Crea sito

 
BENELLI 750 – 900 SEI – (1974/1986) – Italia

BENELLI 900benelli sei

Un bellissimo modello restaurato – Clicca Sopra

 

Mamma mia …  che Sound !! – Clicca  

VIDEO 3 – Alcune belle immagini – Clicca 

——————————————————————————————————————————-

La Benelli Sei è una gamma di motocicli italiani, comprendente la Benelli 750 Sei e la Benelli 900 Sei, dotati di propulsore ciclo Otto, esacilindrico in linea frontemarcia, prodotta dalla Benelli dal 1974 al 1986.

Benelli 900 Sei – Il Contesto

benelli_900_sei_nero_bianco

È l’inizio degli anni settanta quando l’industriale argentino Alejandro De Tomaso acquisisce la Moto Guzzi e la Benelli, due marchi che possono vantare grande tradizione e prestigio, ma la cui produzione è messa in ginocchio dal successo della concorrenza giapponese. Il mercato italiano delle maxi-moto, un tempo dominato dalle “mezzolitro” monocilindriche di Mandello del Lario,  di Arcore e di Pesaro, spadroneggiano ora le super tecnologiche nipponiche.

Il piano di De Tomaso per uscire dalla situazione di stallo produttivo è molto semplice: copiare i modelli giapponesi meglio riusciti e migliorarli. La stessa filosofia che i nipponici avevano applicato, nell’immediato dopoguerra, replicando la tecnologia “duetempistica” cecoslovacca delle Jawa e CZ, le soluzioni telaistiche inglesi delle Norton e Triumph ed i motori plurifrazionati italiani della Gilera e MV Agusta, nobili discendenti dalla Rondine. Vale ricordare che, nella seconda metà degli anni ‘60, la medesima operazione era stata messa in atto dalla Moto Laverda che aveva ottenuto un buon successo commerciale con i modelli bicilindrici da 650 e 750 cc, “ispirati” alla Honda CB 77.

BENELLI 900 SEI MOTORE

De Tomaso pensa in grande e decide di attaccare frontalmente le case giapponesi: la gamma Guzzi-Benelli verrà completamente rivoluzionata con l’inserimento di una decina di nuovi modelli, partendo dai ciclomotori e fino ad arrivare alla punta di diamante della produzione: una ‘’750’’ che rappresenti il massimo della tecnologia mondiale. Il programma è particolarmente ambizioso e servirebbero almeno 5 anni di incessante lavoro, solo per progettare i motori ed approntare dei prototipi funzionanti. Fare tutto in un solo anno, come si pretendeva, era pura follia.

Per ovviare al problema, De Tomaso escogita una soluzione molto semplice. Per quanto riguarda i motori a 2T, verranno utilizzati progetti esistenti che giacciono nel reparto esperienze Benelli da alcuni anni (i quali daranno origine da un lato alle 50/90/125 monocilindriche, e dall’altro alle 125/250 2C).

benelli_900_seri_moto_epoca

Per quanto attiene i motori 4T plurifrazionati, ci si dovrà “ispirare” ai propulsori della gamma “Honda Four” che con la sua “CB750 K1″ e sorelle minori di “500” e “350” cc, è l’indiscussa regina del mercato. La parola d’ordine è copiare la Honda senza farlo capire e superarla sul fronte dell’immagine tecnologica, se non della sostanza. Protraendosi per oltre due anni, l’attesa di coloro che l’avevano prenotata diventò estenuante e quando finalmente venne loro consegnata si accorsero che, a dispetto dell’interminabile gestazione, la moto presentava una miriade di “difetti di gioventù”.

benelli sei

Ciò nonostante, il prezzo concorrenziale (L. 2.550.000 su strada) e il prestigio derivante dal possedere l’unica sei cilindri in commercio, contribuirono ad una discreta diffusione. Negativa per il successo commerciale (non certo all’altezza dell’enorme scalpore suscitato con la presentazione) fu, invece, la mancata tempestività produttiva che pose in vendita il veicolo quando l’interesse per le maxi-moto andava scemando. La Benelli 750 Sei restò l’unica moto a sei cilindri in produzione fino all’uscita della Honda CBX 1000, nel 1978.

Negli anni di produzione, a molti dei difetti iniziali che affliggevano la “Sei” venne posto rimedio, ma l’ingresso sul mercato della concorrenza nipponica, impose alla Benelli un aggiornamento radicale del modello. Nel 1979 venne proposta la “900 Sei” che, oltre alla maggiore cilindrata, offriva una rivisitazione della ciclistica ed un profondo cambiamento dei canoni estetici che, però, non entusiasmò il pubblico. Fu probabilmente questa la principale causa, oltre all’innegabile gap tecnologico, che determinò l’insuccesso commerciale della “900 Sei”, la cui produzione, tuttavia, si trascinò stancamente fino al 1986. ( 3gen18 )

benelli sei

Benelli 900 Sei – Caratteristiche Tecniche

Motore a 6 cilindri a 4 tempi fronte marcia, raffreddato ad aria – 906 cc – 80 cv a 8400 giri – un solo albero a camme in testa comandato da catena centrale e 2 valvole per cilindro – 3 carburatori  24 mm. – accensione elettronica – avviamento elettrico – frizione multidisco a bagno d’olio – cambio a 5 velocità – trasmissione a catena – telaio a doppia culla – sospensione ant. telescopica, post. oscillante a 2 ammortizzatori – 3 freni a disco – pneumatici da 18″ – interasse 146 cm – serbatoio da 16,51 l. – 220 kg – 215 km/h.

Benelli_900_6_cilindri

Testo tratto e modificato: http://it.wikipedia.org/wiki/Benelli_Sei

web



free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.