Crea sito

CAMPIONATO ITALIANO 85/86 – (Juventus)

Juventus

Il Campionato di Serie A 1985-86 fu l’ottantaquattresimo campionato di calcio italiano, il cinquantaquattresimo giocato a girone unico.

VIDEO 1 – I goals juventini  – Clicca sopra

Il campionato conobbe un finale molto avvincente: fu l’anno dell’ultimo scudetto della Juventus di Trapattoni. A Torino tirava aria di rinnovamento, e i bianconeri trovarono un’importante pedina in Michael Laudrup: grazie al danese la squadra uscì indenne dalle importanti cessioni di Paolo Rossi e di Zbigniew Boniek. Proprio i giallorossi furono tra i protagonisti della stagione e misero in scena con la Signora un’emozionante duello per il titolo.

Nella prima giornata, l’8 settembre 1985, diede i primi segni di cedimento il Verona campione uscente, che non andò oltre un risicato pareggio casalingo contro il Lecce, club all’esordio in massima serie. La partenza fu invece della Juventus, che infilò otto vittorie iniziali consecutive, eguagliando il record da lei stessa stabilito nel 1930-31 e distanziando le avversarie. La prima sconfitta arrivò il 3 novembre in casa del Napoli di Maradona, che decise la gara con uno splendido calcio di punizione a due in area, ma diede l’idea di essere un episodio a parte: la Juve riprese la sua marcia e chiuse il girone d’andata, il 22 dicembre, da campione d’inverno, con 6 punti di vantaggio proprio sul Napoli secondo in classifica, e da vincitrice della Coppa Intercontinentale, conquistata superando ai rigori l’Argentinos Juniors.

Nel girone di ritorno, però, la Juventus cominciò a zoppicare, e incappò in una serie di pareggi che avvicinarono alla vetta la Roma, guidata da un Pruzzo in gran forma: il 16 febbraio il centravanti giallorosso segnò 5 gol all’Avellino, portando i capitolini a 3 punti di distacco dalla traballante capolista, che riuscì comunque, a cavallo tra febbraio e marzo, a riportare il suo vantaggio a 5 punti. Il 16 marzo, all’Olimpico, la Roma stese la Juventus, che il 6 aprile perse anche a Firenze e vide la rivale a un solo punto di distacco: approfittando del pareggio bianconero del 13 aprile contro la Sampdoria, i giallorossi vincendo per 4-2 a Pisa dopo essere stati in svantaggio, agganciarono la capolista e guardarono con fiducia agli impegni non proibitivi delle ultime giornate. Invece il 20 aprile accadde l’incredibile: una Juventus data ormai allo sbando, distratta dai nervosismi interni allo spogliatoio e dalle voci che davano Trapattoni in partenza, batté il Milan del neo-presidente Silvio Berlusconi, mentre la favorita Roma, in un Olimpico gremito, crollò in casa davanti alla già retrocessa matricola Lecce, vittoriosa per 3-2. La compagine salentina, dopo il pareggio di Verona nella prima giornata, non aveva più ottenuto punti in trasferta prima del clamoroso successo di Roma. Proprio vincendo a Lecce la Juventus festeggiò il suo ventiduesimo scudetto, mentre una Roma amareggiata fu battuta anche da un Como ormai privo di obiettivi da raggiungere. Pruzzo, in un campionato triste per la sua squadra, diventò capocannoniere per la terza volta con 19 reti, di cui ben 17 segnate nel girone di ritorno

La messa al bando dell’Inghilterra dopo la strage dell’Heysel e i successi internazionali della Juventus avevano nel frattempo riportato la Serie A ai massimi livelli del ranking europeo, fatto che riassegnò all’Italia la totalità dei quattro posti per la partecipazione alla Coppa UEFA. La lotta in zona Uefa tornò quindi combattuta ed interessante, vedendo protagoniste le milanesi, la Fiorentina e il Torino. La peggior sorte fu quella del Milan il quale, in netto vantagio a cinque giornate dal termine ma duramente scosso dalla fuga in Sudafrica del patron Giussy Farina con conseguente rischio di fallimento, infilò una paurosa serie di quattro sconfitte ed un pareggio che costarono ai rossoneri una scottante eliminazione dal lotto delle elette: al nuovo presidente e imprenditore televisivo Silvio Berlusconi toccava il compito di risollevare un club e una tifoseria da sei anni preda di continue catastrofi sportive.

