sì, normali lampade con attacco Edison) ma reso appetibile alle bimbe dell’epoca da una disegno accattivante e da una reale funzionalità in quanto  il  calore delle lampadine  era sufficente a cuocere piccole pizzette, pasticcini e dolcetti in tutta sicurezza (o quasi!).

Uscito alla fine degli anni ’60 presentava un design (più volte rivisto fino ad oggi), come detto,  molto attraente ed era corredato  con una ciotola, due teglie che si infilavano nelle fessure poste ai lati del giocattolo,una spatola e un mattarello, oltre ad un piccolo ricettario (tutti di dimensioni lillipuziane!) e ad una chiave a brugola “da consegnare ai genitori” (come scriveva in neretto il ricettario/manuale d’uso) che dava accesso all’interno rendendo possibile la sostituzione delle lampade. Il Dolce Forno è ancora in produzione (ma non più dalla Harbert), benché riprogettato anche elettricamente per alcuni problemi di sicurezza tra l’altro esaminati nel talk show di Rai Tre “Diritto di Replica” in onda nel 1992. Non utilizza più le classiche lampade a 220 V usate in lampadari e abat-jour, ma lampadine a basso voltaggio alimentate da un trasformatore esterno.

Dolce Forno '80 - libretto istruzioni
Il libretto di istruzioni del Dolce Forno ’80

La Harbert distribuì in Italia, tra l’altro, anche  i pupazzetti di plastica snodabili ispirati alla saga lucasiana di Guerre Stellari, prodotti negli stati uniti dalla ditta Kenner e dotati di un impressionante catalogo di personaggi (praticamente ogni protagonista, alieno e creatura della trilogia originale aveva la propria figurina), mezzi, veicoli e playset. Alcuni giocattoli di questa serie come il caccia “ala-x”, i “camminatori imperiali” e il costosissimo e desideratissimo “Millenium Falcon” erano enormi e dettagliatissimi e costituiscono tutt’oggi oggetto di commercio fra appassionati collezionisti, toccando valutazioni davvero ragguardevoli. A1502

Testo tratto e modificato: http://it.wikipedia.org/wiki/Harber

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

15 Risposte a “DOLCE FORNO – Harbert – (1974/1985)”

    1. ho 2 pezzi di dolce forno, funzionanti, hanno le formine e 1 ha il mattarello ma incompleti di istruzioni e scatole usurate, se a qualcuno interessa

  1. sono interessata al dolce forno usato o nuovo se mi dite chi lo produce, spero che qualcuno legga e rispèonda al mio commento

    1. Ciao, Marisa
      Purtroppo il Dolce Forno della Harbert non esiste più già da diverso tempo …. ogni tanto qualche azienda ne fa un surrogato (ricordo quello Dragon Ball o quello della Disney) ma…se fossi in te…mi butterei sicuro sul EBAY o su altre aste del genere. Li si trovano anche discretamente nuovi e comunque sempre gli originali.

  2. Ciao se a qualcuno interessa ho il dolce forno completo di tutto salvo il matarello e la ciotola
    ovviamente funzionante, da vendere chi fosse interessato mi faccia sapere grazie
    Alessandro

  3. […] La causa di tutto questo era quel catafalco arancione della Harbert (società produttrice italiana oggi fallita… tiè), praticamente un robo con una fessura in cui si piazzava il tegamino che veniva “ingoiato” dall’inquietante giocattolo, passato sotto una semplice resistenza e risputava fuori dall’altra parte la “pietanza” bella cotta. I bimbi potevano seguire tutto il processo tramite un’ancora più inquietante finestrella che sembrava l’oblò di un forno crematorio. Per maggiori dettagli su questo strumento di tortura anni ’80 segnalo questo buon articolo. […]

    1. Io ti consiglierei di provare con Ebay ….li ogni tanto c’è qualche bel pezzo. Altrimenti in qualche mercatino ogni tanto si trova. Ce n’erano talmente tanti che non dovrebbe essere difficile trovarlo..
      Fammi sapere. Franco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.