IL FANTASTICO MONDO DI PAUL – (1980)

Il fantastico mondo di paul

il fantastico mondo di paul

Sigla di apertura – Clicca Sopra

VIDEO 2 – VIDEO  3 Qui invece tutto l’ultimo 50° episodio – Clicca  

——————————————————————————————————————————-

AIUTO GRATIS AL SITO CURIOSANDO

Finalmente puoi contribuire in modo TOTALMENTE GRATUITO al sostentamento del SITO e delle PAGINE FACEBOOK acquistando su AMAZON entrando sul vostro profilo CLICCANDO sul banner sotto. Un GRAZIE di CUORE !

Il fantastico mondo di Paul è un anime giapponese del 1976 ideato da Hiroshi Sasagawa e prodotto dalla Tatsunoko in 50 episodi. Narra le avventure di Paul e del suo gruppo di amici in un’altra dimensione, alla ricerca dell’amica Nina rapita dal demoniaco Belt Satan.

Il fantastico mondo di Paul – Struttura

il fantastico mondo di paul

Come molti anime seriali, le puntate del Fantastico Mondo di Paul seguono quasi sempre una struttura fissa: la puntata inizia con Paul alle prese con una situazione e con un oggetto particolare nella sua dimensione. Quando poi lui, Toppe e Pakkun passano nel Paese delle Meraviglie l’oggetto incontrato prima diventa l’aspetto esteriore del luogo in cui finiscono e la situazione si ripeterà coinvolgendo gli abitanti del luogo.

Ad esempio in un episodio Paul rovina la serra dei cactus del padre di Nina e quindi il leit-motiv della puntata diventano i cactus: Paul e compagni si ritrovano infatti in una parte del Paese delle Meraviglie desertica e popolata da uomini-catus vessati dal crudele demone delle spine (ovviamente un seguace di Belt-Satan).

Altra presenza fissa della puntata sono gli oggetti del mondo reale portati nel Paese delle Meraviglie, in cui assumono poteri particolari. Alcuni di questi oggetti sono gli stessi in ogni episodio, come lo yo-yo di Paul,la bacchetta di Pakkun che può ingrandire gli oggetti, o il modellino, che diventa una comoda nave volante.

il fantastico mondo di paul sigla

Tematiche 

Oltre all’ovvio tema della “ricerca”, ovvero del viaggio esteriore che si rivela come viaggio di maturazione personale, la serie presente una curiosa ed edulcorata affinità alle tematiche psichedeliche: il “cancello” che conduce all’altra dimensione, dove tutto è distorto in visioni da sogno o incubo, la “fuga” dalla realtà in una dimensione differente che poi si rivela cruciale per la comprensione della realtà stessa. Ed infine, il personaggio di Kinoppi, che iconograficamente è un’amanita muscaria animata, simboleggiando così la sua cattiveria (il “fungo rosso a palline bianchi”, da tutti riconoscibile perché velenoso), ma anche il suo potere (l’amanita muscaria è anche un allucinogeno utilizzato dall’uomo sin dalla preistoria).

La serie, poi, ha un fondamento “educativo” che è pensato per il suo target pre-adolescenziale: non ci si può solo divertire, nella vita ci sono anche le responsabilità. Non si può essere solo felici, nella vita ci sono anche le situazioni brutte e tristi. E se questo non viene capito al più presto, sarà la vita stessa a dimostrarlo, spesso duramente. Così puntualmente accade sin dalla prima puntata: quando Belt-Satan si manifesta la prima volta, i protagonisti si stanno divertendo come matti nel Paese delle Meraviglie e si sono completamente dimenticati del loro mondo, che pure hanno lasciato solo da poco tempo.

Al che, le prime parole del demone sono: “Ricordate che se volete apprezzare il bene, dovrete conoscere anche il male! […] Oramai siete in mio potere, così vi renderete conto che al mondo non ci sono solo le cose belle e tutto questo vi sarà di grande insegnamento, se riuscirete a sopravvivere!” e bruscamente riporta il gruppo alla realtà scatenando i suoi demoni e rapendo Nina.

Questa serie conta numerose similitudini per struttura narrativa, tematiche ed ambientazione psichedelica con la serie Tyltyl, Mytyl e l’uccellino azzurro (1980, liberamente tratta dalla novella “L’Oiseau Bleu” di Maurice Maeterlinck), la cui regia era dello stesso Hiroshi Sasagawa, ma con i disegni e la collaborazione di Reiji Matsumoto. Tra l’altro in entrambe le serie la dimensione parallela in cui si ritrovano i protagonisti è parimenti chiamata “Paese delle Meraviglie”.

Sigla 

il fantastico mondo di paul sigla originale

La sigla del cartone Italiano e’ cantata da Patrizia Pradella.

Autori: I. Polizzi, C. Natili, F. Carraresi, S. Subelli.

Anno 1980

Titolo originale Poru no Mirakuru Daisakusen
Autore Hiroshi Sasagawa
Regia Hiroshi Sasagawa
Regia episodi
  • Hidehito Ueda
  • Mizuho Nishikubo
Character design Akiko Shimomoto
Animazione Hayao Nobe
Direzione artistica Mitsuki Nakamura
Studio Tatsunoko
Musiche Shunsuke Kikuchi
1ª TV 3 ottobre 1976 – 11 settembre1977
Episodi 50 (completa)
Durata ep. 22 min
Editore it. Dynit
Reti italiane
  • Rete A
  • Italia 1 (dal 16 agosto 2005)
1ª TV it. 1980
Episodi it. 50 (completa)
Censura it. no
Doppiaggio it. Cooperativa Sincrovox (studio)
Genere
  • Shōnen
  • Fantasy  A0602

Il fantastico mondo di Paul è copyright © 1976 Tatsunoko e degli aventi diritto e vengono qui utilizzati a scopi conoscitivi e divulgativi.

web



free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Precedente Festa della DONNA …. Auguri a tutte Voi ! Successivo La storia del mitico CONCORDE Aereo - (1976/2003)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.