Crea sito

BENELLI SPORT SPECIAL (MOTOBI) – (1968/1973)

motobi 250 sport special

Restauro di un Benelli Sport Special 250 – Clicca Sopra

VIDEO 2  Benelli 250 Sport Special con semi manubri – Clicca 

——————————————————————————————————————————————–
Curiosando 70 80 90 vi aspetta anche su FACEBOOKDiventa FAN CLICCA QUI:
——————————————————————————————————————————————–

 

Benelli Sport Special

La Benelli Sport Special, anche commercializzata con il marchio MotoBi, è una motocicletta prodotta dalla Benelli tra il 1968 e il 1973. 

Il Contesto  

Dopo l’unificazione di Benelli e MotoBi, avvenuta nel 1962, i modelli derivati dall'”Imperiale” rimasero in listino e furono commercializzati contemporaneamente con entrambi i marchi.

Il modello “Sport Special” fu l’ultimo a montare il monocilindrico a uovo progettato nel 1956 da Piero Prampolini, per la prima volta dotato di un cambio a 5 rapporti. La sua realizzazione fu decisa nel 1967 per tentare di recuperare quote di mercato, in particolare nel settore delle ottavo di litro, in seguito al grande successo della Gilera 124 5V, presentata nell’anno precedente.

La Moto

Benelli Sport Special
Benelli Motobi Sport Special 1° Serie

Messa in vendita alla fine del 1968 (inizialmente con il solo marchio MotoBi, successivamente in percentuale crescente anche con il marchio Benelli), la prima serie della “Sport Special” riprendeva l’impostazione tecnica dell'”Imperiale”, con il telaio monotrave superiore in lamiera stampata (di colorazione rossa oppure nera). L’attenzione dei tecnici fu rivolta a rendere il veicolo snello e compatto. Fin dall’inizio la motocicletta fu proposta nelle due motorizzazioni di 125 e 250 cm³, visivamente riconoscibili solo dalle colorazioni: argento e rosso per la “125”, argento e giallo per la “250”. Questa prima serie era equipaggiata di serie con semimanubri bassi di impostazione sportiva.

Al suo lancio la “Sport Special”, in particolare nella cilindrata 125, era probabilmente la più performante della rispettiva categoria (nel solco di una tradizione che aveva visto la MotoBi dominare per circa 15 anni i campionati di velocità juniores, conquistando oltre 2000 vittorie nelle classi 125, 175 e 250). Il pubblico accolse il modello favorevolmente, anche se l’interesse per le moto da strada e con motore a quattro tempi andava rapidamente scemando, offuscate com’erano dai modelli da fuoristrada con motori a due tempi che dominarono il mercato delle motoleggere per tutti gli anni settanta.

All’inizio del 1971 venne introdotta la 2ª serie della “Sport Special”, che manteneva inalterata la linea e la meccanica, beneficiando della nuova forcella a steli scoperti Marzocchi e delle tinte monocolore metallizzate azzurro, rosso, verde, grigio e bronzo. La moto veniva ora fornita di serie con semimanubri più alti e dotati di montatura regolabile “a braccialetto” che consentivano di assumere una posizione di guida più turistica, probabilmente più adatta alla posizione, invariata, dei comandi a pedale. Il numero di esemplari prodotti con il marchio Motobi era a questo punto una piccola frazione del totale: la grande maggioranza recava il marchio Benelli.

Al Salone di Milano del novembre 1971 fu presentata la 3ª ed ultima serie, modernizzata da una nuova sella, un serbatoio più snello e meno squadrato (oltre che meno capiente) con profilo inferiore cromato, un nuovo faro anteriore cromato e strumentazione con contagiri. Un altro tratto caratteristico di questa serie era il coperchio della testata di forma squadrata anziché tondeggiante. Le tinte, sempre metallizzate, erano il blu, il rosso, il verde, il giallo ed il bronzo.

