Crea sito

CAMPIONATO ITALIANO CALCIO Serie A 80/81 – (Juventus)

campionato italiano calcio

La controversa stagione 1979-80 aveva lasciato più di un segno sul campionato: in quella turbolenta estate, lo scandalo legato al Totonero portò all’assenza del blasonato Milan e alla penalizzazione di tre squadre, Avellino, Bologna e Perugia, costrette a partire da quota -5, penalizzazione che rese più aspra la lotta per la salvezza.

Il progressivo impoverimento della qualità del gioco e del numero di gol, portò alla riapertura delle frontiere con la possibilità per ogni club di ingaggiare un giocatore non italiano. Lo scudetto fu vinto dalla Juventus allenata da Giovanni Trapattoni e rinforzata a centrocampo dall’irlandese Liam Brady. Anche Roma, Napoli e i Campioni in carica dell’Inter misero a segno ottimi colpi, ingaggiando rispettivamente il brasiliano Paulo Roberto Falcão, l’olandese Ruud Krol e l’austriaco Herbert Prohaska.

La prima giornata venne giocata il 14 settembre 1980: l’avvio fu favorevole alla Roma, che dopo aver staccato la Fiorentina e respinto l’Inter, mantenne un passo spedito che permise ai giallorossi di chiudere in testa il girone d’andata il 1º febbraio 1981, con un punto di vantaggio sui nerazzurri. Intanto la Juventus, dopo un avvio in sordina, si riavvicinava alla testa della classifica. L’Inter ed il Napoli di Krol (entrambe le formazioni si qualificarono alla fine del torneo per il posto UEFA) navigavano nelle zone alte della classifica.

Il girone di ritorno fu caratterizzato da numerosi sorpassi nelle prime posizioni: il 1º marzo l’Inter perse a Napoli, cedendo il secondo posto agli stessi partenopei e alla Juventus; la settimana dopo fu di nuovo il Napoli a frenare la corsa della Roma e a permettere ai torinesi l’aggancio. Il 22 marzo la Juventus approfittò dello stop dei giallorossi a Catanzaro e volò in testa con un punto di vantaggio, ma la settimana dopo furono i bianconeri a cadere a Milano e a cedere la vetta. Si arrivò a 5 giornate dalla fine con il trio Napoli (grazie ad una serie di successi interni ed esterni), Juventus e Roma in testa alla classifica, a pari punti, a quota 35. Il 26 aprile, però, il Napoli (che gli esperti pronosticavano vincente, grazie a un finale di campionato più agevole rispetto alle altre due concorrenti) perse inopinatamente in casa al San Paolo, contro il già retrocesso Perugia, mentre la Roma venne fermata sul pareggio ad Ascoli Piceno: restò così la Juventus al primo posto solitario.

Liam_Brady_Juventus_1980-81

Il Napoli poi cedette di colpo e si arrivò allo scontro diretto tra Juve e Roma del 10 maggio, terz’ultima giornata, al Comunale con un punto di vantaggio per i bianconeri. Al 75′, con la Juventus in dieci uomini e il risultato inchiodato sullo 0-0, un gol del romanista Maurizio Turone venne annullato dall’arbitro Bergamo per un fuorigioco segnalato da un guardalinee. Le immagini televisive non chiarirono pienamente la posizione del giocatore ma, per i sostenitori della Roma e per molti appassionati (soprattutto per i tifosi caldi), quel gol fu occasione negli anni a seguire di accese discussioni sulla regolarità degli arbitraggi circa la sudditanza psicologica.

La domenica successiva la Juventus vinse l’altro scontro diretto contro il Napoli al San Paolo grazie ad un’autorete di Guidetti e, il 24 maggio, i bianconeri, battendo a Torino la Fiorentina, si laurearono campioni d’Italia, mentre la Roma pareggiava ad Avellino per 1-1. Alle due inseguitrici non rimase se non la consolazione della qualificazione europea, risultato conseguito poi anche dall’Inter dopo la vittoria dei capitolini in Coppa Italia.

