Crea sito

Album CALCIATORI PANINI – (Dal 1961)

Album Calciatori Panini

album calciatori panini

VIDEO 1 – VIDEO 2 – VIDEO 3 – Alcuni spot pubblicitari – Clicca 

————————————————————————————————————-

 

Calciatori è una popolare serie di album di figurine, creata nel 1960 dai fratelli Panini.

Storia Album Calciatori Panini

Le origini  

Prima figurina album calciatori panini bolchi
La prima figurina Panini

Agli inizi del 1960 Benito e Giuseppe Panini, che avevano fondato a Modena l’Agenzia Distribuzione Giornali Fratelli Panini, trovarono a Milano un lotto di vecchie figurine invendute delle edizioni milanesi Nannina. I fratelli lo acquistarono, imbustarono in bustine bianche con cornicette rosse con due figurine ciascuna a 10 lire l’una. Il successo fu enorme e inaspettato: le bustine vendute toccarono i 3 milioni.

L’anno successivo i Panini decisero di fare tutto con i loro mezzi, stampando le figurine e creando anche il primo album per la loro raccolta (per la copertina scelsero l’attaccante di allora del Milan Nils Liedholm). Le vendite furono quintuplicate, e i milioni di bustine vendute furono 15. Era ufficialmente nata la collezione Calciatori.

La prima figurina stampata fu quella di Bruno Bolchi, il capitano dell’Inter dell’epoca. Nel 1963 si unirono all’attività gli altri due fratelli Panini, Umberto e Franco. Dalla stagione 1961-62 l’album Calciatori Panini esce regolarmente ogni anno.

Album Calciatori Panini – Il Primo decennio  

album calciatori panini il primo album 1961 1962
Il primo album della grande raccolta figurine CALCIATORI

Nei primi dieci anni della raccolta le figurine si attaccavano con la colla.
Ogni squadra di Serie A era raffigurata con quattordici giocatori e in molti casi si vede che le figurine non erano altro che fotografie in bianco e nero colorate a mano.

Nelle pagine finali dell’album era presente una sezione antologica dell’album Calciatori: già nella prima edizione ne fu presentata una dedicata al Grande Torino, squadra dominatrice dei campionati del primo dopoguerra e i cui componenti scomparvero tragicamente il 4 maggio 1949 nel disastro aereo di Superga.

Nelle edizioni successive saranno le coppe europee e mondiali ad essere rappresentate nelle parti finali dell’album.

La prima edizione con la Serie B fu quella del 1963-64, con i giocatori delle squadre presentati a coppie (due per ogni figurina), mentre nel 1967-68 avviene la prima comparsa degli scudetti delle squadre di Serie C, i quali (insieme agli altri di serie A e B) sono laminati in argento e autoadesivi.

Album Calciatori Panini – Gli Anni Settanta 

Durante gli anni settanta ci fu un periodo di creatività e sperimentazione. L’uscita dell’album Calciatori è accompagnata da quella dell’Almanacco illustrato del Calcio, edito da Panini dall’edizione 1971.

La struttura dei ritratti dei giocatori cambia diverse volte: si comincia nel 1969-70 con la figura intera, nel 1971-72 si torna al classico mezzobusto, nell’edizione ’72-’73 si passa alle foto dei calciatori in azione, che tornano quattro anni dopo. Le restanti edizioni sono un alternarsi tra mezzobusto e figura intera. Le mascotte delle squadre assumono più rilevanza rispetto alle “cugine” degli anni sessanta.

Sempre in questo decennio si sperimentarono nuove tecniche per la rappresentazione degli scudetti (laminato oro, laminato argento, tessuto adesivo di jeans nel 1978-79) e per quella delle squadre.

Continua la sezione antologica, dedicata di anno in anno ai grandi campioni del passato, al ritiro della nazionale azzurra, alle coreografie del tifoorganizzato, al regolamento del gioco del calcio. Quella del 1972-73 è la stagione d’esordio delle figurine delle squadre schierate per la Serie C; ogni tanto, ma senza continuità, compaiono immagini dedicate agli allenatori, ai protagonisti del mondo del pallone (dirigenti FIGC, arbitri, telecronisti) oppure (nel 1972-73) dei presidenti dei club

La novità principale è senza dubbio quella del 1972-73, quando le figurine diventano autoadesive, superando definitivamente la colla e le “celline” (piccole linguelle biadesive, che si staccavano, grazie a un taglio predefinito di contorno, da una schedina madre di formato pari ad una normale figurina, e che furono inserite per qualche anno nelle bustine).

Numerose a quell’epoca erano le iniziative di beneficenza promosse nell’album, in particolare con l’UNICEF e con l’Unione Italiana Ciechi.

L’album definitivo prende forma  

Negli anni ottanta l’album Calciatori inizia a prendere la forma che ha ancora ai giorni nostri.

La parte antologica si restringe per dare spazio agli scudetti della nuova Serie C2, le pagine dedicate alle coppe europee spesso non sono più accompagnate dalle figurine che gli corrispondono.

La struttura definitiva per i ritratti dei giocatori della serie A diviene definitivamente l’immagine a mezzobusto.

Nel 1986-87 l’influenza degli sport statunitensi, portata dalle televisioni private, causa la comparsa di originali figurine dove alle squadre di A e di B vengono affiancati nomi e loghi fantasiosi nello stile sportivo d’oltreoceano.

