GIOCO DELL’ELASTICO fra i più amati negli anni 70 e 80

Gioco dell’elastico

gioco dell'elastico

Evoluzioni che ci riportano indietro nel tempo – Clicca Sopra

———————————————————————————————————–

Negli anni ’70/’80 il gioco dell’elastico era tra i giochi più amati dalle bambine. Dalla ricreazione a scuola alla merenda del pomeriggio: ogni momento era buono per metterlo intorno alle caviglie e saltare.

gioco dell'elastico

Ricreazione …. ora di “Elastico”

Per giocare all’ elastico, serviva avere a disposizione un elastico lungo almeno quattro metri ( il più delle volte l’elastico per riparare le mutande sottratto alla mamma) , i cui lembi venivano legati. e almeno tre giocatori perchè due dovevano tenere teso l’elastico mentre il terzo giocava anche se ….. in tanti usavano due sedie per allenarsi. Si può giocare all’ elastico, sia dentro che fuori che all’aperto in quanto basterà avere un pò di spazio a disposizione dove non si intralci nessuno e si possa fare un pò di baccano.

Gioco dell’elastico come si gioca

gioco dell'elastico

Due giocatori tengono l’elastico teso fra le loro gambe divaricate, mentre un terzo giocatore esegue la sequenza prestabilita dal gioco che vi elenchiamo più avanti.

Terminata la sequenza il gioco può continuare ripetendo tutto alzando l’elastico che verrà posizionato ad altezze diverse iniziando dalle caviglie per andare ai polpacci, alle ginocchia, alle cosce, alle anche, alle ascelle e infine al collo. Ovviamente, più l’elastico è alto e più sarà difficile concludere le sequenze correttamente.

gioco dell'elastico

Una volta che il primo giocatore ha concluso la sua sequenza, o sbaglia,  passa il turno al giocatore successivo. Quando il giocatore sbaglia, la volta successiva dovrà ripetere la sequenza che ha sbagliato, prima di proseguire. E alla sera ….. quando la mamma chiamava per la cena memorizzavamo la situazione corrente …. per riprenderla allo stesso punto il giorno seguente!

Sequenza tipica

Si parte con una sequenza di saltelli che  il giocatore fa posizionandosi lateralmente, a piedi pari (PP):

gioco dell'elastico

Anche i maschietti non disdegnavano il gioco dell’elastico

  1.   PP dentro l’elastico;
  2.   i due piedi esterni all’elastico, ritorno PP dentro l’elastico;
  3. piede destro (DX) fuori e piede sinistro (SX) dentro, ritorno PP;
  4. piede SX fuori e piede DX dentro, ritorno PP;
  5. i due piedi sopra l’elastico, ritorno PP;
  6. dall’interno, saltellare divaricando l’elastico, ritorno PP;
  7. all’esterno dell’elastico divaricando le gambe;
  8. sempre dall’esterno, saltello e avvicinare i lati dell’elastico;
  9.   PP dentro l’elastico;
  10. piedi pari fuori dall’elastico.

gioco dell'elastico

Inoltre i più bravi si potevano permettere anche delle vere e proprie evoluzioni con serie di salti davvero incredibili come …..

La busta: di fronte all’elastico, piedi uniti sotto il primo elastico: saltare oltre il secondo elastico portando il primo con sé, in modo da formare un triangolo (detto busta). A questo punto pestare il vertice del triangolo con i 2 piedi e saltare fuori.

La caramella: una volta fatta la busta come sopra divaricare le gambe posizionandosi verso il centro del rettangolo con l’elastico, la forma ricorda una caramella incartata; a questo punto un salto vigoroso per liberarsi dall’elastico e atterrare in mezzo al rettangolo.

La forbice: dentro il rettangolo: saltare fuori da entrambe le parti, dividendo quindi i piedi. unirli senza salti, stringendo l’elastico fra le caviglie e girarsi senza salti dalla parte opposta, facendo così attorcigliare l’elastico attorno alle caviglie. Saltare in modo da liberarsi e atterrare dentro il rettangolo con entrambi i piedi. Uscire.

Un vero e proprio “Salto” nel passato e nei ricordi che spero vi abbia fatto piacere.

gioco dell'elastico

web



free counters

Chiunque vanti titoli sulle foto di questo articolo mi contatti subito per la loro immediata rimozione

Per contattare l’amministratore di questo sito invia una mail a: francoberte1963@virgilio.it

oppure mi invii un messaggio sulla pagina Facebook

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*