LAMBRETTA – (1947/1972) – Italia

Lambretta

VIDEO 1 – Il Lambret-twist del Quartetto Cetra Carosello- Clicca SOPRA

VIDEO 2 – La Lambretta in “Quadrophenia” – Clicca  

VIDEO 3 – Il sound di una 175 TV – Clicca  

——————————————————————————————————

lambretta 45 giri twist quartetto cetra copertina

La Lambretta era uno scooter italiano prodotto dalla industria meccanica Innocenti di Milano, nel quartiere Lambrate, dal 1947 al 1972. Il nome “Lambretta” deriva dal fiume Lambro, che scorre nella zona in cui sorgevano proprio gli stabilimenti di produzione.

Nel 1922 Ferdinando Innocenti di Pescia diede vita ad una fabbrica di tubi d’acciaio a Roma. Nel 1931 spostò tutti i propri affari a Milano, costituendo proprio nel quartiere Lambrate la più grande fabbrica di tubazioni d’acciaio senza giunti.

Lambretta- pubblicita epoca

Durante la seconda guerra mondiale, la fabbrica fu bombardata e completamente distrutta. Innocenti, nell’attesa di riacquisire da parte degli Alleati gli stabilimenti di Milano, diede vita nella Capitale allo studio del prodotto che avrebbe costituito la riconversione post-bellica della fabbrica: infatti, prendendo ispirazione proprio dai motorscooter militari americani giunti in Italia durante la guerra, e comprendendo le nuove necessità di motorizzazione utili alla popolazione nell’immediato dopoguerra, decise di dedicarsi alla produzione del rivoluzionario scooter.

stabilimento_innocenti_lambrate_lambretta_catena_montaggio

Affida il design del nuovo veicolo ad una straordinaria accoppiata di ingegneri aeronautici: Pier Luigi Torre, che si occupa della meccanica, (lo stesso che aveva creato i motori dell’idrovolante Savoia-Marchetti S.55A della trasvolata atlantica diItalo Balbo) e ricostruisce gli stabilimenti milanesi, e Cesare Pallavicino che era stato il direttore tecnico prima della Breda fino al 1935 e poi della Caproni, che si occupò del telaio e del design. Nel 1947 lo scooter, battezzato Lambretta da Daniele Oppi, è pronto e viene lanciato sul mercato.

lambretta model a

L’enorme successo non solo nazionale fece sì che la Lambretta, nei quasi 25 anni di produzione, venisse costruita su licenza anche in Argentina, Brasile, Cile, Indiae Spagna. La Innocenti produsse, sulla base della meccanica dello scooter, anche una serie di motocarri che, inizialmente denominati anch’essi Lambretta, ebbero poi il nome di Lambro.

Con il boom economico esploso in Europa occidentale verso la fine degli anni sessanta la richiesta degli scooters ebbe un calo, mentre l’automobile era ormai alla portata di tutti; la Innocenti dovette quindi lottare per sopravvivere finanziariamente.

lambretta_125_special

La “British Motor Corporation” (BMC) approfittò delle sue difficoltà finanziarie e nel 1959 con la sua esperienza di produzione propose un contratto alla Innocenti per produrre di una berlina dell’Austin di 900 cm³, la A40 su licenza della “BMC” con i componenti forniti dalla BMC, la Innocenti Mini. Successivamente vennero prodotte anche altre automobili, ma anche con queste altre azioni di mercato, l’azienda chiuse la produzione nel 1971.

Il governo indiano comprò la catena di montaggio della Lambretta nel 1972, essenzialmente per le stesse ragioni per cui Ferdinando Innocenti l’aveva costruita dopo la guerra: l’India all’epoca era un paese con poche infrastrutture e non era ancora pronta economicamente per produrre piccole automobili dedicate al trasporto privato.

Lambretta_GP_fabbricazione indiana
Una fabbricazione indiana

La SIL (Scooters of India Limited), con sede a Lucknow nell’Uttar Pradesh, fu l’impresa di proprietà statale che cominciò la produzione un paio d’anni dopo l’acquisto, continuando la costruzione della Lambretta originale sino al 1997.

Caratteristiche

Come la Vespa, anche la Lambretta aveva un motore a 2 tempi funzionante a miscela di benzina e olio, 3 o 4 marce, con una cilindrata che variava dai 39 ai 198 cm³.

Lambretta_125_D_1952_
D 125 del 1952

Diversamente dalla Vespa, che è stata costruita con un telaio costituito da un solo pezzo,  aveva una struttura tubolare più rigida su cui veniva assemblata la carrozzeria. I primi modelli prodotti presentavano la caratteristica della “carrozzeria scoperta”, distinguendosi quindi totalmente dalla Vespa (totalmente carenata), diventando il tipico segno di riconoscimento dello scooter milanese. Comunque i successivi modelli prodotti, esattamente dal modello C del 1950, furono presentati anche in versione carenata; proprio questo modello, criticato dalla rivale Piaggio per la somiglianza concettuale con la Vespa, ebbe un gran successo tanto che dal 1957 in poi, escludendo il modello LUI, la Lambretta fu sempre prodotta con carrozzeria “chiusa”. Altra sostanziale differenza rispetto alla Vespa sta nella collocazione del motore. Qui era disposto in posizione centrale, diversamente dalla concorrente che presentava il motore disassato sul lato destro del motociclo.

