Speciale OMBRETTA COLLI – Cosa fa, Come era e Come è oggi

OMBRETTA COLLI

Ombretta Colli

Giorgio Gaber e Ombretta Colli da Senza Rete del 1972 – Clicca Sopra

Facciamo finta che …. VIDEO Sigla di Fracchia – Clicca qui

———————————————————————————————————–

Ombretta Colli, pseudonimo di Ombretta Comelli (Genova, 21 settembre 1943), è una cantante, attrice e politica italiana.

Dopo una carriera nel cinema e nella musica è entrata in politica con Forza Italia, ricoprendo l’incarico di presidente della Provincia di Milano da 1999 al 2004, assessore nella IV giunta regionale lombarda Formigoni e senatrice per due legislature.

Ombretta Colli – Biografia

Ombretta Colli

La carriera artistica di Ombretta Colli si sviluppa tra gli anni sessanta e gli anni ottanta: nel 1960 si classifica seconda al concorso di Miss Italia, poi è attrice in diversi film, dai B-Movies a quelli di registi come Elio Petri, Luigi Magni ed Ettore Scola. Come cantante debutta nel 1964. 

Il 12 aprile 1965 sposò, a Chiaravalle Milanese, il cantante Giorgio Gaber da cui ebbe un’unica figlia: Dalia Gaberscik, che le ha dato due nipoti: Lorenzo e Luca.

Ombretta Colli

Partecipa a Canzonissima 1969 con La mia mama, e l’anno successivo alla stessa manifestazione con È il mio uomo ed al Festival di Napoli con Tu m’è fatto murì, eseguita in abbinamento con Oreste Lionello. Conduce inoltre alcuni varietà televisivi, come ad esempio Giochiamo agli anni Trenta nel 1968 con il marito Giorgio Gaber, È domenica, ma senza impegno nel 1969 e nel 1970, nuovamente con Gaber, …e noi qui.

Ombretta Colli

Inoltre realizza un servizio fotografico per Playmen. Nel decennio successivo è in gara con il brano Salvatore sia ad Un disco per l’estate 1972 che al Cantagiro 1972, e nello stesso anno ritorna a Canzonissima con Tutte le volte meno che una, mentre ad Un disco per l’estate 1973 propone La musica non cambia mai.

Ombretta Colli

Nel 1975 partecipa con Paolo Villaggio alla miniserie televisiva Giandomenico Fracchia, di cui cantò la famosa sigla Facciamo finta che….

Nel 1981 è in gara ad Un disco per l’estate con il brano Con quella faccia da italiano, scritto da Gian Piero Alloisio, mentre l’anno successivo partecipa a Premiatissima nella squadra Simpatia.

Ombretta Colli

Nel 1983 viene pubblicato Cocco fresco, cocco bello, brano scritto da Franco Battiato che viene presentato sia al Festivalbar che ad Azzurro e sempre nel 1983 è ospite negli spettacoli della tournée in Russia di Gianni Morandi, accompagnata dal gruppo Coro degli Angeli.

Ombretta Colli

Nello stesso anno presenta con Gino Paoli le prime quindici puntate del programma televisivo di Rai2 Il cappello sulle ventitré Nel 1991 ritorna all’attività di presentatrice, conducendo insieme a Red Ronnie il programma televisivo di Canale 5 Vota la voce. I suoi album più noti sono: Una donna tutta sbagliata, ai cui testi collabora anche Battiato, ed Una donna due donne un certo numero di donne, che vede la collaborazione, oltre che di Gaber, anche di Gino Melchiorre, autore di tre testi: Ah, la MamaSì lo so ch’è quasi tuttoStornelli sul lavoro.

Ombretta Colli

Dopo aver a lungo condiviso col marito Giorgio Gaber idee di sinistra, negli anni novanta intraprende l’attività politica nel neonato partito di centrodestra Forza Italia. L’8 febbraio 2012 viene nominata sottosegretaria alle pari opportunità, moda e design della Regione Lombardia nella IV giunta guidata da Roberto Formigoni. Il 17 maggio 2012 si dimette per incompatibilità con l’incarico di sottosegretario della Regione Lombardia dalla carica di senatrice, ma a quella data aveva raggiunto il diritto alla pensione prevista per i parlamentari. ( 1apr17 )

Altre belle immagini di Ombretta Colli giovane

Ombretta Colli

Ombretta Colli

Ombretta Colli

Ombretta Colli

Ombretta Colli

Ombretta Colli Ombretta Colli oggi

Ombretta Colli

Ombretta Colli

Ombretta Colli

web



free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*