Crea sito

CORONA IN LUCCHESIA per il making di Rhythm of the night – (1993)

CORONAcorona-rhytm

Non tutti sanno che il famoso videoclip di “The Rhythm of the night” è stato girato in parte in studio e in parte in Lucchesia e più precisamente sulla passeggiata di Viareggio.

Il video ufficiale – Clicca Sopra

Lo spunto della canzone “Save me” del 1987 – Clicca Sopra

——————————————————————————————————————————————

Corona era lo pseudonimo con il quale veniva identificata Olga Maria De Souza, frontwoman dell’omonimo progetto musicale italiano. Il progetto, che aveva sede a Massa (provincia di Massa-Carrara), prevedeva la registrazione di canzoni eurodance con la reinterpretazione, nei video, nelle copertine e agli eventi musicali, di Olga De Souza. Alla base del progetto era un team costituito da: Francesco Bontempi (produttore), Maurizio Silvestri (produttore), Francesco Alberti, Graziano Fanelli, Ivana Spagna, Theo Spagna, Antonia Bottari, Annerley Gordon, Fred Di Bonaventura (autori dei brani).

CORONA_OLGA_DE_SOUZA_MUSICA_ANNI_90

Olga De Souza in arte Corona

Come frontwoman fu scelta una ragazza brasiliana, Olga de Souza, dotata in ogni caso di reali potenzialità vocali ed una notevole presenza scenica. Fu lei a farsi conoscere presso il grande pubblico e a riscuotere un grandissimo successo. Si finì per chiamare lei Corona, che così divenne il suo nome d’arte.

Olga de Souza (Rio De Janeiro, 16 luglio 1961), prima di affermarsi nel mondo dello spettacolo lavorava in banca, la Caixa Economica Federal di Rio. Il calciatore brasiliano Pelé, suo grande amico, colpito dalle sue doti vocali, le consigliò di provare la carta estera per tentare di emergere come cantante. Fu appunto l’Italia il paese che la scoprì.

Vocalist in studio

Le registrazioni in studio furono eseguite dalle voci di Jenny B e di Sandy Chambers; queste ultime erano specializzate nell’interpretazione di brani dance, quasi sempre celate dietro altre frontwomen, spesso semplici modelle. Il primo singolo del progetto Corona fu The Rhythm of the Night, registrato nel dicembre del 1993 interpretato da Jenny B, che ottenne un enorme successo diventando uno dei singoli più venduti nel 1994 in Italia. I singoli successivi, a partire dal 1995, furono interpretati da Sandy Chambers. Nelle esibizioni live dell’epoca e di oggi è proprio Olga de Souza, chiamata ormai Corona, a cantare live e a riscuotere un enorme successo internazionale.

Gli anni del successo

 

La strofa di The Rhythm of the Night riprende le stesse note del brano Save Me delle Say When (1988) ma non il ritornello; tutto il brano è caratterizzato da richiami sonori e vocali a celebri successi dance del decennio passato. Il disco resta al numero uno nelle classifiche italiane per 13 settimane consecutive e rimane in classifica per tutta l’estate del 1994. Distribuito sul mercato europeo dalla Warner Music, è un grandissimo successo. Nel Regno Unito in poche settimane scala le classifiche raggiungendo il primo posto e restando per mesi il disco più venduto, con più di un milione di copie. The Rhythm of the Night è tra i “tormentoni” di quella estate e Corona ottiene più di 15 tra dischi d’oro e di platino. Grazie ad un grande tour mondiale, la canzone sbarca in America mantenendo a lungo le prime posizioni nelle classifiche di vendita.

A partire dalla primavera del 1995 vengono pubblicati i singoli successivi, che confermano il successo del progetto; si tratta di Baby Baby, Try Me Out e I Don’t Wanna Be a Star, che, distribuiti in tutto il mondo, dall’America all’Europa al Giappone, consacrano Corona.

Corona ha partecipato come ospite nelle trasmissioni musicali più famose, e dopo aver partecipato ai Festivalbar 1994 e 1995, nel 1996 diventa una delle conduttrici del Festivalbar di quell’anno, insieme ad Amadeus e Alessia Marcuzzi. ( 2feb18 )

Testo tratto e modificato: http://it.wikipedia.org/wiki/Corona_(progetto_musicale

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.