       

Alla fine degli anni cinquanta, contestualmente alla scelta di carrozzeria solo “chiusa”, la Lambretta viene rivista nella meccanica e nella carrozzeria, e passando per tre versioni (le serie LI), si arrivò nel 1962 ad ottenere il modello (LI III serie, “scooterlinea”) che poi, con pochissime modifiche estetiche, arrivò ad essere prodotto fino al 1972 (Lambretta DL), anno in cui la catena di montaggio fu venduta al governo indiano. Dei modelli degli anni 60, i modelli TV (Turismo Veloce) e SX (Special X) sono generalmente i più richiesti e desiderati, un successo dovuto alle loro prestazioni maggiorate e allook raffinato. Il modello TV fu il primo scooter al mondo a montare i freni a disco anteriori.

Oggi la Lambretta è un oggetto da collezionisti. Un’innumerevole quantità di Lambretta Club sparsi in tutto il mondo conserva ed alimenta il mito di questo storico scooter che, assieme alla Vespa, rappresenta inevitabilmente un’icona dell’Italia degli anni cinquanta e anni sessanta.

Musei  

Alla Lambretta è stato dedicato il “Museo dello Scooter e della Lambretta”, presente nel comune di Rodano, in provincia di Milano. Il museo contiene tutti gli archivi originali provenienti dalla Innocenti e tutti i modelli rappresentanti la produzione Lambrettistica.

Modelli Lambretta

Prodotti in Italia  

Scooter

  • Lambrett M (A) 125 – 1947-48
  • Lambrett B 125 – 1948-50
  • Lambrett C/LC 125 – 1950-52
  • Lambrett D/LD 125/150 – 1951-58
  • Lambrett E 125 – 1953-54
  • Lambrett F 125 – 1954-55
  • Lambrett TV 175 – 1957-58
  • Lambrett Li 125/150 – 1958-59
  • Lambrett TV 175 II serie – 1959-61
  • Lambrett Li 125/150 II serie – 1959-61
  • Lambrett Li 125/150 III serie – 1962-67
  • Lambrett TV 175 III serie – 1962-65
  • Lambrett Cento – 1963-65
  • Lambretta Junior 50 – 1964-71
  • Lambretta Junior 125 – 1964-69
  • Lambretta 125 Special – 1965-69
  • Lambretta X 200 Special – 1966-69
  • Lambretta X 150 Special – 1966-69
  • Lambretta Lui 50 – 1968-70
  • Lambretta Lui 75 – 1968-70
  • Lambretta DL 125/150/200 – 1969-71
  • Lambretta 48 (detto Lambrettino del prete) – agosto 1955 – marzo 1961

Caratteristiche tecniche – Innocenti Lambretta 150 li

Dimensioni e pesi

Ingombri (Lungh.xLargh.xAlt.) 1.825 x 710 x 1.038 mm
Altezze Sella: mm – Minima da terra: 165 mm
Interasse: 1.290 mm Massa a vuoto: 105 kg Capacità serbatoio: 8,5 l
Meccanica
Tipo motore: Monocilindrico a 2 tempi Raffreddamento: ad aria forzata
Cilindrata 148 cm3 (Alesaggio 57 x Corsa 58 mm)
Distribuzione: valvola lamellare Alimentazione: carburatore Dell’Orto MA 19-BS 5
Potenza: alla ruota 6,5 CV a 5.300 rpm Coppia: – Rapporto di compressione: 7:1
Frizione: multidisco in bagno d’olio Cambio: a 4 marce
Accensione elettronica CDI (anticipo fisso)
Trasmissione a catena
Avviamento a pedale
Ciclistica
Telaio centrale in tubi d’acciaio
Sospensioni Anteriori: a biella oscillante / Posteriori: monoammortizzatore con regolazione del precarico
Freni Anteriore: tamburo / Posteriore: tamburo
Pneumatici anteriore da 3,50″ 10; posteriore da 3,50″ 10
Fonte dei dati: Manuale uso e manutenzione  A0750

Di seguito carrellata di Lambretta con tutti i modelli prodotti

web



free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Precedente Ma che fine ha fatto e COME ERA e COME E' di SUSANNA MESSAGGIO Successivo Tributo a ZUZZURRO (Andrea Brambilla) - (1946/2013)

2 commenti su “LAMBRETTA – (1947/1972) – Italia

  1. Damien il said:

    Bonjour, je suis a la recherche d’une aile gauche pour lambretta J50 pouvez vous m’aiguiller dans ma rechercher ?
    Merci d’avance
    Cordialement
    Damien

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.