Il 1986-87 è il primo anno senza scudetti di Serie C2 (dal loro primo inserimento). Verranno riadottati dieci edizioni dopo.

Sul finire del decennio, le figurine Calciatori Panini adottano definitivamente le misure 49×65 mm che permangono ancora oggi.

La Prima Crisi 

All’inizio degli anni novanta la Panini cambia proprietà. Ne segue una crisi aziendale che ricade anche sulla produzione dell’album Calciatori. Nel1992-93 viene stampata l’edizione dell’album con il minor numero di figurine in assoluto, fatta eccezione per la prima edizione del 1961-62. Essa è composta solo da 413 immagini e le squadre sono addirittura già impresse nelle pagine.

La crisi della Panini però finisce con i successivi cambi di proprietà, nell’album Calciatori compaiono le pagine a colori e la grafica migliora anche grazie ai primi aiuti della tecnologia del computer.

Nel 1996-97 l’album festeggia i 35 anni. Per l’occasione sono prodotte delle figurine speciali raffiguranti le copertine più significative del periodo1961-1996, le quali ripercorrono la storia della casa Panini e con essa quella del campionato di calcio italiano.

Una grande innovazione caratterizza il 1998: ad ogni squadra di Serie A vengono dedicate quattro pagine, due in più del solito; il numero totale delle pagine dell’album aumenta di conseguenza fino a 160, quello delle figurine raggiunge le 700.

Il Nuovo Millennio 

La prima edizione del nuovo millennio viene chiamata Calciatori 2000, unica della serie il cui numero non coincide con la stagione in corso (si sarebbe dovuta chiamare “Calciatori 1999-00”) e prima in cui sono presenti figurine dedicate agli allenatori e agli arbitri internazionali.

Il 2002-2003 vede il debutto, sulle pagine dell’album, del calcio femminile.

Nel 2003-2004 è il turno del calcio giovanile: le squadre Primavera delle diciotto squadre di serie A sono ritratte su una figurina apposita e una pagina dell’album è riservata al torneo di Viareggio.

L’anno dopo, 2004-2005, la novità è la serie di figurine dedicata ai tifosi. Per ogni squadra di serie A è presente l’immagine della corrispondente curva.

Album Calciatori Panini – Il Simbolo

Il logo ufficiale della raccolta è un calciatore, con maglia rossa, calzoncini bianchi e calzettoni gialli e neri, ritratto mentre esegue una rovesciata. Il simbolo è ispirato al gesto atletico di Carlo Parola durante un Fiorentina-Juventus del 15 gennaio 1950 quando, per respingere un pallone dalla propria area, il centrale difensivo bianconero si esibì nella prodezza ancora inusuale all’epoca. Per i colori della divisa di Parola sono stati scelti la maglia rossa con calzoncini bianchi e calzettoni nero-gialli per rappresentare l’imparzialità. Infatti non esiste una squadra del panorama calcistico italiano con questi colori sociali.

La “Rovesciata di Parola”, realizzata dall’artista Wainer Vaccari, è stata pubblicata in oltre 200 milioni di copie con didascalie in greco e cirillico, arabo e giapponese.

La sua prima comparsa sulla copertina e bustine di un album Calciatori fu nel 1965-66. Tornò poi due anni dopo e nel 1985, in occasione del 25º anniversario. Dieci anni dopo esce la 35ª edizione della serie, e da quel momento la rovesciata è comparsa su tutte le copertine. Pur non essendo sempre presente sugli album, il logo della raccolta è sempre stato impresso sulle bustine. A0158

Clicca qui per vedere TUTTE le copertine degli anni ’60

Clicca qui per vedere TUTTE le copertine degli anni ’70

Clicca qui per vedere TUTTE le copertine degli anni ’80

Testo tratto e modificato: http://it.wikipedia.org/wiki/Album_calciatori_Panini

web
free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

5 Risposte a “Album CALCIATORI PANINI – (Dal 1961)”

  1. Desidero sapere se avete ancora in magazzino gli album calciatori panini stampati e in collaborazione con la Gazzetta.
    Io ho gli anni 1995.1996 ed altri.
    Posso acquistarli con voi?

  2. Buona sera…..Ma gli album in vendita alla PANINI negli anni ’60 non erano SIGILLATI……Credo che erano custoditi in un CARTONE…….Chi ne sà di PIU””’?????Grazie…..

  3. Sono un collezionista, mi piacerebbe che la Panini mettesse a disposizione gli album degli anni 60 e 70, in originale e poterli acquistare. Purtroppo non è facile trovarli, in particolare il primo numero 1960/61. I prezzi esorbitanti impediscono ad acquistarli o scambiarli tramite gli stessi collezionisti. Grazie!

    1. Non mi trovi d’accordo…. se fossero ancora (sicuramente prodotte in perdita) in produzione perderebbero tutto il loro valore collezionistico. La Panini ha già fatto tanto con la Enciclopedia (che chiaramente posseggo) dove trovi tutti gli album ristampati e rilegati a mò di enciclopedia appunto. T’immagini oggi a riprodurre figurine con le cellette adesive …. Comunque venissero anche ristampati con le figurine sfuse non sarebbe la stessa cosa e, vedresti, che cercheresti sempre l’originale … quello degli anni ’60 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.