La “Sport Special” uscì di produzione alla fine del 1973, dopo circa 20.000 esemplari costruiti, dei quali il 70% nella cilindrata “125” e l’80% commercializzati con il marchio Benelli.

benelli-sport-special-3-serie
Benelli Sport Special – Particolare motore

Curiosità 

  • Il prezzo di listino della “125” nel 1968 era di 215.000 Lire, nel 1972 aveva raggiunto le 311.000 Lire.
  • La casa costruttrice non enfatizzava le prestazioni del motore di serie sui dépliant pubblicitari: per la “125”, ad esempio, veniva dichiarata una potenza all’albero di 10 CV, quando in realtà ne sviluppava quasi 12,5 alla ruota.
  • In alternativa ai semimanubri di serie era fornito dalla casa un manubrio di impostazione turistica, con traversa orizzontale di giunzione, più comodo ma poco in tono con l’estetica generale del mezzo.
  • In conformità all’indole sportiva del modello, il carburatore era dotato di serie di un cornetto di aspirazione privo di filtro, anche se a richiesta era disponibile un filtro dell’aria di forma circolare.
  • La “Sport Special” era dotata di batteria a 6 V ed 8 Ah, ma l’accensione (bobina / candela) e il fanale (abbagliante / anabbagliante) erano alimentati direttamente da un avvolgimento del volano; la batteria serviva ad alimentare le luci di posizione, la luce di stop e l’avvisatore acustico. Per accedere alla batteria era necessario rimuovere la sella.
  • Tra gli appassionati erano molto popolari i kit di elaborazione commercializzati da Primo Zanzani (già direttore tecnico del reparto corse MotoBi). Il kit motoristico, disponibile sia per la “125” che per la “250” a un prezzo di 63.000 Lire (nel 1970), comprendeva un albero a camme ed un pistone differenti, punterie al cromo ed un cambio con rapportatura modificata. La potenza saliva, nel caso della “125”, a 16,5 CV a 10.800 giri per 140 km/h di velocità massima (praticamente le prestazioni della “250” di serie). A 70.000 Lire era disponibile il kit ciclistico comprendente rinforzi per il telaio, pedane arretrate, forcellone e boccole. Il serbatoio da corsa in alluminio era in vendita a 28.000 Lire.

benelli-125-sport-special-motore

Dati Tecnici – Benelli Sport Special

Dati Sport Special 125 Sport Special 250
Motore: 4 tempi monocilindrico orizzontale 54×54 mm 123,6 cm³ 74×57 mm 245,1 cm³
Rapporto di compressione: 9,2:1 8,5:1
Potenza e regime: 12,5 CV a 8.500 giri 16,5 CV a 7.500 giri
Testa e cilindro: in lega leggera
Posizione valvole: in testa, inclinate tra loro di 60°
Comando valvole: ad aste e bilancieri
Accensione: a volano magnete con bobina AT esterna
Carburatore: Dell’Orto UB22BS Dell’Orto UB24BS2
Lubrificazione: forzata con pompa a ingranaggi
Frizione: a dischi multipli a bagno d’olio
Cambio: in blocco a 5 rapporti, comando a pedale
Trasmissione: primaria ad ingranaggi elicoidali, secondaria a catena
Telaio – passo: monotrave superiore a culla aperta in lamiera stampata e tubi d’acciaio
Sospensioni ant.: con forcella telescopica
Sospensioni post.: forcellone oscillante con ammortizzatori idraulici
Ruote: a raggi in acciaio 18″
Pneumatici: ant. 18″x2.75, post. 18″x2.75(125)-18″x3.00 (250)
Freni (a tamburo): A ∅ 175 mm – P 125 ∅ mm
Lunghezza: 1.940 mm
Larghezza: 830 mm
Altezza: 970 mm
Altezza sella: 710 mm
Passo: 1.260 mm
Altezza min. da terra: 150 mm
Capacità serbatoio benzina: 12,5 litri (1ª e 2ª serie) / 11 litri (3ª serie)
Capacità coppa olio: 2 kg
Peso a secco: 103 kg 108 kg
Velocità massima: 130 km/h 140 km/h
Accelerazione (400 m): 18″ 9
Consumo: 2,6 litri x 100 km ( 2gen16 )
Benelli Sport Special 1° Serie
Benelli Sport Special 1° Serie
Motobi benelli Sport Special 125 2° serie
Motobi Sport Special 125 2° serie
Benelli Sport Special 3° serie
Benelli Sport Special 3° serie

Benelli Sport SpecialTesto tratto e modificato:    http://it.wikipedia.org/wiki/MotoBi_Sport_Special

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.