Per la prima volta, retrocessero tutte e tre le squadre provenienti dalla Serie B, ovvero Lecce, Bari e Pisa: i toscani inizialmente festeggiarono per la retrocessione a tavolino di un’Udinese declassata per una nuova indagine sul Totonero, per poi andare incontro al loro destino quando, a pochi giorni dalla pubblicazione dei calendari della stagione 1986-87, la pena da scontare per i friulani fu ridotta a una comunque pesante penalizzazione.

Classifica finale

    Classifica finale 1985-1986 Pt G V N P GF GS
Scudetto.svg 1.              600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus 45 30 18 9 3 43 17
Coccarda Coppa Italia.svg 2.     600px Giallo e Rosso2.png Roma 41 30 19 3 8 51 27
UEFA - UEFA Cup.svg 3.       600px Azzurro con N cerchiata.png Napoli 39 30 14 11 5 35 21
UEFA - UEFA Cup.svg 4.        600px Granata con toro Bianco.png Torino 33 30 11 11 8 31 26
UEFA - UEFA Cup.svg 5.                600px Viola con giglio Rosso su sfondo Bianco.png Fiorentina 33 30 10 13 7 29 23
UEFA - UEFA Cup.svg 6.     600px Nero e Azzurro (Strisce)2.png Inter 32 30 12 8 10 36 33
  7.       600px Bianco e Rosso (Croce) e Rosso e Nero (Strisce).png Milan 31 30 10 11 9 26 24
  8.             600px Azzurro e Nero (Strisce).png Atalanta 29 30 7 15 8 27 26
  9.     600px Azzurro con croce Bianca e scudo rosso crociato.png Como 29 30 7 15 8 32 32
  10.       600px Giallo e Blu (Strisce).png Verona 28 30 9 10 11 31 40
  11.         600px Verde e Bianco con lupo.png Avellino 27 30 9 9 12 28 38
  12.               600px Blu Bianco Rosso e Nero (Strisce Orizzontali) con croce di San Giorgio Bianca e Rossa.png Sampdoria 27 30 8 11 11 27 25
  13.        600px Colori di Udine.png Udinese 25 30 6 13 11 31 37
1downarrow red.png 14.  600px Nero e Blu (Strisce).png Pisa 23 30 5 13 12 27 40
1downarrow red.png 15.  600px Bianco e Rosso (Bordato) con gallo.png Bari 22 30 5 12 13 18 31
1downarrow red.png 16.    600px Giallo e Rosso (Strisce) con Bordo Blu Scuro.png Lecce 16 30 5 6 19 23 55

Verdetti

  • Scudetto22.png Juventus Campione d’Italia 1985-1986 e qualificata in Coppa dei Campioni 1986-1987.
  • Coccarda Coppa Italia.svg Roma vincente della Coppa Italia 1985-1986 e qualificata in Coppa delle Coppe 1986-1987.
  • UEFA - UEFA Cup.svg Napoli, Torino, Fiorentina e Inter qualificate in Coppa UEFA 1986-1987.
  • Pisa, Bari e Lecce retrocessi in Serie B 1986-1987.
  • La classifica dei cannonieri è vinta da R.Pruzzo (Roma) con 19 reti.

La serie B è vinta dall’ Ascoli seguita in A dal Brescia ed Empoli in quanto il L.R. Vicenza arrivato terzo viene escluso dal campionato.

 (Clicca per ingrandire)

In serie C vincono i rispettivi gironi il Parma/Modena e Messina/Taranto.

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.