In zona-retrocessione, riuscirono nell’impresa di annullare le penalizzazioni sia il Bologna, settimo in classifica, che l’Avellino. Missione fallita invece per il Perugia, che rimase per tutto il campionato ben lontano da ogni speranza di salvezza. In un emozionante sprint finale retrocesse, a causa della classifica avulsa (ovvero calcolata sulla base dei soli incontri diretti), il Brescia che aveva terminato a pari punti con Avellino, Ascoli, Udinese e Como (i lariani si salvarono rispetto ai bresciani per un solo gol); cadde inoltre, con largo anticipo, la matricola Pistoiese, al secondo campionato di serie A.

Campionato italiano calcio 80/81 – Classifica finale

    Classifica finale 1980-1981 Pt G V N P GF GS
Scudetto.svg 1.               600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus 44 30 17 10 3 46 15
Coccarda Coppa Italia.svg 2.      600px Giallo e Rosso2.png Roma 42 30 14 14 2 43 20
UEFA - UEFA Cup.svg 3.       600px Azzurro con N cerchiata.png Napoli 38 30 14 10 6 31 21
UEFA - UEFA Cup.svg 4.    600px Nero e Azzurro (Strisce)2.png Inter 36 30 14 8 8 41 24
  5.              600px Viola con giglio Rosso su sfondo Bianco.png Fiorentina 32 30 9 14 7 28 25
  6.         600px Rosso Blu coi 4 mori.png Cagliari 30 30 8 14 8 29 30
  7.         600px Rosso e Blu (Strisce) con croce Rosso e Giallo.png Bologna 29 30 11 12 7 32 27
  8.             600px Giallo e Rosso (Strisce).png Catanzaro 29 30 6 17 7 24 27
  9.      600px Granata con toro Bianco.png Torino 26 30 8 10 12 26 29
  10.        600px Verde e Bianco con lupo.png Avellino 25 30 10 10 10 36 33
  11.   600px Bianconero ascolano.png Ascoli 25 30 7 11 12 18 34
  12.     600px Colori di Udine.png Udinese 25 30 6 13 11 24 39
  13. 600px Azzurro con croce Bianca e scudo rosso crociato.png Como 25 30 8 9 13 25 33
1downarrow red.png 14.      600px Blu e Bianco (V sul petto).png Brescia 25 30 4 17 9 19 25
1downarrow red.png 15.      600px Rosso con grifone Bianco.png Perugia 18 30 5 13 12 18 31
1downarrow red.png 16.        600px Arancione.png Pistoiese 16 30 6 4 20 19 46

Verdetti

  • Scudetto19.png Juventus Campione d’Italia 1980-1981 e qualificata in Coppa dei Campioni 1981-1982.
  • Coccarda Coppa Italia.svg Roma vincente della Coppa Italia 1980-1981 e qualificata in Coppa delle Coppe 1981-1982.
  • Napoli e Inter qualificate in Coppa UEFA 1981-1982.
  • Brescia, Perugia e Pistoiese retrocesse in Serie B 1981-1982.
  • La classifica dei cannonieri è vinta da R.Pruzzo (Roma) con 18 reti. ( 1apr18 )

Classifica dei marcatori

roberto_pruzzo_stagione_1980_capocannoniere

  Giocatore Squadra Nazionalità Reti Rigori
Roberto Pruzzo Roma Italia 18 7
Massimo Palanca Catanzaro Catanzaro Italia 13 4
Alessandro Altobelli Inter Italia 12 4
Francesco Graziani Torino Italia 11
  Claudio Pellegrini Napoli Italia 11
Giancarlo Antognoni Fiorentina Italia 9 6
  Vito Chimenti Pistoiese Pistoiese Italia 9
  Paolo Pulici Torino Italia 9
Liam Brady Juventus Irlanda 8 2
  Franco Selvaggi Cagliari Cagliari Italia 8 4
  Nicola Zanone Udinese Udinese Italia 8 3
           

La serie B è vinta dal Milan seguto in A da Genoa e Cesena.

In serie C vincono rispettivamente i propri gironi Reggiana/Cremonese e Cavese/Sambenedettese.

Testo tratto e modificato: http://it.wikipedia.org/wiki/Serie_A_1980-1981

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.