SMALLTOWN BOY / HIT THAT PERFECT BEAT – Bronsky Beat – (1983/1985)

SMALLTOWN BOY

Smalltown Boy VIDEO – Clicca Qui

Hit That Perfect Beat – Clicca  Qui

———————————————————————————————————————————–

Bronski Beat sono stati un trio di successo di synth pop britannico degli anni ottanta del XX secolo. I testi delle loro canzoni hanno avuto una forte connotazione legata al mondo gay e alle sue rivendicazioni, specie nell’album di esordio, The Age of Consent (L’età del consenso, che in Gran Bretagna era all’epoca discriminatoriamente più elevata per i rapporti omosessuali di quanto non fosse per quelli eterosessuali).

Nel periodo di maggiore popolarità, della band facevano parte il cantante Jimmy Somerville, Steve Bronski e Larry Steinbachek a tastiere, percussioni e cori.

Jimmy Somerville, Steve Bronski og Larry Steinbachek

Storia

Costituitisi nel 1983, il loro debutto avviene l’anno successivo con il singolo Smalltown Boy (la storia di un ragazzo allontanato dalla propria famiglia e dal proprio paese per essere omosessuale) che raggiunge il terzo posto nelle classifiche di vendita delRegno Unito. Il video che lo accompagna vede nel ruolo del protagonista lo stesso Jimmy Somerville che, nelle sequenze girate, lascia in treno il villaggio, e nel viaggio ripercorre la motivazione del gesto: l’aggressione da parte di un gruppo di ragazzi omofobi, la riconsegna da parte della polizia alla propria famiglia in un contesto in cui, anziché la parte della vittima, ricopriva quella del colpevole.

Smalltown Boy Bronsky Beat copertina

La canzone fa del trio un punto di visibilità per la questione gay nel Regno Unito (tutti i tre i componenti della band sono omosessuali) ed anche il singolo successivo Why?, affronta i temi del pregiudizio antiomosessuale, stavolta usando una formula elettronica più energica. Anche questo singolo rientra tra i dieci più venduti.

È della fine del 1984 l’album The Age of Consent, nelle cui note viene provocatoriamente incluso l’elenco delle “età del consenso”, ovvero le età oltre le quali, secondo l’ordinamento giuridico di diversi paesi, i rapporti sessuali tra uomini cessano di essere considerati reato. All’epoca della pubblicazione del disco tale età nel Regno Unito era di ventuno anni, tra le più alte del continente.

Anche il terzo singolo estratto dall’album, It ain’t necessarily so, il classico di George and Ira Gershwin tratto da Porgy and Bess, che mette in dubbio l’autenticità dei racconti della Bibbia, entra tra i primi 20 singoli venduti. Gli assoli di clarinetto del brano sono eseguiti da Richard Coles, con cui Somerville, all’abbandono del trio, formerà il duo The Communards.

Nel 1985 esce un loro disco realizzato insieme a Marc Almond, una versione del classico di Donna Summer I Feel Love, che raggiunge la terza posizione nelle classifiche inglesi, eguagliando il successo di Smalltown boy, e che è stato definito da un critico come “la canzone più gay mai incisa”.

Poco dopo Somerville lascia il gruppo e, insieme a Richard Coles, nel 1986 torna in testa alle classifiche di vendita con una versione di Don’t leave me this way.

bronski beat hit perfect beat 1985 copertina

I Bronski Beat sostituiscono Somerville nel ruolo di cantante con John Foster, dalla voce più grave e meno provocatoria, e riescono a mettere in classifica il singolo Hit that perfect beat, dal ritmo leggero e accattivante, tratto dall’album Truthdare Doubledare, l’ultima produzione della band prima del suo scioglimento.

Nel 1995 esce a nome loro una raccolta di materiale riedito ed inedito dal titolo Rainbow Nation. ( 2mag17 )

bronski beat seconda versione

web



free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*