PERMAFLEX Carosello e curiosità

PERMAFLEX

Permaflex

Carosello con Dalida – Clicca Sopra

 

Carosello con Tuttostanco – Clicca Sopra 

 

Carosello con Paolo Ferrari – Clicca Sopra

Video 3 – Il mitico ritornello Bidibodibu – Clicca qui

 —————————————————————————————————-

L’azienda Permaflex fu fondata nel 1952 da Giovanni Pofferi, che era stato commerciante di formaggi e di stracci, in collaborazione con Augusto Fantoni di Bologna che ebbe l’idea di riprodurre in Italia i materassi a molle usati negli Stati Uniti.

Permaflex – Storia

Permaflex

Pubblicità del 1958

Nella primavera del 1952 presentò il nuovo materasso a molle (brevettato per le 167 molle che venivano usate) alla Fiera Campionaria di Milanocon il nome Piumaflex. Nello stesso periodo la Pirelli stava lanciando il suo materasso fatto di gommapiuma e fece causa a Pofferi per il nome usato. Pofferi e Fantoni chiamarono quindi il materasso “Permaflex”, abbreviazione di “Permanentemente flessibile”.

Permaflex

Pubblicità del 1969

Il logo dell’azienda (un omino con il pigiama a righe di nome Brando) fu disegnato nello studio pubblicitario di Armando Testa di Torino. Nel dicembre 1953, Pofferi e Fantoni inaugurarono il primo punto vendita di materassi a molle a Torino. Successivamente vengono aperti altri negozi a Milano, Bologna, Napoli e Palermo.

Permaflex

Lo stabilimento di produzione era a Pistoia. Negli anni sessanta fu inaugurato il secondo stabilimento a Frosinone, di cui fu direttore Licio Gelli.

A metà degli anni novanta l’azienda divenne proprietà della famiglia Veneruso. Quindi venne acquisita dalla famiglia Commendatore che ne è tuttora proprietaria.

Permaflex

Permaflex

Spunti e testo tratti da: https://it.wikipedia.org/wiki/Permaflex

web



free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*