Oggetti del passato – RULLINO FOTOGRAFICO

Rullino Fotografico

rullino fotografico

La pellicola fotografica meglio conosciuta da noi nostalgici come rullino fotografico è il supporto, di natura chimica, utilizzato, da più di 100 anni, nelle fotocamere analogiche, per imprimere immagini. Nonostante un breve periodo di disuso, con l’utilizzo sempre più ampio della fotografia digitale, il supporto analogico è tornato ad essere usato da artisti, fotografi professionisti e dilettanti, in tutte le sue varianti, dal piccolo al grande formato, invertibili istantanee e negative.

Rullino Fotografico – Descrizione

rullino fotografico

Il supporto di base più comune è un sottile nastro di materiale naturale trasparente, triacetato di cellulosa o sintetico, cioè di poliestere a cui è sovrapposto uno strato antialone per evitare riflessi interni. Gli strati successivi consistono in una emulsione di micro cristalli di alogenuro d’argento dispersi uniformemente in gelatina animale o in tempi più recenti in gelatina sintetica. La sensibilità alla luce è data dai cristalli di alogenuro, prodotto combinando il nitrato d’argento con sali di alogenuri alchilici (cloro, bromo e iodio) e può essere variata modificando le dimensioni dei cristalli.

rullino fotografico

Nelle pellicole bianco/nero è presente un solo strato di emulsione fotosensibile, mentre nelle pellicole a colori sono necessari tre diversi strati, sensibili alle diverse frequenze di luce visibile per formare l’immagine finale, utilizzando la sintesi cromatica sottrattiva.

rullino fotografico

Questi strati sono disposti uno sopra l’altro e resi sensibili ai colori con delle molecole organiche chiamate sensibilizzatori spettrali. Partendo dal basso, il primo strato è sensibile al rosso, il secondo al verde e il terzo al blu. Tra il verde e il blu è presente uno strato filtro di colorante giallo per evitare il passaggio del blu verso gli strati inferiori.

rullino fotografico

L’emulsione per usi fotografici è particolarmente tarata per la luce visibile, ma è anche sensibile all’infrarosso, all’ultravioletto, ai raggi X e ai raggi gamma. Per applicazioni scientifiche (fotografia notturna, radiografia e gammagrafia, film-badge, ecc.) si producono pellicole tarate per lo specifico campo di applicazione.

rullino fotografico

Quando la pellicola viene sottoposta ad un’esposizione controllata di luce attraverso l’obiettivo di una fotocamera, si imprime su di essa una immagine non visibile della scena ripresa (in pratica una “attivazione” dei cristalli proporzionale al numero di fotoni ricevuti), chiamata immagine latente.

rullino fotografico

È quindi necessario applicare alla pellicola trattamenti chimici in soluzione acquosa, per ottenere la rivelazione di una immagine visibile e insensibile ad ulteriori esposizioni alla luce, mediante i processi di sviluppo e fissaggio. 4mar17

rullino fotografico

L’immagine rivelata è costituita da finissimo particolato di argento metallico (nel caso del B/N), ma con i toni chiaro/scuro invertiti; è formata invece da tre strati sovrapposti di coloranti complementari ai colori primari originali (nel caso del colore). Per tale motivo in entrambi i casi la pellicola uscita dal trattamento chimico è definita negativa.

rullino fotografico

web



free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*